Prospettiva Nevsky, a passeggio nell’arteria principale di San Pietroburgo

Guida alla Prospettiva Nevsky, il lungo viale nel centro di San Pietroburgo noto per ospitare molte delle più rinomate attrazioni della città, tra cui la Cattedrale di Kazan. La Prospettiva Nevsky si sviluppa per 4,5 chilometri, da Piazza del Palazzo, dove ha sede il Museo dell'Ermitage , sino a Piazza Alexander Nevsky, dove troviamo una statua equestre di Alexander Nevsky e un monastero di eccezionale bellezza. Ecco la Prospettiva Nevsky, San Pietroburgo.5 min


Prospettiva Nevsky, San Pietroburgo

La Prospettiva Nevsky,
il viale simbolo di San Pietroburgo

Scopri la guida completa su San Pietroburgo

Icona articolo

Quando si parla di San Pietroburgo è logico pensare alla Prospettiva Nevsky, o Nevskij per avvicinarci al russo. Traducibile come Corso della Neva, la strada è un vero e proprio percorso che da solo può rappresentare la città e le sue cose da vedere, da scoprire, da conoscere.

Il Nevsky Prospekt è un viale immenso, lungo 4,5 km, e la strada principale da percorrere se si vuole immediatamente conoscere San Pietroburgo e la sua gente.
In qualsiasi ora del giorno decidiate di percorrerlo lo troverete sempre affollato, sia dagli abitanti ma anche dai turisti, che spesso scelgono di dedicare un’intera giornata per visitarlo con estrema cura.
Il percorso inizia dalla Piazza del Palazzo, poco distante dall’Ermitage, e si conclude al Monastero di Alexander Nevsky.

Cenni storici

Prospettiva Nevsky, a passeggio nell'arteria principale di San PietroburgoIl viale venne inaugurato nel 1718 come una semplice strada di collegamento tra San Pietroburgo e Novgorod, oggi chiamata Velikij Novgorod. Il percorso che univa le due città, meno di 200 km, era agli inizi poco più di un sentiero paludoso con numerosi alberi e territori incolti.
L’importanza della strada di collegamento permise di erigere numerose costruzioni, prima in semplice legno e poi in pietra, garantendo una maggior durata e la sopravvivenza in caso d’incendi, eventualità che avveniva piuttosto di frequente.

La strada è intitolata al principe di Novgorod, Aleksandr Jaroslavič, nato nel 1220.
Il suo personaggio è legato a varie imprese militari, tra cui quella che gli attribuì il soprannome di Nevsky, ovvero la sconfitta alle truppe svedesi durante la battaglia del Neva, nel 1240.

Oltre al viale, San Pietroburgo lo ricorda con un monastero, edificato proprio sul luogo dove vinse la battaglia e conclusione del viale stesso.

La Nevskij è anche il viale dove ha sede la Cattedrale di Kazan, il principale edificio ortodosso della città. La sua costruzione, all’inizio del XIX secolo, coincide con il primo periodo di grande sviluppo di tutta San Pietroburgo.

E’ il momento in cui vengono aperte, molte proprio sulla Prospettiva Nevsky, banche ma anche uffici e i primi negozi.
Nella metà del secolo l’economia diventa fiorente grazie alla realizzazione della stazione ferroviaria, la Moskovsky, che univa San Pietroburgo con Mosca.
L’inizio del secolo successivo vide invece l’arrivo dell’illuminazione elettrica e i primi mezzi di trasporto, molti ancora trainati da animali.

Dopo un cambio nome, a seguito della Rivoluzione d’Ottobre, e i danni provocati dalla Seconda Guerra Mondiale, il viale vide nuovamente il suo sviluppo a metà dello scorso secolo.
Nel 1950 San Pietroburgo intende prepararsi a una mobilità più sostenibile realizzando le prime stazioni della metropolitana, alcune proprio lungo il viale. Con esse nascono anche i primi appartamenti, è il momento in cui la zona diventa prestigiosa per viverci.

La Cattedrale di Kazan, uno tra gli edifici fondamentali della Prospettiva Nevsky

Cosa vedere lungo la Prospettiva Nevsky

Prospettiva Nevsky, a passeggio nell'arteria principale di San PietroburgoUna passeggiata lungo il Nevsky Prospekt permetterà ovviamente di scoprire monumenti ed edifici realizzati in un lungo periodo, dal XVIII al XX secolo, con stili diversi e vari.
Il percorso inizia dalla Piazza del Palazzo, dove troviamo i primi numeri che contraddistinguono il viale, ma naturalmente può essere svolto anche in senso contrario.

La Piazza del Palazzo, l’inizio del nostro percorso, trova la Colonna di Alessandro a segnare il primo importante monumento da ammirare. Posta al centro della grande piazza, la sua costruzione risale tra il 1830 e il 1834 ed è dedicata all’imperatore Alessandro I, reduce dalla vittoria contro l’esercito di Napoleone.
La Piazza è anche la sede dell’Ermitage.

Il civico 18 della Prospettiva Nevsky propone invece oggi un ristorante, in passato invece noto come il Caffè Letterario, un tempo ritrovo di scrittori e letterati.
Il civico 17 propone invece il Palazzo Stroganov, raggiungibile giusto dopo aver attraversato il Ponte Verde che attraversa il fiume Moika. La sua costruzione è avvenuta per una delle famiglie più importanti della Russia della metà del XVIII secolo. Oggi è la sede del Museo Statale Russo.
Giusto di fronte potrete invece ammirare la Chiesa Riformata Olandese, costruita tra il 1834 e il 1839 per la grande comunità olandese che viveva in San Pietroburgo. Oggi l’edificio conserva al suo interno uffici e abitazioni residenziali.

Saliamo con le numerazioni per raggiungere il civico 28, dove ha sede una delle librerie più grandi del mondo, la Casa Singer.
Di fronte troviamo la Cattedrale di Kazan, raccontata in un articolo dedicato.

Pochi numeri civici dopo, al 32-34, troviamo la Basilica di Santa Caterina d’Alessandria, costruita nel 1763, e al civico 33 invece la Torre Comunale, realizzata invece tra il 1799 e il 1804.

La Prospettiva Nevsky dal civico 36

Prospettiva Nevsky, a passeggio nell'arteria principale di San PietroburgoIl numero 36 del lungo viale di San Pietroburgo trova la sede del Grand Hotel Europa, giusto di fronte alla Torre Comunale. La sua inaugurazione avvenne nel 1875 in sostituzione di un precedente albergo. Il lussuoso cinque stelle oggi è conosciuto come Belmond Grand Hotel e nel tempo ha ospitato numerosi personaggi illustri, da Elton John a Debussy.

Poco avanti troviamo invece il Gostnyn, il centro commerciale più antico della città con sede al numero 35 del viale.
Più tradizionalista il numero civico 40-42 che propone invece la Chiesa Apostolica Armena di Santa Caterina, costruita nel 1772 e solo nel 1993 rientrata tra gli edifici religiosi di San Pietroburgo.

Ammirate rapidamente la galleria commerciale del civico 48 e raggiungete il civico 56 dove ha sede un’altro importante centro commerciale, i Magazzini Yeliseev, il centro commerciale più turistico della città.

Proseguendo la passeggiata vi troverete nella Piazza Ostrovski, giusto a due passi dai Magazzini Yeliseev. Qui potrete invece ammirare il monumento a Caterina la Grande, realizzato nel 1873 e posto al centro in una delle piazze più interessanti di San Pietroburgo.
Sulla stessa piazza trova sede anche la Biblioteca Nazionale della Russia, in precedenza nota come Biblioteca Pubblica Imperiale. E’ tra le biblioteche più grandi al mondo con diversi milioni di libri.
Sempre in Piazza Ostrovski troviamo infine il Teatro Alexandrinsky, costruito nel 1756 e in perfetto stile imperiale. Oggi è noto anche come Teatro Drammatico dell’Accademia Nazionale della Russia.

Continuiamo a passeggiare per attraversare il Ponte Anichkov, che supera il fiume Fontanka, ammirando le statue equestri che lo caratterizzano.
Una volta superato raggiungerete il Palazzo Beloselski, al civico 41, oggi centro culturale della città.

La Prospettiva Nevsky, la stazione Moskovsky

Prospettiva Nevsky, a passeggio nell'arteria principale di San Pietroburgo
Il monumento Eroe della Città di Leningrado

Lungo il viale troviamo la stazione ferroviaria principale della città, spesso il punto di arrivo di molti turisti. Tra le cose da vedere a San Pietroburgo, la stazione ferroviaria Moskovsky è uno dei punti storici principali della città, sede del primo collegamento con Mosca e l’avvento dello sviluppo economico.
Oggi è anche sede di due stazioni della metropolitana.
Qui ha sede anche il terzo centro commerciale del viale, la Galleria Saint Petersburg.

Dall’altra parte della stazione troviamo la Piazza Vosstaniya, laddove si erge macchina fotografica il monumento Eroe della Città di Leningrado, un obelisco granitico che si innalza per 36 metri. Il monumento è stato posizionato nella piazza nel 1985 commemorando la vittoria russa sulle truppe tedesche nella Seconda Guerra Mondiale.

Altro monumento interessante è la statua equestre di Alexander Nevsky, situata nell’omonima piazza Alexander Nevsky, al termine del grande viale. Il monumento equestre, dal peso di quasi dieci tonnellate, è alto 9 metri ed è stato realizzato nel 2002.

A breve distanza dall’estremità meridionale della Prospettiva Nevsky troviamo il Monastero Aleksandr Nevskij-Lavra, costruito lungo le sponde del fiume Monastyrka. Il Monastero, di eccezionali dimensioni, è stato progettato agli inizi del XVIII secolo ed è un’eccezionale esempio di architettura barocca.

A terminare il nostro viaggio lungo la prospettiva troviamo il lungo Ponte di Alexander Nevsky, che connette i due lati della città superando il fiume Neva. Il ponte è stato inaugurato nel 1965 ed eccelle nelle sue dimensioni, con una lunghezza di oltre 900 metri. Fino a pochi anni fa era il ponte più lungo di San Pietroburgo.


 


Like it? Share with your friends!