Condividi su:

Cosa vedere a Larvotto, il quartiere del Principato di Monaco

Leggi tutti gli articoli sul Principato di Monaco

Mappa di Larvottoicona-articoloIl Principato di Monaco ci ha insegnato come in uno spazio molto piccolo si possano costruire attrazioni spettacolari. È il caso di Larvotto, il quartiere costiero dell’area settentrionale di Monaco. Il quartiere prende il nome dalla scenografica Boulevard du Larvotto, una delle principali arterie stradali della città, direttamente connessa con il confine settentrionale con la Francia.

Il Boulevard du Larvotto, durante la stagione estiva, prende le sembianze di un museo di extra lusso a cielo aperto. Tra moderne e lussuose palazzine residenziali e supercar d’eccellenza, il panorama urbano è a dir poco spettacolare.
Larvotto, inoltre, con i suoi 5400 residenti, è il quartiere più popoloso del Comune di Monaco, nonché sede dell’unica spiaggia pubblica del principato.

OneMag-logo
Link-uscita icona Montecarlo, scopriamo il Principato di Monaco

Cosa vedere a Larvotto, il quartiere-spiaggia di Monaco

Cosa vedere a Larvotto, il quartiere-spiaggia di Monaco\
Cosa vedere a Larvotto, il quartiere-spiaggia di Monaco

Il quartiere è relativamente piccolo e si può visitare anche in una mezza giornata. Consigliamo però di dedicare più tempo qualora decideste di visitare le singole attrazioni, ognuna incredibilmente interessante. La caratteristica più evidente di Larvotto è la sua omonima spiaggia, la più famosa di Montecarlo, interamente sabbiosa e presa d’assalto per cinque mesi l’anno, quando il sole rovente scalda la città.

La Promenade des Champions

Segnatevi di percorrere l’affascinante Promenade des Champions, un lungo viale che celebra i più grandi calciatori della storia, tra cui Platini o Maradona. L’intera promenade è costellata da una serie di impronte di piedi impresse nel cemento, per circa 100 metri, alle spalle del Grimaldi Forum.

Il Grimaldi Forum

Nell’estremità meridionale di Larvotto si trova, appunto, il Grimaldi Forum. Parliamo di un modernissimo centro congressi – molto moderno – in cui periodicamente si tengono esposizioni ed eventi di vario genere. Giusto a due passi ha sede la Villa Sauber, oggi adibita a sede del Nuovo Museo Nazionale, e l’affascinante Giardino Giapponese, uno dei migliori esempi in tutta Europa.

La Villa Sauber e la Villa Paloma

La Villa Sauber rappresenta una delle ultime ville Belle Epoque costruite a Monaco. Sebbene l’esatto anno di costruzione non sia noto, agli inizi del XX secolo la Villa apparteneva alla famiglia Blanc. Rappresentò inoltre un luogo di primaria importanza per lo sviluppo del Casino di Monte Carlo. Nel 1969 la Société Immobilière Domaniale de Monaco acquista la proprietà, composta dalla casa e dal giardino, rendendola di proprietà statale.

Oggi, come già sottolineato poc’anzi, la Villa Sauber è adibita a sede espositiva del Nuovo Museo Nazionale, assieme all’altrettanto elegante Villa Paloma. Il museo si caratterizza per una ricca esposizione che testimonia il notevole patrimonio storico-artistico di Monaco. La Villa Sauber ospita la sezione Arte e Spettacolo, mentre la Villa Paloma è sede dell’esposizione Arte e Territorio.

Il Giardino Giapponese

Concludiamo la nostra tappa a Larvotto visitando il Giardino Giapponese, aperto tutti i giorni dalle 9 di mattina e accessibile gratuitamente. L’ingresso del Giardino Giapponese è presso l’Avenue Princesse Grace ed è stato interamente progettato dall’architetto giapponese Yasuo Beppu. Il parco si estende su una superficie complessiva di 7000 mq, offrendo ai propri visitatori un suggestivo panorama tra i moderni grattacieli di Monaco e il tradizionalista stile giapponese.


 

Condividi su: