0
Condividi su:

Pont Alexandre (Ponte Alessandro III)

Cosa vedere a Parigi

icona-articoloIl Ponte Alessandro III, in francese Pont Alexandre III, è uno dei più famosi ponti di Parigi. Il ponte collega il VII con l’VIII arrondissement della capitale francese ed è il simbolo della storica amicizia tra Francia e Russia, intitolato allo zar Alessandro III. Il monumentale ponte si caratterizza per il suo pregevole stile Art Nouveau e si estende tra l’area del Grand Palais e del Petit Palais, lungo la sponda destra del Senna, e dell’Hôtel des Invalides, lungo la riva sinistra.

È comunemente descritto come il più bel ponte parigino, nonché uno dei più ‘vissuti’ dai cittadini e turisti, in quanto connette gli Champs-Élysées con Les Invalides e la Torre Eiffel. È un’attrazione turistica di pregevole fattura, una tappa che non può essere persa durante una vacanza a Parigi.

Cenni storici

Ponte Alessandro III, ParigiIl Ponte Alessandro è stato inaugurato in occasione della celebre Esposizione Universale di Parigi, tenutesi nel 1900. Quattro anni prima, nel 1896, la prima pietra fu posta dallo stesso zar di Russia Nicola II, come simbolo dell’eterna amicizia tra Russia e Francia. Tuttavia, la storia del Ponte Alessandro III ha origine nel 1891. In questo anno fu stipulato un accorto di alleanza tra Alessandro III, padre di Nicola II, e l’allora Presidente della Repubblica francese, Sadi Carnot.

Sul lato orientale del ponte è possibile leggere la scritta ‘Il 14 aprile 1900, Emile Loubet, Presidente della Repubblica, ha aperto il World Expo ed ha inaugurato il Ponte Alessandro III’, ovviamente in francese. Le dimensioni del ponte sono davvero eccezionali, grazie alla sua lunghezza di 154 metri e larghezza di 45 metri. Dal 1975 il Ponte Alessandro III è stato dichiarato monumento storico della Francia.

OneMag-logo
Link-uscita icona Scopri il più bel borgo della Costa Azzurra: Mentone

Descrizione

Descrizione Ponte Alessandro III
Descrizione Ponte Alessandro III

Ai quattro lati del ponte si innalzano una serie di piloni di 17 metri, le cui cime sono decorate con ornamenti bronzei di rara bellezza. Al centro del ponte sono presenti invece dei modelli di rame martellato che decorano la volta dell’arco. L’intero ponte è poi decorato con opere scultoree. Tra cui la raffigurazione di Neva e le ninfee del Senna che accompagnano le braccia d’oro della Russia. A dar luce a questa splendida struttura vi sono ben 32 candelabri.
Queste decorazioni, di fattura particolarmente pregevole, sono del tutto rimaste intatte in oltre 120 anni di storia del ponte.

Il Ponte Alessandro III è stato realizzato dagli architetti francesi Joseph Cassien-Bernard e Gaston Cousin, in collaborazione con i rinomati ingegneri Jean Résal e Amédée d’Alby. L’unico restauro del Ponte Alessandro III è avvenuto nel 1988, opera che restituì al ponte il suo caratteristico colore grigio originale.


 

Condividi su:

Like it? Share with your friends!

0