Poprad, guida alla città a nord della Slovacchia

Cosa vedere a Poprad, la città slovacca quasi al confine con la Polonia e la più grande della regione Spis, dove è appunto situata. E' una delle mete preferite per gli sport invernali, essendo infatti una tra le zone sciistiche più rinomate della Slovacchia, ma anche una meta ideale per gli escursionisti che qua vengono per scoprire i sentieri delle la catena montuosa condivisa la Polonia con diverse cime che superano i 2000 metri. Tra le cose da vedere a Poprad ricordiamo la Chiesa di San Giorgio, la Chiesa di Sant'Egidio e la Concattedrale della Vergine Maria dei Sette Dolori. Ecco la guida di Poprad, la città a nord della Slovacchia.4 min


Poprad, guida alla città a nord della Slovacchia

Guida di Propad, Slovacchia

icona-articolo

Nelle vicinanze della Polonia, nel nord della Slovacchia, troviamo Propad, una delle mete turistiche più visitate del Paese. La città di Propad è la più grande della regione Spis, abitata da poco più di 50.000 residenti, e posta ai piedi delle Alti Tatra, la catena montuosa condivisa con la Polonia con diverse cime che superano i 2000 metri.
Al suo interno troviamo anche due parchi nazionali, il TANAP (Tatranský národny park) ed il TPN, posto invece in Polonia.
Propad è anche una meta dedicata proprio agli escursionisti che da qua raggiungono i tanti sentieri delle Alti Tatra, ben distribuiti per livello di difficoltà.

Le sue origini scritte risalgono al 1256. La città non ebbe un immediato sviluppo, come è invece accaduto per le due vicine comunità di Veľká e Spišská Sobota. La sua prima crescita avvenne infatti diversi secoli dopo, nel 18° secolo per la precisione, quando Poprad riuscì a mantenere il passo delle altre città vicine. Il motivo di questa ripresa economica è stata la ferrovia Košice-Bohumín, inaugurata nel 1871.

Cosa vedere a Poprad

Se le prime fortune di Poprad avvennero grazie all’avvento della rete ferroviaria, c’è anche da dire che da quel momento in poi gli abitanti non rimasero certo fermi. Nel corso dei decenni, la città ha saputo svilupparsi ed ampliarsi, diventando la più grande della sua regione e decima come città della Slovacchia.

Oggi le rivali Spišská Sobota e Veľká sono state ampiamente superate da una città che regala momenti culturali, tradizione ma che ha anche uno sguardo rivolto verso la modernità ed il futuro.

– Il centro storico

Chiesa San Giorgio
Chiesa San Giorgio

Il fulcro della città è determinato dalla piazza centrale di Poprad, la piazza di Sant’Egidio, una piazza ricca di abitazioni barocche costruite tra il XVIII e XIX secolo. Sulla Piazza si affaccia l’omonima chiesa, edificata nel fine del XIII secolo, realizzata in stile gotico. Poco tempo dopo la sua costruzione, venne completamente distrutta e ricostruita solo nel XIV secolo.

Il meraviglioso campanile rinascimentale è stato invece realizzato in un secondo momento, nel XVI secolo, e per oltre un secolo venne utilizzata come chiesa evangelica, trasformando il suo titolo in Chiesa della SS. Trinità.
La riconversione in chiesa cattolica avvenne nel XVIII secolo.

Tra gli altri monumenti da vedere a Poprad troviamo anche la Chiesa di San Giorgio. Realizzata nella metà del XIII secolo con interni gotici e un maestoso altare e del noto Maestro Paolo di Levoca è caratterizzata da una torre rinascimentale costruita anche questa posteriormente, nel 1598.
Altra piazza da visitare a Poprod è la Spišská Sobota, ricca di case pittoresche e dal 1950 dichiarata area protetta per l’alto valore architettonico e urbanistico.

Per conoscere meglio la città di Poprad niente di meglio che organizzare una tappa al Podtatranské múzeum, che racconta anche numerosi aneddoti storici della regione Spis. Al suo interno anche numerose opere d’arte, quali dipinti e sculture, realizzati sia da artisti locali che internazionali.

– Altri edifici religiosi

Spišská Sobota

Da non perdere in una visita a Poprad anche la Chiesa di Sant’Egidio, costruita la prima volta nel 1245 e, durante i secoli, più volte distrutta e completamente rifatta. E’ uno dei monumenti religiosi più antichi di Poprad e merita una visita per ammirare le sue forme gotiche, rimaste presenti durante i vari restauri.
Al suo interno sono da vedere gli affreschi del XV secolo.

La Concattedrale della Vergine Maria dei Sette Dolori rappresenta invece una delle costruzioni religiose più insolite. Completamente restaurata nel 1939, l’edificio -realizzato a metà del 1800– si presenta con una struttura moderna e di ampie dimensioni. La Concattedrale di Poprad è infatti lunga ben 48 metri per 22 di lunghezza. Al suo interno sono da ammirare numerose sculture.

OneMag-logo
Slovacchia, il fascino termale dei Piccoli Carpazi

In vacanza a Poprad

Vacanze invernali a Poprad

Oggi Poprad è una meta turisticamente interessante soprattutto nel periodo invernale.
E’ infatti una delle destinazioni eccellenti per gli appassionati di sci, che a Poprad trovano numerose piste di ogni livello di difficoltà. Sciare a Poprad significa percorrere percorsi unici, inseriti in un contesto di natura rigogliosa.
L’offerta viene completata dalle tante scuole di sci che hanno saputo attirare anche i poco esperti.

Diverse le piste nere, quelle per sciatori esperti, ma anche le aree dedicate agli snowboarder, tutte raggiungibili anche attraverso comodi ascensori che dalle hall degli hotel conducono proprio sulle piste.

Ma Poprad naturalmente non è solo sci. Qui è ottimo programmare una giornata di relax in uno dei tanti ristoranti che propongono cucina locale o in uno dei locali, pronti ad offrirvi un bicchierino di slivovica, il liquore super forte dal sapore di prugna.

E, dopo essersi saziati e scaldati, è il momento di recarsi alla funicolare di Hrebienok, in partenza da Starý Smokovec e che raggiunge proprio Hrebienok, punto di partenza di varie escursioni nelle valli. Una volta sopra avrete modo di passeggiare tra sculture di orsi realizzati in legno e tra lettini che assicurano un dolce riposo. Qua però si viene soprattutto per ammirare i campioni di sculture di ghiaccio che si sfidano per il Tatra Ice Master, una competizione tra le più emozionanti in assoluto.

Sotto, invece, a Starý Smokovec è da non perdere la galleria TrickLandia, il modo per scoprire la Slovacchia con trucchi ed illusioni ottiche, una sala gravità ed un labirinto di specchi che è il più bello di tutta l’Europa centrale.

OneMag-logo
Cosa vedere a Bratislava

I dintorni di Poprad

il Castello di Spis

Altra meta da non perdere in una vacanza a Poprad è il Castello di Spiš, una quarantina di km dal centro cittadino.

Il Castello è il più grande comprensorio di rovine di manieri di tutta l’Europa centrale, oltre 4 ettari di storia e cultura.

Nei dintorni del castello sono da ammirare anche altre attrazioni, tra cui il villaggio di Spišské Podhradie e la città di Levoča, entrambe annoverate come Patrimonio Mondiale dell’UNESCO.

Nei dintorni di Poprad merita inoltre una visita il parco nazionale più recente della Slovacchia. Al suo interno troviamo anche la Riserva Naturale di Kyseľ  caratterizzata dalla grotta di ghiaccio più grande di tutta l’Europa, la Dobšinská ľadová jaskyňa.

OneMag-logo
Slovacchia, guida turistica di viaggio

Quando andare a Poprad

I mesi migliori per visitare Poprad

Le temperature medie di Poprad cambiano drasticamente durante il corso dell’anno. Circa 6 dei 12 mesi mantiene una temperatura costantemente fredda, ma con escursioni notevoli tra il giorno e la notte, mentre l’altro semestre ha temperature più miti e con poche precipitazioni.

I mesi migliori per visitare Poprad sono quelli estivi, da giugno ad agosto, quando le temperature assicurano circa 20°C durante le giornate, rendendo piacevole qualsiasi escursione.

Per avere temperature ancora più calde occorre recarsi a Poprad nelle prime due settimane di agosto, quando le temperature massime raggiungono e talvolta superano i 25°C e raramente scendono al di sotto dei 12°C.


Like it? Share with your friends!