Condividi su:

Cosa vedere a Portoferraio

Tutti gli articoli della provincia di Livorno
Cosa vedere a Portoferraio, mappa
© Apple Maps

Icona articolo onemag

Cenni storici

Cosa vedere a Portoferraio, veduta dal mare

Portoferrario oggi è la località principale dell’isola con i suoi 12 mila abitanti circa. Si deve sapere che la cittadina odierna sorse all’alba del Rinascimento, periodo storico che viene fortemente rievocato nell’impianto urbano e nell’architettura del centro storico ben conservato. Tuttavia, quello del XVI secolo fu un insediamento che sorse in un sito ricco di leggende e racconti, legati a una località ben più antica, conosciuta come Porto Argo nelle narrazioni mitologiche. Con certezza, già gli etruschi popolarono questa esatta porzione dell’Isola d’Elba, venendo presto conquistata dai romani, che la resero un fiorente porto.

È di particolare notorietà il mito degli Argonauti, con certezza il più celebre, e affascinante, dei racconti della mitologia greca. Un gruppo di eroi leggendari si riunirono sotto la guida di Giasone, imbarcandosi sulla nave Argo e affrontando un lungo viaggio avventuroso che li condusse nelle temibili terre della Colchide, alla conquista del vello d’oro.

La leggenda degli Argonauti nacque sulla base di varie narrazioni di grandi autori classici. Il primo grande nome che firmò uno scritto legato all’Isola d’Elba fu Diodoro Siculo (90 – 20 a.C), che narrò degli Argonauti in viaggio per il Mar Tirreno alla ricerca del Vello d’Oro, facendo sosta sull’isola di Aethalia. Sebbene il nome fosse frutto della fantasia dell’autore, la leggenda folcloristica, sommata a studi più recenti, confermerebbe che Aethalia non fosse altro che l’Isola d’Elba.

E ancora, il mito narra che gli Argonauti sbarcarono nella zona delle Ghiaie, successivamente rinominata Argo, e si detersero il sudore con ciottoli candidi e porosi della spiaggia. Il sudore degli eroi, come vuole narrare la leggenda, macchiò i sassi e i ciottoli della spiaggia, dandogli il loro caratteristico e inconfondibile colorito nero-blu.

OneMag-logo
Link-uscita icona L’isola d’Elba, in vacanza nell’Arcipelago toscano

Cosa vedere a Portoferraio

Cosa vedere a PortoferraioDopo essere scesi dal traghetto che ci conduce all’Isola d’Elba, è arrivato il momento di iniziare a scoprire cosa vedere a Portoferraio. Inevitabile iniziare a scoprirne il piccolo fulcro storico, il centro cittadino al cui interno troviamo ville, castelli, chiese e tanto altro a pochi passi dal mare. Sono le sue antiche mura a conservare, ancora oggi, quella che in passato venne definita la Città Rosa a ricordo proprio della pavimentazione, in pietra rosata.

Qui inizieremo dirigendoci verso il Palazzo Comunale, riconoscibile per la sua colorazione interamente rosea derivata da alcuni interventi di rifacimento avvenuti nell’Ottocento. L’edificio fu voluto da Cosimo I con l’obiettivo di realizzare una produzione di pane e altri alimenti da dedicare sia alla popolazione che alle forze militari di Poroferraio. La biscotteria fu realizzata nel 1558 proprio per realizzare il biscotto, il pane da distribuire. Dopo aver ricoperto varie funzioni, è sede del Municipio della città.

Il simbolo per eccellenza di Portoferraio è Napoleone. Fu qui che l’imperatore decise di vivere il suo esilio del 1814 e 1815, meno di due anni in cui la cittadina si vide arricchita di una eleganza paragonabile proprio al suo ospite.

Ospite all’Isola d’Elba dal 4 maggio 1814 al 27 febbraio 1815. Napoleone diede un profondo contributo all’isola, rendendola più moderna ed efficiente. Oltre a rendere Portoferraio una località di primo livello, l’imperatore non badò a spese per realizzare alcune delle più belle residenze toscane: Villa dei Mulini e Villa San Martino (quest’ultima nell’omonima località). Villa dei Mulini fu la residenza cittadina di Napoleone ed è situata nel centro di Portoferraio, in una posizione tanto affascinante quanto strategica, poiché fa parte delle fortezze medicee di Portoferraio.

Realizzate a partire dal 1548 da Cosimo de’ Medici, da cui il nome delle fortezze, come difesa contro i turchi, le fortezze medicee di Portoferraio sono un complesso sistema di fortificazioni che rappresentava la principale difesa della città. Le prime opere a essere costruiti furono quelle di Forte Falcone, Forte Stella e la Torre della Linguella.

Nei pressi di Portoferraio sono presenti due ville risalenti all’epoca romana. La prima è la villa romana delle Grotte, si trova poco al di fuori del centro abitato, e dall’altura dove sorgeva si può godere di una splendida vista sul litorale sottostante. La seconda è la villa romana della Linguella, ormai inglobata all’interno dell’omonima torre.

OneMag-logo
Link-uscita iconaIsola d’Elba | Le 10 migliori spiagge dell’Isola d’Elba

Le spiagge di Portoferraio

Le spiagge più belle dell'Isola d'ElbaVisto che stiamo parlando dell’isola d’Elba, nell’itinerario delle cose da vedere a Portoferraio non potevano mancare le spiagge. In particolare, nei pressi del principale centro abitato dell’isola si trovano cinque delle spiagge più belle dell’isola d’Elba: sono delle Ghiaie, Padulella, Capo Bianco, Sansone ed Enfola. In estate, scoprirete dei luoghi semplicemente indimenticabili. Nelle altre stagioni, queste spiagge vi regaleranno dei panorami spettacolari.

Condividi su: