Ponte dell’Immacolata sul Trenino Rosso del Bernina

Ponte dell’Immacolata tra Italia e Svizzera
a bordo del Trenino Rosso del Bernina

Lo state aspettando dal 31 agosto ed ora, che cominciano ad affacciarsi le idee per renderlo piacevole, non state nella pelle dalla felicità. Lui è il ponte dell’Immacolata e voi siete degli inguaribili vacanzieri, di quelli che di solito all’inizio dell’anno scolastico sfogliavano il calendario evidenziando i periodi di vacanza in attesa dell’estate seguente.

Lo abbiamo fatto tutti, non c’è da vergognarsi. La certezza che ogni occasione di evasione è come una boccata di ossigeno per la mente e per lo spirito, perché viaggiare è sempre la miglior cura per quasi tutto. E se avete voglia di organizzare una fuga dalla quotidianità anche in occasione del ponte dell’Immacolata, siete fortunati perché le alternative interessanti sono numerose.

Il trenino tutto rosso

La vicina  Svizzera, per esempio, si rivela una destinazione interessante in grado di conciliare offerte differenti ed accattivanti. Da ricordare, soprattutto, che qui c’è il famoso Trenino Rosso del Bernina, un treno davvero tutto rosso che offre un emozionante viaggio tra le Alpi.

Ponte dell'Immacolata tra Italia e Svizzera

Per godere pienamente del tour a bordo dell’espresso più lento d’Europa, si può sfruttare l’intero weekend. Arrivando a Tirano, stazione di partenza e di ritorno del Bernina Express, infatti, si può visitare la cittadina, punto d’incontro di culture e tradizioni, anche gastronomiche, soggiornarvi e l’indomani prendere il treno per l’affascinante tour. E poi tornare.

Consultando gli orari del treno sarà possibile pianificare eventuali soste o scegliere una destinazione alternativa e, nel frattempo, godersi il viaggio in un vagone confortevole e riscaldato ammirando gli scenari bellissimi. Il primo paese che s’incontra dopo Tirano è Campocologno, al confine tra Italia e Svizzera, che fa il suo ingresso nel Canton Grigioni e il treno inizia la salita raggiungendo Campascio e poi Brusio con un viadotto elicoidale ed un panorama imperdibile a tutto campo.

Viaggio sul trenino rosso del berninaViaggio a bordo del trenino Rosso del Bernina
Se non avete mai viaggiato sul trenino Rosso del Bernina è una esperienza unica da fare nella vita. Ecco un itinerario che vi proponiamo.

Continua a leggere

Il tragitto

Seguendo le sponde del lago di Poschiavo si passa da Le Prese e Miralago, per poi arrivare a Poschiavo, un comune svizzero di impronta italiana. Percorrendo la via del vino si arriva a Cavaglia con il giardino dei ghiacciai ed i pentoloni dei giganti. Bella vista del laghetto Palù e poi la tappa tipicamente svizzera già nel nome: Alp Grüm, sosta per amanti dell’escursionismo e della fotografia. Qui dalla terrazza panoramica si può ammirare il Piz Palù oppure proseguire sino ad Ospizio Bernina con la vista incantevole sul Lago Bianco e sul Lago Nero prima di intraprendere la discesa verso St. Moritz.

Il ponte dell'immacolata sul Bernina Express

Bernina Lagalb è una fermata dove si può scendere e sciare veramente in alto. Per ammirare l’imponente ghiacciaio si può scendere alla fermata del Bernina Diavolezza. La fermata Morteratsch è ideale per una gita tutta natura e Pontresina per concedersi un giro in carrozza e cavalli. Per finire arriviamo St. Moritz, la città clima champagne che ha più di 300 giorni di sole all’anno e considerata la capitale del turismo invernale.

Alle 19 c’è l’ultimo treno per tornare a Tirano, sicuramente felici per aver fatto un insolito viaggio nel cuore delle Alpi, godendo di panorami mozzafiato e di qualcosa da ricordare o, magari, da riprovare in estate quando il Trenino Rosso offre carrozze cabrio o con le vetrate a cupola. E allora buon fine settimana e bon voyage!

Scopri di più:

Bruges, ecco cosa vedere nella città belga
Visitare Palermo e le sue attrazioni

 

Condividi su: