Condividi su:

La Piazza del Palazzo

Guida su cosa vedere a Piazza del Palazzo, San Pietroburgo

→ Scopri la guida completa su San Pietroburgo

Nel cuore di San Pietroburgo, il simbolo cittadino per eccellenza è la Piazza del Palazzo. Situata lungo la sponda del fiume Neva, la Piazza del Palazzo è il punto nevralgico della cultura, del turismo e della storia della città, in passato capitale della Russia zarista. Proprio la Piazza del Palazzo, nel Palazzo d’Inverno, tra il 1754 e il 1904 era la residenza dei regnanti

In passato, il luogo su cui oggi sorge la Piazza del Palazzo si presentava relativamente fatiscente, di stampo prettamente residenziale e certamente meno affascinante come possiamo ammirare oggi.

Ed è cosi che Carlo Rossi, architetto italiano naturalizzato russo, progettò la Piazza: un intero isolato di abitazioni venne demolito, cosi da ottenere lo spazio necessario per l’opera architettonica, oggi inserita nei Patrimoni dell’Umanità dall’UNESCO.

La Piazza è delimitata da alcuni dei maggiori edifici della città. Il Palazzo d’Inverno, e il Museo dell’Ermitage, a nord, mentre a sud troviamo il Palazzo dello Stato Maggiore. A ovest comincia la Prospettiva Nevsky ed è la sede dell’Ammiragliato

Piazza del Palazzo è interamente pedonale, con un’estensione di circa cinque ettari, ed è frutto di un progetto edile risalente tra il XVIII e il XIX secolo

Scopri le imperdibili attrazioni lungo la Prospettiva Nevsky a San Pietroburgo

Cenni storici

Piazza del Palazzo, San PietroburgoIn ordine cronologico, la Piazza del Palazzo venne progettata nella seconda metà del XVIII secolo. Nel 1762 venne inaugurato il Palazzo d’Inverno, progettato dall’architetto italiano naturalizzato russo Francesco Bartolomeo Rastrelli.

La Piazza venne dotata dell’emiciclo monumentale e dell’arco trionfale nel 1784, di cui quest’ultimo progettato da Carlo Rossi. Nel 1834 al centro della Piazza è stata collocata la Colonna di Alessandro, dedicata alla vittoria contro Napoleone Bonaparte. 

Nella prima metà del XX secolo la Piazza è stata protagonista dei più significativi eventi che portarono all’istituzione della Russia Sovietica. Nel 1924 si ricorda il particolare evento degli scacchi viventi con i soldati dell’Armata Rossa e della Marina.

Durante l’anno 1977 la Piazza del Palazzo venne dotata della sua attuale pavimentazione e nel 1991 si tenne la manifestazione contro il Comitato Statale per lo Stato di Emergenza.
Nel 2007 venne installata una pista di pattinaggio temporanea, chiusa nel marzo del 2008 in via definitiva a seguito di pesanti critiche da parte del popolo.

La piazza è stata inoltre sede di alcuni dei più significativi eventi che portarono alla caduta della Russia Imperiale: ricordiamo la Domenica di Sangue del 1905 e la Rivoluzione d’Ottobre del 1917.

Nel 1918 la piazza cambiò nome, venendo intitolata a Moisej Solomonovič Urickij, rivoluzionario e organizzatore dell’assalto del Palazzo d’Inverno, assassinato il 30 agosto 1918. La Piazza cambiò nuovamente nome in quello attuale nel 1944.

Le dimensioni di portata epica non solo della piazza, ma anche degli edifici che la contornano, ha permesso di ottenere fama mondiale, attirando turisti da tutto il mondo.  
Completamente restaurata nel 2001, la Piazza del Palazzo di San Pietroburgo è il punto di riferimento per la movida della città, con spettacoli ed eventi che si tengono ogni anno.

Il più significativo tra gli eventi si tiene ogni anno il 9 maggio, parliamo della seconda parata militare più importante della Russia, dopo solo quella che si tiene a Mosca, dedicata al giorno della vittoria sovietica nella Seconda Guerra Mondiale. 

Colonna di Alessandro

Colonna di Alessandro, Piazza del PalazzoAl centro della Piazza del Palazzo sorge la più significativa tra le opere d’arte a San Pietroburgo, la Colonna di Alessandro. Progettata da Auguste de Montferrand, architetto francese che contribuì alla realizzazione della Cattedrale di Sant’Isacco, la Colonna di Alessandro si innalza per 48 metri nel centro della piazza. 

A coronare la Colonna di Alessandro troviamo una gran croce e un angelo su un piedistallo cilindrico. Per tradizione si pensa che il viso dell’angelo sia il medesimo dello zar Alessandro. Lo zar Alessandro è uno dei personaggi più venerati tra quelli della storia russa: è infatti l’autore di innumerevoli battaglie onorevolmente vinte contro i più grandi strateghi dell’epoca.

La Colonna di Alessandro è stata costruita a Virolahti, in Finlandia, venendo trasportata poi su una lancia abbastanza rudimentale. Incredibilmente non subì danni durante il viaggio.
All’inaugurazione della Colonna di Alessandro partecipò lo zar Nicola I, il 30 agosto del 1834

Ammiragliato

Piazza del Palazzo, San PietroburgoNel lato occidentale della Piazza del Palazzo sorge l’Ammiragliato, situato all’estremità settentrionale della Prospettiva Nevsky. Progettato tra il 1806 e il 1823, l’Ammiragliato è uno dei simboli più rappresentativi della città, annoverato come bene protetto dall’UNESCO

L’Ammiragliato si presenta in stile neoclassico ed è stato progettato dall’architetto Andrejan Zacharov. Il fonte dell’edificio si caratterizza per la guglia dorata, coronata da una banderuola del vento dorata a forma di una piccola nave.

Questa guglia rappresenta il punto in cui convengono le tre strade principali della città: la Prospettiva Nevsky, la Ulica Gorokhovaja e Vosnesenskij Prospekt. Qua ha sede anche l’omonima fermata della metropolitana Admiraltejskaja.

Edificio dello Stato Maggiore

Piazza del Palazzo, San PietroburgoAltro simbolo della Piazza del Palazzo è l’Edificio dello Stato Maggiore, caratterizzato per la sua facciata di 580 metri semi circolare, che avvolge il lato meridionale della piazza.

L’edificio è un perfetto esempio di stile neoclassico e risale ai primi anni del XIX secolo. L’edificio dello Stato Maggiore è stato sede, in passato del Ministro della Difesa, del Ministero degli Affari Esteri e del Ministero delle Finanze.

L’area occidentale del palazzo è oggi sede del Distretto Militare Occidentale, quindi non visitabile, mentre l’ala orientale è, dal 1993, sede di un’area del Museo dell’Ermitage, con al suo interno un’interessante collezione di arte moderna e contemporanea.


 

Condividi su: