Paesaggio urbano di Ponte di Legno, provincia di Brescia

Ponte di Legno, la rinomata località in Val Camonica | Cosa vedere a Ponte di Legno


Condividi su:

Cosa vedere a Ponte di Legno, l’importante stazione sciistica della Val Camonica

Leggi tutti gli articoli della provincia di Brescia
Mappa di Ponte di Legno, in provincia di Brescia
Mappa di Ponte di Legno, in provincia di Brescia | © Yandex Maps

Icona articolo onemag

Nell’area settentrionale della provincia di Brescia, incastonato nel pittoresco territorio della Val Camonica si trova la località di Ponte di Legno. Principale cittadina della Val Camonica, Ponte di Legno conta circa 1700 abitanti per un’estensione comunale di 100 chilometri quadrati, superiori perfino allo stesso capoluogo di provincia, che si ferma a “soli” 90 kmq.

La ragione per cui Ponte di Legno conta una tale superficie la si ritrova nel paesaggio circostante. Infatti, la spettacolare cornice di boschi e montagne è pressoché disabitata e distante da molti altri comuni, caratterizzata da comprensori sciistiche e numerose piste. Questi comprensori sono stati annessi al comune di Ponte di Legno, per varie ragioni, tra cui senz’altro anche quella del prestigio che possiede la località.

È considerata difatti un’eccellenza nel suo genere nonché principale destinazione sciistica della provincia di Brescia e tra le prime di tutta la Lombardia. Amministrativamente appartiene alla provincia di Brescia, in Lombardia, ed è l’ultimo comune prima del confine con la provincia di Trento, confinando col comune di Vermiglio, tramite il Passo del Tonale.

 

Cosa vedere a Ponte di Legno

Il centro storico di Ponte di Legno, in provincia di Brescia
Il centro storico di Ponte di Legno, in provincia di Brescia

Nel centro storico di Ponte di Legno possiamo visitare la Chiesa della SS Trinità del 1685 e la Chiesa di Sant’Apollonio nei pressi di Plampezzo. L’edificio risale al XI secolo e conserva al suo interno affreschi del XIII secolo opera del pittore Johannes da Volpino. È considerata una delle più antiche chiese della Val Camonica.
Tra le architetture più antiche, situate poco fuori il borgo alpino, citiamo il Castello di Castelpoggio in località Poia. Sullo stesso luogo era già presente una struttura fortificata di epoca longobarda successivamente dismessa nel 1455 a causa di un editto emesso da Venezia in cui si ordinava la distruzione delle rocche camune. Nel 1853 erano ancora presenti dei ruderi.

 

Sciare a Ponte di Legno

Dove sciare in Trentino Alto Adige, le mete preferiteDurante l’inverno, il comprensorio Pontedilegno-Tonale è una delle destinazioni sciistiche più apprezzate dell’arco alpino. Con una grande varietà di piste alla portata sia dei principianti che degli sciatori più esperti.

Ponte di Legno può vantare un turismo molto attivo sia in inverno che in estate. Pensate che questa località può vantare il titolo di prima stazione italiana di turismo e sport invernale, titolo fornitogli dal Touring Club Italiano nel lontano 1912.

E in effetti, nel versante trentino, Ponte di Legno presenta un gran numero di piste, che sommate formano tracciati di oltre 80 chilometri. Collegate con lo Skirama Dolomiti Adamello-Brenta, le piste di Ponte di Legno sono di tutte le difficoltà e, nonostante la vicinanza del Ghiacciaio della Presena assicuri tanta neve non solo durante il periodo invernale, non sono rare piste con innevamento artificiale. I numeri, oltre agli 80 chilometri di tracciato, ci dicono che qui troverete 10 impianti di risalita, 18 piste in discesa 21 chilometri di tracciato per sci di fondo.

 

Musei della Guerra Bianca

Gli appassionati di storia che hanno deciso di visitare Ponte di Legno non possono non fare una visita ai musei della Guerra Bianca, che custodiscono i residuati bellici della Prima Guerra Mondiale, ritrovati sui monti dell’Adamello – Presanella. In particolare, nei Musei della Guerra Bianca a Temù e a Vermiglio, troverete in esposizione armi, divise ed oggetti di uso quotidiano. Al Passo del Tonale, invece, si trova il Monumento ossario, simbolo del sacrificio dei soldati che avevano combattuto la Guerra Bianca.


 

Condividi su: