Pescara, viaggio nella città di D’Annunzio

Pescara, viaggio nella città di D'Annunzio per scoprire le sue spiagge, i musei dedicati al mare e alle genti d'Abruzzo ed il meraviglioso centro storico. Ecco cosa vedere a Pescara.4 min


0
11 shares
Cosa vedere a Pescara

Cosa vedere a Pescara

Icona articoloGiusto sul mare Adriatico, Pescara è la città più grande della regione Abruzzo e, oltre ad essere una meta apprezzata per le vacanze estive, saprà conquistarvi con le sue attrazioni in ogni periodo dell’anno. E’ anche uno dei porti turistici più importanti dell’Adriatico e ricca di spiagge sabbiose, oltre 16 km che animano la città, sopratutto nel periodo estivo.

Quasi completamente ricostruita dopo essere stata pesantemente danneggiata dai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale, oggi Pescara è una città relativamente giovane. Le poche strade relativamente storiche sono infatti posizionate a sud del fiume Aterno. Per il resto Pescara è anche una meta in procinto di ringiovanirsi e di proporsi come meta ideale per un weekend, se non per una intera vacanza di mare.

Ecco cosa vedere a Pescara.

Le spiagge di Pescara

Cosa vedere a Pescara

I 16 km di spiaggia trasformano la città abruzzese in una vivace cittadina che, durante l’estate sopratutto, riesce a dare il meglio di se. Possiamo sicuramente affermare che il lungo tratto di spiaggia, unita alla zona commerciale e pedonale intorno al Corso Umberto, rendono Pescara una delle città abruzzesi più giovani e affollate.
Se volete iniziare a respirare l’aria tipica degli abitanti, passeggiate senza fretta lungo questo tratto di lungomare e sopratutto nella zona commerciale. Avrete sicuramente modo di apprezzare, da subito, la bellezza della città e, sopratutto, della sua gente.

La casa natale di Gabriele D’Annunzio

Proprio nel cuore del centro storico troviamo la casa natale di Gabriele D’Annunzio.

Dichiarato Monumento Nazionale nel 1927, la visita alla casa settecentesca che dai primi anni dell’ottocento venne acquistato dalla famiglia D’Annunzio e che oggi è stata trasformata in museo. E’ infatti dal 1963, anno della sua apertura, che la casa natale è stata allestita come un vero e proprio percorso museale con la vita del poeta raccontata nei minimi dettagli. Ogni stanza è riccamente decorata con arredamenti tipici del periodo in cui vi trascorse parte della sua esistenza con didascalie che insieme a vari passaggi del Notturno permetteranno di comprendere la sua vita a Pescara.

Pescara Vecchia, il centro storico

Cosa vedere a Pescara

Visto che ci troviamo proprio nella zona chiamata Pescara Vecchia, qui merita una visita a poca distanza dalla casa natale di D’Annunzio, la Cattedrale di San Cetteo. Fu proprio il D’Annunzio a contribuire, economicamente ma non solo, alla sua costruzione.

Una volta conclusa la visita anche al sito religioso, cercate Piazza Unione, quello che è considerato il vero fulcro cittadino. Da qui si ha modo di ammirare gli edifici ed i luoghi che ci ricordano come in passato Pescara era uno tra i più importanti porti di epoca romana.
L’intera zona è pedonalizzata ed è facile comprende, come specie in estate, si popoli di giovani, turisti e residenti desiderosi di passeggiare in questa cornice storica.

Già perchè in questa area sono ancora presenti degli edifici salvati dai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale e, affiancati, edifici più moderni realizzati proprio postumi ai disastri subiti durante la guerra. Da Pescara Vecchia è semplice dirigersi verso il lungo mare sempre affiancati da questo contrasto tra storico e moderno che caratterizza tutta la città.

Il lungomare di Pescara

Cosa vedere a Pescara
La Nave, la scultura simbolo di Pescara

Lasciato alle spalle il nucleo originario della città, è arrivato ora il momento di scoprire la zona turistica per eccellenza, quello del lungomare. Prima di arrivarci avrete attraversato quello che è il simbolo di Pescara, l’opera scultorea di Cascella. Realizzata in marmo, è una fontana la cui sembianza è quella di una nave, donata proprio dall’artista nato proprio a Pescara nel 1921.

Dalla fontana in poi, l’intero percorso è quello più classico delle passeggiate lungo il mare con i suoi ristoranti, negozi e chioschetti. Niente male anche l’idea di percorrerlo in bicicletta: Pescara si è dotata di una meravigliosa pista ciclabile che affianca l’intero percorso pedonale.
Se poi avrete proprio scelto di muovervi in bicicletta raggiungete, percorribile anche a piedi, il Ponte del Mare da dove ammirare uno dei panorami più intensi della città abruzzese. E’ da qua che è possibile anche avere una panoramica sulla spiaggia, tra turisti e ombrelloni clorati. Il ponte serve come congiunzione tra le due rive della città e, grazie ai suoi 466 metri, rappresenta il ponte pedonale e ciclistico più importante d’Italia.

Il Museo del Mare

Molto vicino al Ponte del Mare trovate anche il Museo del Mare, dedicato interamente al mare ed ai suoi abitanti, perfetto se si è in viaggio con dei bimbi al seguito. Al suo interno non troverete unicamente una sezione dedicata ai pesce ma anche ad altri abitanti del mare come tartarughe, balenottere e conchiglie. Da non perdere le tante immagini d’epoca che descrivono come un tempo Pescara viveva unicamente proprio grazie alla pesca.

Sempre in tema di musei vale la pena tornare vicino alla Pescara Vecchia per scoprire un’altro interessante museo, quello delle Genti d’Abruzzo. Interamente dedicato alla storia dell’uomo che ha abitato il territorio abruzzese, il Museo è suddiviso in 16 aree tematiche in grado di raccontare davvero tutto sulla storia degli abruzzesi. Dal culto agli oggetti ai costumi, qua tutto è catalogato in un museo coinvolgente e di sicuro interesse.

Con una rapida sintesi evidenzia quanto di questo passato si sia tramandato sino a noi in termini di costumi, credenze, luoghi di culto, produzioni, oggetti, forme. Tema centrale del Museo, articolato in 16 grandi sale espositive, è il concetto di continuità, di perduranza culturale, illustrata attraverso un allestimento museografico coinvolgente, dotato di postazioni multimediali e di un sistema digitale di audioguide in più lingue, che lo rendono uno fra i più originali e innovativi in  Italia nel campo antropologico. Il Museo delle Genti d’Abruzzo si trova nel centro storico di Pescara, all’interno dell’antico edificio delle caserme Borboniche. Il piano dov’è ospitata la collezione permanente fu costruito come caserma nel Settecento, sul seminterrato che apparteneva alla cinquecentesca Fortezza di Pescara.

Prima di salutare Pescara

Cosa vedere a Pescara

Non dimenticate, prima di dare il vostro arrivederci alla città, di ammirare nei dettagli i trabocchi, macchine da pesca che con i suoi lunghi bracci consentivano di sostenere le reti con cui venivano catturati enormi branchi di pesce. Li trovate nella zona di Porto Canale, la foce del fiume Pescara.

Ma altrettanto non perdetevi quella meraviglia che è la cucina abruzzese. A Pescara avete modo di gustare arrosticini e altre prelibatezze, sopratutto quelle legate alla cucina marinara. E, prima di pagare il conto, richidete un Aurum, il liquore tipico di Pescara preparato con arance e brandy la cui leggenda racconta che il nome fosse proprio suggerito da D’Annunzio.

Scopri di più:

Weekend romantico in Italia
Cordovado, il borgo dal castello vescovile
Vittoriale di Gardone Riviera
Il lago abruzzese a forma di cuore

 


Like it? Share with your friends!

0
11 shares