Condividi su:

Cosa vedere a Pelhrimov

Leggi tutti gli articoli della Repubblica Ceca

 

Icona articolo onemagNel sud della Repubblica Ceca, lungo il Fiume Bela, sorge l'elegante cittadina di Pelhrimov, graziosa località tradizionale dalle antiche origini. Ci troviamo nella regione di Vysočina, Pelhrimov rappresenta una delle principali destinazioni storico-culturali del sud della Repubblica Ceca. Il centro abitato custodisce numerose porte d'epoca tardomedievale, da cui si dirama la labirintica rete di strade e vicoli che congiungono nella centrale Piazza Masaryk, il cuore pulsante di Pelhrimov. La cittadina è capace di attrarre turisti da tutta Europa grazie al suo ricco patrimonio architettonico, ben conservato e di grande interesse. Inoltre, il paesino ospita diversi luoghi d'interesse che renderanno la visita ancor più piacevole. Pelhrimov si trova a poco più di 90 chilometri verso sud da ⇒ Praga, distanza tutto sommato contenuta che permette di organizzare escursioni giornaliere in partenza dalla capitale della Repubblica Ceca.

Cenni storici

Le origini di Pelhrimov ci riportano all'epoca medievale. Il primo insediamento riconducibile a Pelhrimov risale alla seconda metà del XII secolo, e d'allora il villaggio crebbe fino a diventare un centro di riferimento nella regione di Vysocina. A metà Cinquecento, la cittadina divenne feudo della famiglia Rzhichan, ottenendo poco tempo dopo - nel 1596 - il titolo di Città Reale.

Da questo momento, Pelhrimov visse uno dei suoi periodi più floridi, che la vide estendersi sempre più fino allo scaturirsi della Guerra dei Trent'anni, nel 1618. Dopo un periodo di relativo stallo, la città fu vittima di un grave incendio nel 1766, che distrusse molti degli edifici più antichi del centro storico. Questo incendio è il motivo per cui, attualmente, il centro storico di Pelhrimov si presenta prevalentemente barocco, stile adottato in tempi ben più recenti rispetto alla fondazione della città. Pelhrimov si riuscì a riscattare nel XVII e XVIII secolo, quando si affermò come importante centro di industria leggera. In epoca contemporanea, a partire dal secondo dopoguerra, Pelhrimov si è affermata anche come centro culturale e turistico, nonché punto di riferimento e crocevia per il turismo nella regione.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Visitare Brno, la seconda città della Repubblica Ceca

Cosa vedere a Pelhrimov

Cosa vedere a Pelhrimov, centro storicoPelhrimov è una cittadina piuttosto piccola. È sufficiente un pomeriggio per riuscire a visitare bene il suo centro con le rispettive attrazioni turistiche. Oggi Pelhrimov conta poco più di 16 mila abitanti, tendenzialmente in aumento negli ultimi venti anni.
Il punto nevralgico di Pelhrimov è la sua centrale piazza: la Piazza Masaryk. Questa piazza rappresenta il più antico nucleo della città, l'area urbana risalente alla fondazione di Pelhrimov nel XII secolo. In epoca medievale, per molto tempo, Piazza Masaryk è stata sede del mercato cittadino, elemento che ha alimentato l'economia locale.

Proprio grazie anche al mercato, la piazza nei secoli si è arricchita di edifici ed elementi architettonici molto pregevoli. Nonostante molte opere siano andate perse nell'incendio del XVIII secolo, la piazza presenta un ricco patrimonio architettonico, composto in prevalenza da edifici e palazzi barocchi. Molti dei palazzi qui presenti, nonostante il loro stile prettamente barocco, sono molto antichi e soggetti a profondi restauri. Il centro di Piazza Masaryk custodisce la pregevole scultura di San Giovanni Nepomuceno, nei cui pressi si trova la fontana in arenaria: una delle prime opere barocche della città, risalente al XVI secolo. Completa il ricco patrimonio artistico la statua di San Giacomo.

 

Il Castello di Pelhrimov

Una delle attrazioni da non perdere è il castello di Pelhrimov, del XVI secolo. Costruito probabilmente a metà XV secolo, nel 1766 il castello fu anch'esso vittima del grave incendio, perdendo parti della struttura originale. L'attuale aspetto risale al 1770, data in cui furono attuati i lavori di restauro. Della parte antica si sono conservati un tratto dei bastioni, tra cui uno in perfetto stile gotico, e una piccola porta d'ingresso.

 

Le chiesa di Pelhrimov

Altrettanto interessante è la Chiesa di San Bartolomeo, uno degli edifici religiosi più antichi della città. Costruita a cavallo tra il XIII e il XIV secolo, l'edificio originariamente presentava una centrale navata molto alta, con soffitto a travi piatte e coppie di finestrelle alte, strette e colorate. Queste finestrelle si sono conservate in modo eccellente, sopra la volta.

Nei secoli a venire, all'edificio furono implementati il presbiterio d'epoca tardo gotica, realizzato tra il 1553 e il 1589 con alte finestre colorate, e un coro, posto sul lato meridionale. I lavori di restauro effettuati nel 1726 portarono alla struttura ad aumentare notevolmente le proprie dimensioni. La parte più recente della chiesta è, invece, il tratto posteriore della navata, realizzato nel 1837.

Da non perdere è anche la Chiesa di San Vito: il più antico edificio religioso di Pelhrimov. Costruita nel XIII secolo, la chiesa assunse il suo attuale aspetto barocco nella prima metà del XVIII secolo. L'orologio fu installato sulla facciata nel XVII secolo e nel 1774 fu aggiunta la torre esistente.

 

» Ti potrebbe interessare... «
Condividi su: