Condividi su:

Cosa vedere a Pernik, Bulgaria

Tutti gli articoli della Bulgaria

Mappa di Pernikicona-articolo

A una quarantina di km da Sofia, Pernik si trova in una pianura della Bulgaria centrale, sul corso superiore del fiume Struma.
Città giovane, Pernik viene citata la prima volta in una leggenda che la ricorda come centro urbano nel X secolo, anche se a tutti gli effetti la città risale al secolo scorso.
Nasce infatti nel 1929 come centro di produzione mineraria e per lungo tempo è stato il principale centro di produzione in Bulgaria per l’industria di carbone e per la metallurgia.

Pernik, Bulgaria

Cosa vedere a Pernik, veduta

Il modo migliore per raggiungere Pernik è in treno, direttamente da Sofia. La città è a dire il vero ottimamente connessa con la capitale, ma anche con altre importanti città come ⇒ Salonicco, dall’autostrada E79. Risulta tuttavia perfetta da essere visitata a piedi, se presa come escursione di una giornata se siete in visita alla capitale.

Una volta usciti dalla stazione ferroviaria vi troverete di fronte a strade pulite e ben conservate. Per raggiungere il centro storico si dovrà attraversare prima Otets Paisyi Road fino a raggiungere Targovska Street, che vi condurrà direttamente nel centro cittadino.
Durante la vostra passeggiata vi troverete di fronte a una città tranquilla con molti negozi, soprattutto di abbigliamento, scarpe e prodotti in pelle.
Una volta raggiunta la piazza principale dirigetevi all’Hotel Struma dove proprio di fronte ha sede l’High Street Bar, il principale luogo di ritrovo degli abitanti.
Meritano una visita il parco cittadino, posto alle spalle del Teatro Boyan Danovski, il Museo Minerario e il Museo Storico.

Merita una visita la chiesa di Sveti Ivan Rilski, poco distante dalle principali attrazioni.
Il principale edificio religioso della città venne costruito nel 1910, completato però solo dieci anni dopo, per rispondere alle esigenze del cospicuo numero di minatori. Per lungo tempo il tempio veniva chiamato proprio la chiesa mineraria, rimasta tale ancora a lungo dopo la chiusura della miniera.

OneMag-logo
Link-uscita icona Gabrovo, Bulgaria | Cosa vedere nel Gabrovo, Bulgaria Centro Nord

Il Museo Minerario

Una delle principali attrazioni oggi visibili a Pernik è la Starite Rudnitsi 1891, ovvero le vecchie miniere, oggi diventata meta turistica. La miniera è stata in funzione fino al 1966 e un ventennio dopo è stata trasformata in museo sotterraneo che racconta la storia della città.

Pernik del resto ha una lunga tradizione sull’estrazione del carbone, per quasi un secolo l’attività principale dell’intera omonima regione. Prima dell’arrivo delle macchine a vapore, erano i cavalli a estrarre il carbone della miniere, opportunamente addestrati sia per compiere esattamente l’operazione che a rimanere indifferenti al rumore.
L’esaurimento del carbone nella miniera, negli anni ’60, fu contemporaneamente l’inizio della crisi economica che coinvolse Pernik e buona parte della Bulgaria, privata in parte del fulcro energetico della città.

OneMag-logo
Link-uscita icona Bulgaria, idee di viaggio nella nazione balcanica

Museo Storico Regionale

Fondato nel 1953 come museo cittadino, il Museo Storico Regionale ha visto l’ufficiale inaugurazione nel 1957 quando venne allestita la prima esposizione. Nel 1959 la dicitura venne cambiata in Museo del Popolo della regione di Pernik e l’attuale denominazione risale invece al 1968.

Al suo interno sono diverse le sezioni che trattano temi come Archeologia ed Etnografia, anche se le sezioni più interessanti sono quelle riferite proprio alla storia. Due le sezioni che meritano particolarmente una visita, quella della Storia Bulgara dal XVI al XVIII secolo e la seguente, quella di Storia Recente. L’attuale esposizione risale al 1973 con alcuni aggiornamenti avvenuti cinque anni dopo, con una nuova cronologia espositiva.
Interessanti da ammirare i reperti medievali, la collezione di antiche monete, le ceramiche e le varie armi inglese e russe utilizzate come difesa durante i secoli.
Come tutti i musei, anche il Museo Regionale Storico di Pernik è chiuso la domenica.

OneMag-logo
Link-uscita icona Plovdiv | Cosa vedere nella seconda città della Bulgaria

Fortezza di Krakra

Cosa vedere a Pernik, fortezza di Krakra
Rovine della fortezza di Krakra

A sud-ovest da Pernik troviamo la Fortezza di Krakra, l’attrazione che calamita nella regione turisti da ogni città della Bulgaria. Siamo sulla riva destra del fiume Struma, sopra un altopiano roccioso, dove ha sede una delle roccaforti più antiche del paese. In precedenza, nel III secolo, era già presente un maniero che dopo essere stato demolito è stato ricostruito come insediamento fortificato.

L’attuale fortezza è di origine medievale, risalente al Primo Impero Bulgaro nell’XI secolo, è intitolata al duca Krakra di Perni, signore feudale il cui dominio si estendeva su 36 fortezze. Krakra è noto per aver resistito contro l’invasione dei bizantini, fermando per ben due volte il tentato assedio.
Le rovine che oggi possiamo ammirare rappresentano i resti delle mura, alcune abitazioni, una chiesa, una grande basilica a tre navate e un piccolo cimitero a due piani. Qui sono state trovate numerose monete, oggi conservate nel Museo Storico Regionale.

OneMag-logo
Link-uscita icona Cosa vedere a Tampere, Finlandia

Il Festival di Kukeri (Surva)

Cosa vedere a Pernik, Surva Festival

Uno dei principali motivi per cui si visita la città di Pernik è il celebre Festival di Kukeri, o più semplicemente Surva, che si svolge ogni anno pari durante durante il primo fine settimana dopo il giorno di Vasiliov, il 14 gennaio. Questo particolare festival si caratterizza per la folla di persone che indossano vestiti e maschere dall’aspetto grottesco, per allontanare malattie e malanni dalla città e dai suoi residenti.

La celebrazione ricorda vagamente quella di un carnevale, con una lunga processione di partecipanti mascherati con in mano una torcia infuocata. Solitamente i momenti più significativi del Festival di Kukeri si tengono di sera, quando le temperature scendono sotto zero e le strade si presentano spesso ghiacciate.

L’evento è celebrato, secondo la tradizione popolare, per augurare un raccolto abbondante ai contadini, salute ai cittadini e benessere in tutte le case della grande città. Le maschere dei partecipanti sono rigorosamente realizzate a mano, con forme, colori e aspetto differente per ognuna. Tra balli, giochi, bancarelle e spettacoli di vario genere, il Festival di Surva vi regalerà momenti senz’altro indimenticabili.


 

Condividi su: