Ponte dei Draghi a Lubiana

Il Ponte dei Draghi a Lubiana è situato nel cuore della capitale di uno dei paesi più verdi d'Europa, la Slovenia. Progettato e costruito all'inizio del 20° secolo, il ponte ha sostituito il precedente pericolante Ponte dei Macellai. La nascita del Ponte dei Draghi di Lubiana, oltre che essere un simbolo, era caratterizzato dall'utilizzo del cemento diventando da subito il ponte più lungo di allora realizzato con questo materiale. Imperdibili le statue dei draghi poste ai lati del passaggio. Ecco il Ponte dei Draghi, il simbolo di Lubiana.

Ponte dei Draghi,
il simbolo della città di Lubiana

icona-articoloSituato nel cuore di Lubiana, capitale di uno dei paesi più ‘verdi’ d’Europa – la Slovenia -, il Ponte dei Draghi rappresenta un simbolo di elevata importanza storica e culturale per la comunità della città.
Passeggiando oggi per Lubiana, tra edifici storici e numerosi spazi verdi, si potranno scorgere solo pochi edifici moderni, segno che qua la storia è tra le principali protagoniste.

Torniamo indietro nel tempo, a più di un secolo oggi, precisamente negli ultimi anni del 19° secolo. Lubiana era una città diversa, certamente in parte industriale, ma con un carattere che riusciva ancora ad emanare quel fascino da fiaba medievale. Gli abitanti si spostavano in città con l’utilizzo di carrozze o, più semplicemente, a piedi. Le strade erano di pietra e gli edifici che le contornavano portavano il caratteristico marrone scuro del legno d’abete.
Era arrivato il momento di pensare a come attraversare il fiume Lubjanka in sicurezza, visto che l’attuale ponte di attraversamento non era più adatto alle esigenze di una città in forte crescita.

Il Ponte dei Draghi

Cosa vedere a Lubiana, Ponte dei Draghi

La progettazione

In questo periodo il professore Josef Melan, celebre progettista di ponti in ferro armato, veniva incaricato di ideare un ponte che sostituisse l’allora Ponte dei Macellai, già esistente dal 1819. Un ponte a tratti instabile, sicuramente non adatto all’esigenza di una città in costante sviluppo demografico.
Nasceva cosi la figura, almeno sulla carta, dell’attuale Ponte dei Draghi.
Il comune di Lubiana non aveva però bisogno di un semplice ponte, aveva bisogno di un simbolo per inaugurare l’avvento del nuovo secolo mostrando una decisa evoluzione tecnologica ed artistica.

Lo stile artistico, quello del Sezzesion (Secessione), del ponte è opera di un giovane Giorgio Zaninović, architetto allievo del viennese urbanista Otto Wagner – padre dello stile architettonico dell’Art Nouveau.

Le figure dei draghi a Lubiana

Cosavedere a Lubiana, Ponte dei Draghi

Originariamente il progetto del ponte doveva essere caratterizzato da un paio di opere scultoree raffiguranti dei grifoni. Ma queste creature fantastiche non simboleggiavano Lubiana e tantomeno la sua storia.
L’idea dei grifoni viene sostituita da quattro draghi, ognuno posto ai lati dell’attuale ponte. La scelta dei draghi viene considerata, per quanto ovvia per i cittadini, la più corretta, in quanto costituiscono un’importante simbolo comunale.

Secondo leggende, il territorio sloveno era popolato da queste creature, la cui ultima viene uccisa da Giasone, l’eroe greco che si trovava di passaggio a Lubiana con gli Argonauti. Anche lo stemma della città porta la figura dei draghi, divenendo ad oggi parte della cultura cittadina, nonché simbolo di Lubiana.

OneMag - Logo Micro
Lubiana, cosa vedere nella capitale slovena

L’inaugurazione

Nel 1901 il Ponte dei Draghi, originariamente chiamato Ponte del Giubileo, viene attraversato per la prima volta. Rappresentava una vera e propria rivoluzione, non tanto per la sua architettura, bensì per l’utilizzo – primo avvento in città – del cemento, permettendo cosi ai cittadini di poter solcare una strada di asfalto. Inoltre il Ponte dei Draghi nell’Europa di allora rappresentava uno dei ponti più lunghi realizzati con questo materiale.

Cosa vedere a Lubiana, Ponte dei Draghi

Oggi turisti e abitanti attraversano quotidianamente il Ponte dei Draghi, spesso non notando la sua bellezza che accoglie i visitatori nel centro storico della città. I dettagli architettonici, se osservati con cura, riescono a stupire per la loro bellezza e raffinatezza, in special modo quelli di archi e parapetti, invitando le persone ad ammirare il contorno che può essere visto dal fiume Lubjanka.

I pilastri collocati alle estremità del ponte accolgono le celebri sculture dei draghi. Anche queste opere sono realizzate curando in ogni minimo dettaglio, donando alle figure un aspetto minaccioso.

Scopri di più:

Il castello di Lubiana
Lubiana, 4 musei da non perdere nella capitale slovena
Cosa vedere a Lubiana
Cosa conosciamo di Celje e del suo castello

 

Condividi su: