Piccadilly Circus, Londra | Guida a Piccadilly Circus

Guida a Piccadilly Circus, cuore pulsante ed energico di Londra. Conosciuta in tutto il mondo per le sue insegne, a Piccadilly convergono numerose strada, rendendola una tra le più trafficate della capitale inglese. Ogni anno in questo Circus, uno spazio circolare realizzato allo scopo di regolare il traffico nel 1819, transitano oltre 100 milioni di persone. Scopriamo insieme Piccadilly Circus, a Londra.3 min


0
Guida a Piccadilly Circus
Condividi su:

Cosa vedere a Piccadilly Circus

Londra | Cosa vedere a Londra, la guida completa

Icona articolo

Cuore pulsante ed energico di Londra, Piccadilly Circus è una tra le grandi piazze più famose di Londra. Conosciuta in tutto il mondo per le sue insegne, a Piccadilly convergono numerose strada, rendendola una tra le più trafficate della capitale inglese.
Una continua vetrina pubblicitaria, aperta giorno e soprattutto di notte, presente su uno degli edifici involontariamente più fotografato di Londra, il palazzo noto con il termine di Monico in cui è posizionata una statua di Eros, anche se in effetti non è di Eros… Ma poco importa, lo scopo di proteggere amanti e coppie è nonostante tutto riuscito.

Piccadilly Circus

Cosa vedere a Londra, Piccadilly Circus panoramaOgni anno in questo Circus, uno spazio circolare realizzato allo scopo di regolare il traffico nel 1819, transitano oltre 100 milioni di persone. Qui si incrocia infatti con Regent Street e anche Piccadilly Rd, a loro volta due delle arterie più trafficate in assoluto.
La circolarità realizzata a inizio del 1800 venne persa verso la fine del secolo, nel 1886, quando venne realizzata Shaftesbury Avenue.

Trovandosi proprio nel cuore del West End è facile comprendere come qui ci si ritrovi anche per lo shopping, grazie ai numerosi negozi presenti, facilmente raggiungibile grazie anche alla fermata della metropolitana, costruita nel 1906 e oggi raggiunta da due linee, la originaria Bakerloo Line e la più recente Piccadilly Line.
Nessun problema per trovare un’ingresso: nonostante le centinaia se non migliaia di persone sempre presenti, troverete a ogni angolo una scala pronta ad accogliervi.

Piccadilly Circus, le origini del nome

Cosa vedere a Londra, Piccadilly Circus veduta
La piazza più famosa di Londra ha anche una curiosa origine legata al suo nome.
Nella Londra della meta tra il secolo XVI e il successivo erano di moda dei colletti per indumenti, noti con il nome di Picadils.
Erano oggetti distintivi e di gran richiamo, ragione per cui il sarto che li ideò, Sir Robert Baker, fece una vera e propria fortuna con la loro vendita.

Con il ricavato comprò un terreno periferico, per la Londra di allora. Dove sorgevano unicamente campagne, il sarto fece costruire nel 1626 una grande residenza di campagna.
La Piccadilly Hall, questo il suo nome, era stata eretta proprio dove oggi sorge l’attuale Piccadilly.
Dalla realizzazione dell’abitazione vennero iniziate la costruzione di alcune prime vie di comunicazioni tra cui, nel 1692, la Portugal Street, cosi intitolata in onore di Caterina di Braganza, regina consorte del re Carlo II d’Inghilterra. Resistette con questo nome pochi anni: nel 1743 il suo nome era già Piccadilly Road.

Link-uscita icona Scopri la scenografica Cattedrale di San Paolo di Londra

La statua di Piccadilly Circus

Cosa vedere a Piccadilly Circus, Fontana di Eros
Uno dei simboli iconici di Londra è la sua fontana, la
Shaftesbury Memorial Fountain, intitolata al filantropo Ashely Cooper, il VII conte di Shaftesbury.
Proprio in cima troviamo la statua di Eros, o meglio quella che in molti credono sia tale.
Realizzata dallo scultore Alfred Gilbert, la statua di Piccadilly Circus rappresenta in realtà l’Angelo della Carità Cristiana.
Chi è rappresentato non è quindi Eros bensì Anteros, figlio di Ares e di Afrodite, il fratello di Eros.

Il monumento, eretto nel 1893, ha il basamento realizzato in rame mentre la statua è in alluminio, materiale piuttosto raro per l’epoca.
Nel periodo della sua inaugurazione la stampa e molti londinesi la definirono una ‘bruttezza’, e ci volle poco perché la statua stessa divenne meta di vandalismi e sfregi. Del resto l’area era adibita a parco giochi, facile comprendere come fosse semplice per chiunque sfregiarla.
Anche nella recente storia la statua ha subito vari attacchi, come quello risalente al 1994 quando un turista ubriaco scelse di scalarla, piegandola.

Una curiosità: per lungo tempo di è pensato che l’arciere dirigesse la sua freccia verso la residenza di campagna del conte, come tributo. In realtà è stato facilmente dimostrato che la direzione della freccia punta invece verso il Parlamento.
Durante la seconda guerra mondiale la statua venne del tutto rimossa e sostituita con dei cartelloni pubblicitari. Tornò al suo posto solo nel 1948 e negli anni ’80, durante la ricostruzione della piazza, la fontana venne spostata dalla sua vecchia sede, all’inizio di Shaftsbury Avenue, alla posizione attuale.

Le insegne luminose di Piccadilly Circus

Cosa vedere a Londra Piccadily circus insegne luminose
Ancor più della fontana, Piccadilly è facilmente riconoscibile per le sue insegne luminose.
Le insegne non sono una prerogativa recente. Le prime erano già presenti agli inizi dello scorso secolo, apposte però sugli edifici di tutta la piazza. Oggi è invece presente unicamente su un edificio.

Le prime insegne venivano illuminate grazie a lampadine incandescenti, solo negli anni ’40 arrivarono le insegne a neon.
La pubblicità più longeva è quella della Coca-Cola, presente dal 1954.
Poche le occasioni in cui le luci pubblicitarie vennero spente, durante il secondo conflitto mondiale, nel periodo del funerale a Churchill e alla Principessa Diana e, più recentemente, nel WWF Earth Hour.

Nel 2011 i vecchi impianti al neon, pur se perfettamente funzionanti, vennero sostituiti con 6 schermi a tecnologia led mentre nel 2017 il passaggio ha portato l’Ultra HD, la definizione 4K.
Per la realizzazione di quest’ultima variante le luci sono state spente da gennaio del 2017 fino all’autunno, un lunghissimo periodo reso necessario per il completo rifacimento dell’impianto.
Oggi l’effetto è ancora più affascinante come importante è la spesa che gli inserzionisti devo affrontare annualmente. Per essere presenti sulla più grande vetrina pubblicitaria del mondo occorrono circa 30 milioni di sterline l’anno.


Condividi su:

Like it? Share with your friends!

0