Pechersk, il quartiere storico di Kiev

Pechersk, il quartiere storico di Kiev, più celebre e importante, sviluppato sul lungo fiume del Nipro e famoso per i suoi monumenti. Tra le cose da vedere nel quartiere di Kiev Pechersk citiamo il Monastero delle Grotte, o Pecherska Lavra, tra i simboli della città e risalente al 11° secolo, il Rodina Mat, ovvero il Monumento della Madre Patria, alto 102 metri, e l'Holodomor Victim's Memorial, il memoriale alle vittime della carestia che ha colpito l'Ucraina dal 1929 al 1933. Ecco cosa vedere a Pechersk.2 min


1
Pechersk, il quartiere storico di Kiev
Condividi su:

Pechersk, il quartiere più celebre di Kiev, tra il Lavra ed i monumenti

icona-articoloIn pieno centro di  Kiev, sviluppato sul lungo fiume del Dnipro, è situato lo storico quartiere di Pechersk. Da secoli è il cuore pulsante della capitale dell’Ucraina, che coprono ben 5 fermate della metro e lo Stadio Olimpico.

Qua, tra grandi viali lungo il fiume e grandi parchi, è possibile inoltre osservare un gran numero di fedeli ortodossi. Questo perché il quartiere è considerato il luogo più sacro del paese.

A Pechersk si trova il Kyevo Pečers’ka Lavrafamosa come il monastero delle grotte di Kiev, uno dei più antichi del mondo, fondato nel 1051, nonché anche uno dei più sfarzosi.

Cosa vedere a Pechersk

Pecherska Lavra (Monastero delle Grotte)

Visitare Pecherska Lavra a Kiev

Migliaia e migliaia di pellegrini ortodossi affollano ogni anno il Lavra (antico monastero), situato su una collina al bordo del fiume Dnipro. Questo immenso complesso ecclesiastico rappresenta uno dei simboli per eccellenza di Kiev, dove la struttura estremamente maestosa e l’architettura magnifica fungono da calamita per visitatori.

Il monastero è stato fondato nel 1051 successivamente all’adozione del cristianesimo ortodosso come religione ufficiale dell’attuale territorio ucraino.
Nel breve tempo sono state scavate una serie di catacombe, dove i monaci hanno pregato, studiato e vissuto. Spesso i fedeli richiedevano di essere tumulati dopo la morte nelle cripte all’interno delle grotte per essere mummificati senza imbalsamazione grazie all’ambiente fresco e secco.
Tutt’oggi è possibile osservare i corpi e molti dei pellegrini che fanno visita alle cripte considerano i deceduti come santi di altissima importanza ecclesiastica.

Successivamente alla costruzione della Cattedrale nel compresso, eretta tra il 1073 ed il 1089, il Lavra divenne un centro di studi tra i più importanti del continente.

Rodina Mat

Rodina Mat, Monumento della Madre Patria, a Kiev

Il Rodina Mat, Monumento della Madre Patria, con la sua imponente dimensione pari a 102 metri di altezza è a dir poco spettacolare.
Situato nel Parco di Navodnitsky, a sud del quartiere, il monumento rappresentato da una donna che maneggia lo scudo e che innalza la grande spada. Inaugurato dal leader sovietico Leonid Brezhnev nel 1981, è stato il secondo, ed ultimo monumento dell’Unione Sovietica in Ucraina.

La base del monumento è il museo, Great Patriotic War Museum, che espone diversi cimeli inerenti all’epoca sovietica.

Purtroppo visitare il monumento dall’interno risulta abbastanza complicato visto che il museo può ospitare unicamente 2 visitatori per volta. Le lunghe file che affollano il monumento hanno reso necessario la costruzione della seconda struttura, situata a circa 35 metri d’altezza e servita da un’ascensore. Il Rodina Mat è facilmente raggiungibile a piedi dal Lavra ed è anche ben servito con i mezzi pubblici.

Da osservare anche le reliquie dell’era comunista poste nell’immediata vicinanza del monumento. Tra questi si fanno notare carri armati, elicotteri e cannoni antiaerei.

Holodomor Victim’s Memorial

Holodomor Victim's Memorial a Kiev

Situato nel Vichnoy Slavy Park, il memoriale alle vittime della carestia che ha colpito l’Ucraina dal 1929 al 1933 causando milioni di morti è uno dei simboli della città di Kiev. Questo memoriale svolge un ruolo importante, promuovendo la consapevolezza della necessità di preservare lo stato ucraino.

Il progetto del ex-presidente Viktor Yushchenko, questo monumento museale illustra durante il percorso i danni indotti dalla politica di collettivizzazione di Stalin nel 1932-33.

 

Condividi su:

Like it? Share with your friends!

1