Condividi su:

Piazza della Città Vecchia di Praga

→ Leggi tutti gli articoli della Repubblica Ceca

icona-articoloLa Città Vecchia di ⇒ Praga è una delle zone più amate sia dai turisti che dai cittadini, grazie soprattutto all’architettura gotica che caratterizza l’intera area.
Viene anche chiamata Piazza dell’Orologio vista la presenza del noto Orologio Astronomico.

L’immensa Piazza della Città Vecchia è totalmente contornata da palazzi, edifici amministrativi e varie chiese. Le strutture situate di fronte alla piazza sono per gran parte di origine romanica, anche se le facciate possiedono uno stile prevalentemente barocco.
Oggi la maggior parte degli edifici dotati di porticato nella Piazza della Città Vecchia sono diventati ristoranti, caffè e negozi. Già in epoca medievale la Piazza della Città Vecchia era il cuore sociale ed economico della città di Praga, nonché sede delle più importanti dinastie mercantili.

Il modo migliore per arrivarci è quello di raggiungerla a piedi dal quartiere Staré Mesto che vi condurrà, mediante la via imperiale della Karlova, direttamente alla piazza.
In alternativa la linea A della metropolitana fermata Staromestska oppure la linea B per Nàméstì Republiky.

location_icon onemag

Cenni storici

La Piazza della Città Vecchia, Starometske Namesti, è il nucleo storico di Praga, una delle più antiche e incantevoli aree cittadine. Le sue origini si perdono nel tempo. Con tutta probabilità la piazza era luogo di raduni pubblici nei primi secoli dopo Cristo, mentre dal X secolo divenne sede del mercato cittadino, dove artigiani e contadini mettevano in vendita la propria merce.

Due secoli più tardi, nella prima metà del XII secolo, la piazza totalmente spoglia iniziò a mutare, con diverse costruzioni a scopo abitativo che si ersero al suo contorno. Altri due secoli occorsero per vedere la costruzione del magnifico Municipio e del simbolo religioso della Città Vecchia: la chiesa della Vergine Maria di Tyn.

A partire dalla metà dello scorso millennio la piazza divenne a tutti gli effetti il centro nevralgico dell’economia, della religione e della politica di Praga. E come per tutti i luoghi di tale rilievo al mondo, anche la Piazza della Città Vecchia conobbe eventi tragici che cambiarono le sorti di tutto il paese.
Il più significativo evento lo si ricorda nel 21 giugno del 1621, quando 27 persone furono brutalmente decapitate per essere stati i massimi esponenti della resistenza contro gli Asburgo.

Il luogo continuò a subire modifiche e implementazioni, edifici e monumenti furono rimaneggiati e installati soprattutto nel corso dello scorso secolo.

OneMag - Logo Micro
Link-uscita icona L’orologio astronomico di Besancon

Cosa vedere nella Piazza della Città Vecchia di Praga

Palazzo Goltz-Kinský e Monumento a Jan Hus

La piazza in passato era il fulcro cittadino delle esecuzioni capitali e delle rivolte. Nel Febbraio del 1948 Klement Gottwald aveva annunciato la fondazione del regime comunista in Cecoslovacchia dai balconi in stile rococò del Palazzo Goltz-Kinský.

Il Palazzo Goltz-Kinský è situato di fronte all’imponente Monumento a Jan Hus risalente al 1915 e progettato da Ladislav Saloun per commemorare la condanna a morte del grande riformista radicale, evento successo circa 600 anni fa.

Il progetto del monumento non è una statua come molte, bensì commemora un periodo particolarmente tragico. I soldati hussiti e protestanti sono raffigurati mentre vengono esiliati e la figura di una giovane madre simboleggia la rinascita della nazione. Parliamo quindi di uno dei monumenti più a cuore dei cittadini.

Il Palazzo Goltz-Kinský è anche una delle sedi della Galleria Nazionale della città di Praga, e ospita, oltre a numerose mostre temporanee, un’eccezionale collezione di stampe e disegni. Le esposizione permanenti di arte contemporanea, moderna e antica possono essere visitate acquistando il biglietto, dal costo di 300 CZK per adulto, circa 11 euro, e 150 CZK per i minori dei 18 anni.

OneMag - Logo Micro
Link-uscita icona L’orologio astronomico di Besancon

Orologio Astronomico

Immancabile una parentesi dedicata all’Orologio Astronomico, la più affascinante delle attrazioni del luogo. Situato nel lato meridionale del Municipio, l’Orologio Astronomico è uno dei più antichi al mondo ancora conservati, costruito nel lontano XIV secolo.
Basta un rapido sguardo per innamorarsi di questa splendida opera scientifica e ingegneristica. L’Orologio si compone per dodici statue di apostoli, che si mostrano allo scoccare di ogni ora, dalle 9 alle 23.
Dalla sua costruzione, datata 1410, subì un solo consistente rimaneggiamento, nel secondo dopoguerra, a causa di parziali danni causati dagli scontri. L’intervento di restauro fu tempestivo e il più antico orologio astronomico ancora in funzione è tornato subito al suo originale splendore.

OneMag - Logo Micro
Link-uscita icona Castello di Praga | Guida al più grande castello a corpo unico del mondo

Il Municipio

Piccola parentesi dedicata anche al maestoso Municipio, il Radnice di Praga, per secoli sede centrale della politica cittadina. Oltre a essere stato il luogo principale della vita politica di Praga, lo si ricorda tristemente anche per essere stato adibito come prigione per gli esponenti della ribellione contro gli Asburgo.
La sua costruzione ebbe inizio nel 1338, e come per l’impianto dell’Orologio Astronomico (facente parte del medesimo complesso) subì contingenti danni durante la Seconda Guerra Mondiale. Oltre all’Orologio Astronomico, il Radnice presenta un complesso strutturale che comprende diversi edifici, perlopiù di fattura gotica e rinascimentale. Mentre tra le sale interne quella di Brozik e del Concilio riescono meravigliare anche il più esigente degli appassionati.

OneMag - Logo Micro
Link-uscita icona Cattedrale di San Vito a Praga

La Chiesa di Santa Maria di Tyn

Ogni immagine raffigurante la piazza ha come soggetto la maestosa chiesa gotica più famosa di Praga, quella della Santa Maria di Tyn. Curata nel minimo dettaglio, la Chiesa di Santa Maria di Tyn la si riconosce facilmente per le due peculiari guglie poste ai corrispettivi lati della facciata. Ci vollero più di centocinquant’anni per vedere l’opera conclusa. I lavori ebbero inizio nel 1365, durante il potente regno di Carlo IV, venendo completata solamente nel 1511. L’esterno, riccamente decorato con dettagli di ogni genere, è pregevole altrettanto come l’interno, che rispecchia lo stile barocco. La chiesa custodisce la tomba di Tycho Brahe, ricordato per essere stato uno dei più grandi astronomi della storia, la cui morte è avvolta in un eterno alone di mistero.

Casa alla Campana di Pietra

Piazza della Città Vecchia di Praga, Casa della Campana di Pietra
Praga, Casa della Campana di Pietra

Sulla destra del palazzo è situata la Casa alla Campana di Pietra, costruito in un magnifico stile gotico. Questo è uno degli edifici più preziosi della città di Praga e per molti anni era caratterizzato da una facciata di stile barocco.

Tra varie controversie, i restauratori decisero di rimuovere il substrato barocco per mostrare le originarie vetrate e decorazioni gotiche che decoravano questo edificio risalente al XIV secolo. Durante il restauro vide alla luce un’affascinante quadro fino ad allora sconosciuto dalle tinte pastello.

Dopo un restauro e l’annessa ricostruzione nell’originario stile gotico, dal 1988 è adibita come spazio espositivo della Galleria della Città di Praga. All’interno sono situati anche una libreria e una caffetteria.


 

Condividi su: