Perpignan, Linguadoca-Rossiglione | Cosa vedere a Perpignan, Francia

Perpignan, Linguadoca-Rossiglione | Cosa vedere a Perpignan, Francia


Condividi su:

Cosa vedere a Perpignan, Francia

Tutti gli articoli della Francia
Cosa vedere a Perpignan, mappa
© Apple Maps

Icona articolo onemagPerpignan è la capitale del Dipartimento dei Pirenei Orientali, nella Linguadoca-Rossiglione, ultima grande città prima di raggiungere il confine con la Spagna. Città marittima, Perpignan subisce molto delle influenze della vicina Barcellona e della Catalonia, una meta di vacanze che offre rinomate destinazioni balneari ma che è anche una città d’arte, con una importante Università.

Situata a 15 chilometri dalla costa, Perpignano è una città dall’evidente carattere catalano, un esempio unico nel suo genere dove l’architettura tipica della Catalogna è ben in risalto nella riviera francese. Insignita come capoluogo del dipartimento dei Pirenei Orientali, Perpignan è stata in passato la capitale della storica regione del Rossiglione come del Regno di Maiorca, elementi importanti che ci suggeriscono la non indifferente rilevanza storica della città. L’identità catalana della città è a tal punto forte che il centro cittadino è anche conosciuto come Perpignan Catalane o Perpinyà la catalana e, dal 2010, il catalano è considerata lingua ufficiale, al pari di quella francese.

Cenni storici

Cosa vedere a Perpignan, chiesa gotica I primi insediamenti nella regione risalgono al neolitico, ma è in età romana – verso il II secolo a.C. – che venne costruito il vero e proprio centro urbano. Presso la località di Château Roussillon, a circa un chilometro da Perpignan, si trova il sito archeologico di Ruscino. Nell’area sono conservati i reperti dell’età del ferro e resti di insediamenti romani oltre a una chiesa medievale risalente al XII secolo. Interessante anche la torre di avvistamento, parte di una più ampia struttura difensiva.

La bella Perpignan (Perpignano) è situata al centro del Roussillon, regione nel sud della Francia, ai confini con la Spagna. La città è più catalana che francese: infatti, tra la fine del 1200 e fino alla metà del 1300 fu la capitale del Regno di Majorca, che comprendeva i territori da qui fino a Montpellier e le Isole Baleari. Ancora oggi è la seconda città catalana più grande dopo Barcellona. Tra le sue vie si respira una tipica atmosfera che ricorda in molti casi la Spagna.

OneMag-logo
Link-uscita icona Rocamadour, Francia | Cosa vedere a Rocamadour, il suggestivo borgo francese

Cosa vedere a Perpignan

La città si sviluppa lungo il fiume Tet ed è attraversata dal Basse. Vi sono numerosissimi, rigogliosi e pulitissimi giardini lungo entrambe le rive, oasi di tranquillità che vi daranno sollievo dal caldo estivo.

La città vecchia è circondata dai boulevard e ha il suo centro in place de la Loge. Qui troverete alcuni antichi edifici in pietra veramente caratteristici. Merita soprattutto una visita la Loge de Mer, risalente al XVI secolo, un tempo sede del Tribunale marittimo e quindi della Borsa. Accanto, con la facciata a ciottoli, vi è l’Hotel de Ville in tipico stile del Roussillon. Nella Place de la Loge nel periodo estivo si assapora ancora più la tipica atmosfera catalana sopra citata. Qui infatti si radunano delle orchestre di strada pronte a far divertire abitanti e turisti fino a notte inoltrata.

Le feste più caratteristiche in assoluto, e che richiamano proprio le tradizioni catalane, sono il Venerdì Santo, in cui sfila per la città vecchia la solenne processione della Sanch, in cui le persone indossano caratteristici cappucci rossi. Anche la Festa di Saint Jean, a mezza estate, è molto sentita: tra canti e balli, una fiamma sacra viene portata giù dal Monte Canigou.

OneMag-logo
Link-uscita icona 10 cose da vedere a Montpellier

Il Castillet

Il Castillet di Perpignan, Francia
Il Castillet di Perpignan, Francia

In Place Verdun troverete Casa Pairal, il Museo del Folklore, situato nel Castillet, le mura cittadine del XIV secolo. E’ l’unica testimonianza attualmente rimasta delle fortificazioni che circondarono la città fino all’inizio del ‘900, poi demolite. L’ingresso al museo è gratuito e vi troverete esposti oggetti tipici catalani di ogni genere, da utensili, a campanacci, abbigliamento e fotografie.

Conosciuto anche come Castellet in catalano, questa fortificazione è stata ampliata nel corso del tempo ed è composta da più parti. Il Grand Castillet costruito intorno al 1368 per difendere la nuova porta che conduceva in città, il Petit Castillet o Porta di Notre Dame sul fianco orientale risalente a metà del XV secolo, e il bastione poligonale del 1542.

La fortezza, decorata con merlature e torrette in stile moresco, è uno dei migliori esempi rimasti di architettura militare del tempo ed è stata costruita sulle sponde del fiume La Basse.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona 10 cose da vedere a Barcellona

Centro storico

Il centro storico di Perpignan
Il centro storico di Perpignan

Il centro storico di Perpignan è un luogo interessante da visitare a piedi grazie ai numerosi giardini ben curati e ai caratteristici boulevard che lo rendono ideale per lunghe passeggiate.

Nelle vie centrali si trova Place de la Loge in cui si può ammirare tutta la bellezza della Loge de Mer. E’ l’antica sede della borsa di Perpignan un tempo contenuta in questo edificio risalente al XIV secolo (anche se ricostruito durante il Rinascimento). Tra la Loge de Mer e il Palais de la Députation, sede del Parlamento locale, si trova anche l’Hôtel de Ville, il Municipio con la tipica facciata in pietra e costruito tra il XIV e il XVII secolo.

Proseguendo nella nostra passeggiata lungo le vie del centro di Perpignan si giunge in pochi minuti alla Cattedrale di San Giovanni Battista, Cattedrale Saint-Jean, in Place Gambetta. La costruzione di questo grande edificio religioso è iniziata nel 1324 ed è terminata solo nel XVI secolo. Si ottenne un monumento in stile gotico meridionale dall’interno costituito da un’unica navata con cappelle poligonali riccamente affrescate. La cattedrale colpisce il visitatore anche per l’imponente, ma sobria struttura e per la bellezza delle vetrate dell’abside.

Tra le cose da vedere a Perpignan il Palais des Rois de Majorque, monumento storico situato sulla collina di Puig del Rei, domina la pianura di ⇒ Roussillon e la città di Perpignan. Il palazzo venne fatto costruire dal re di Maiorca nel 1276 e, originariamente, era circondato da giardini. Il regno di Aragona e le successive dominazioni hanno mutato la sua struttura originaria, abbattendo parte degli edifici e inglobando la residenza nella cittadella. Lo stile gotico risente delle influenze della cultura arabo-ispanica e ha contribuito a rendere questo palazzo una fortezza unica nel suo genere. Oggi è sede di eventi culturali tra i quali spicca il festival Été 66, il più grande festival musicale dei Pirenei orientali e che si svolge a Perpignan durante i mesi estivi.

Per tutte queste cose, Perpignan è oggi una ricercata meta turistica che ai visitatori offre una storia coinvolgente, un patrimonio artistico e culturale di grande fascino, ma anche tanta buona cucina. L’ampia offerta di eventi culturali, il clima mite e la vicinanza alla costa rendono questa cittadina la meta ideale per chi è alla ricerca un weekend all’insegna del relax.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona Nightlife, le 10 migliori città in Europa per la movida

Le spiagge nei dintorni di Perpignan

Nei dintorni, a pochi chilometri, troverete bellissime e invitanti spiagge. Quella più vicina è Canet-Plage, a 15 chilometri e raggiungibile in autobus.

A nord di Canet, a Torreilles, e a sud, a Saint-Cyprien, vi sono diverse spiagge nudiste. Al confine con la Spagna c’è la Cote Vermeille, la Costa Vermiglia, dal colore della sabbia. In questa zona molto pittoresca e caratteristica, grazie alle terre coltivate a viti, si susseguono porticcioli e calette rocciose. Famosa è Collioure, col suo castello un tempo residenza estiva del Re di Majorca, nota già ai Fenici e divenuta famosa ai giorni nostri grazie a Matisse e Dérain.

Questa città è un’ottima base anche per visitare le fortezze catare dei dintorni, tra cui Quéribus (36 km) e Peyrepertuse (47 km). Ancora, a Tautavel, nel Museo della Preistoria, pare esserci il più antico cranio d’Europa, 450 000 anni. Infine, Fernet-les-Bain è una deliziosa cittadina termale, base ideale per escursioni sul monte Canigou.


 

Condividi su: