Cosa vedere a Paxos

Paxos, la più piccola isola delle Ionie | Cosa vedere a Paxos, Grecia


Condividi su:

Cosa vedere a Paxos, Grecia

Tutti gli articoli della Grecia
Cosa vedere a Paxos, mappa
© Apple Maps

Icona articolo onemag

Chiamata anche Isola di Passo, Paxos è la più piccola delle Isole Ionie della Grecia, posta a pochi chilometri a sud di Corfù. Con i suoi 19 km quadrati, l’isola di Paxos riesce ad attrarre un turismo per lo più elitario che qua viene per ammirare i piccoli villaggi che contrastano con le cittadine più importanti, Gaios, Loggos e Lakka, e le sue tante spiagge da sogno. Chi sceglie Paxos come propria meta di vacanze ha optato per una vacanza di assoluto relax, immersi nella natura e pronti a riposare lungo la costa composta da spiaggia di ciottoli bianchi che ben contrasta con le acque dalle tante sfumature.

Anche se siamo sull’isola più piccola delle Isole Ionie, saranno numerosi i paesaggi pronti a regalare ogni giorno emozioni differenti. Se l’interno ha come protagonista assoluto l’ulivo, qua presente davvero in quantità, la costa orientale offre una serie di piccole calette perfette per godersi il mare quasi in esclusiva. La costa occidentale risulta invece più frastagliata, caratterizzata da scogliere calcaree che si tuffano nel mare, risultando ancora meno frequentata rispetto alla costa opposta. Facile quindi comprendere come Paxos sia un’isola tranquilla che viene unicamente turbata durante i due mesi estivi più turistici lasciandola tutti gli altri mesi a una vita serena e a diretto contatto con la natura.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Visitiamo Syros, l’isola dell’arcipelago delle Ciclidi

Le spiagge di Paxos

Cosa vedere a Paxos, spiaggia
Spiaggia di Loggos

La costa da preferire per una vacanza di mare è quella orientale, come abbiamo già avuto modo di comprendere. Sono qui che troviamo le tante calette e baie pronte a regalare una vacanza esclusiva nonostante non si conviva mai con ampi spazi, quasi come se ognuno degli spazi predisposti fosse disegnato a misura di coppia o di famiglia. Questo tuttavia permette di trovare il giusto relax anche durante l’altissima stagione.

Iniziamo a visitare le spiagge di Paxos dalla cittadina di Lakka troviamo due spiagge, Harami e Kanoni. Poco distante sono invece le spiagge di Monadendri e quella di Orkos ad attrarre maggiore attenzione.

Nei dintorni di Gaios meritano invece quelle al di fuori del nucleo urbano, dirigendosi nella vicina Agia Maria, posto a breve distanza dall’isolotto di Mongonissi, l’unica spiaggia con sabbia di tutta l’isola. E’ una delle zone dove troviamo una serie di spiagge private, chiaramente indicate, dove naturalmente è vietato fare il bagno.

Nei dintorni di Loggos invece meritano le spiagge di Levrechio e quella di Marmari Beach, quest’ultima raggiungibile a piedi direttamente da un piccolo sentiero, ragione per cui risulta una delle più tranquille in assoluto. Sempre attraverso un sentiero, questa volta meno semplice da percorrere e da fare in auto, troviamo Kipos e Kipiadi Beach, due tra le spiagge più belle di tutta l’isola. La parte più settentrionale di Loggos propone invece quasi unicamente scogli fino a raggiungere il distretto della confinante Lakka.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  La spiaggia di Milos dall’aspetto lunare

Cosa vedere sull’isola di Paxos

Iniziamo a scoprire cosa vedere sull’isola di Paxos partendo da Gaios, la prima cittadina che si incontrerà dopo l’arrivo.

Gaios

Cosa vedere sull'isola di Paxos, veduta centro

Siamo nel principale porto dell’isola e che accoglie i visitatori con la statua di Pyropolitis, un eroe che ricorda la guerra d’indipendenza della Grecia. Gaios è il capoluogo dell’isola e da subito è facile comprendere le sue influenze veneziane iniziando da una passeggiata sul lungomare, in parte riservato ai soli pedoni. Date uno sguardo alle abitazioni, tutte di color pastello, fino a raggiungere la piazzetta principale con i suoi locali e bar pronti ad accogliere gli abitanti e i turisti in cerca di riposo.

Gaios è anche il principale punto turistico dell’isola, spesso scelto anche per le sue escursioni all’isola di Panagia e a quella di Ai Nikolas. Sulla prima merita visitare il Monastero Ortodosso, accessibile anche al suo interno dove si potranno ammirare i tanti affreschi in stile bizantino. L’isolotto di Ai Nikolas permette invece di vistare la chiesa di San Giovanni e la chiesa di San Nicola, entrambe poco distanti da una fortezza veneziana risalente al XIV secolo, il punto di difesa dell’isola dai pirati ottomani.

Gaios è anche sede di tre musei:

  • Il Museo del folklore, ospita oggetti di uso quotidiano e abiti d’epoca, oltre ai tanti oggetti utilizzati nel recente passato per pescare o per svolgere altre attività lavorative e sociali;
  • Il Museo del frantoio ricorda invece come sia l’ulivo il principale protagonista dell’isola che basa proprio la sua economia principalmente sulla coltivazione di olio, venduto anche all’estero:
  • Il Museo della storia è invece sviluppato sui reperti archeologici ritrovati sull’isola, occasione perfetta per raccontare la storia di Paxos e quella dell’Antica Grecia.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  L’isola di Cefalonia in Grecia

Lakka

Cosa vedere sull'isola di Paxos, il faro di Lakka

 

Lakka si trova all’estremo nord dell’isola di Paxos. Questo è il punto di attracco dei turisti che provengono da Corfù, un tradizionale paesino affacciato sul mare dello Ionio e quasi interamente circondato da uliveti. Fate una passeggiata nel piccolo centro storico, anche questo caratterizzato dalle influenze veneziane e sul lungomare, decisamente più ridotto rispetto a quello di Gaios. Anche qua il percorso è di uso esclusivo dei pedoni e questo rende l’atmosfera ancora più tranquilla. Da Lakka si parte anche per numerose escursioni tra cui quelle alla spettacolare grotta di Ipanti.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Cosa vedere a Corfù, isole Ionie

 

Loggos

Cosa vedere a Paxos, Loggos

 

Forse la località più caratteristica tra le cose da vedere a Paxos, Loggos è un tipico villaggio di pescatori a ridosso del mare e di una baia interamente ricoperta da ghiaia. Qui è il punto di attracco dei pescatori e dei commercianti provenienti dalle altre zone della Grecia e del Mediterraneo e risulta indubbiamente essere il più caratteristico tra le tre cittadine più importanti dell’isola. A Loggos è presente una piccola spiaggia e passeggiando sul lungomare e nei suoi dintorni avrete modo anche qua di apprezzare i tanti ulivi e il vecchio frantoio, oggi usato solo come richiamo storico della principale attività economica dell’isola.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Palazzo del Gran Maestro dei Cavalieri di Rodi

 

Antipaxos

Cosa vedere a Paxos, Antipaxos

 

Concludiamo la nostra visita a Paxos con l’appendice a sud dell’isola, Antipaxos, posta davanti alla costa dell’Epiro e sulla direttrice del Salento. Un’escursione in quest’isola, abitata unicamente da un centinaio di persone, tutte residenti nel villaggio di Agrapidia, permetterà di visitare le altre meravigliose spiagge che compongono questa isola affiancata alla principale.

L’isola di Antipaxos è frequentata unicamente in estate, nel periodo invernale di fatto è disabitata o quasi e per raggiungerla occorre noleggiare una barca oppure scegliere un taxi boat da Gaios, il punto di attracco più vicino. Nei mesi estivi sono presenti collegamenti continui e in circa 15 minuti l’avrete raggiunta. Una volta raggiunta, Antipaxos saprà regalarvi un mare da tonalità azzurrognole diverse rispetto a quelle di Paxos e sarà possibile provare il vino locale, il retsina, prodotto con un’uva aromatizzata con i pini marittimi. Ricordate che qui esiste unicamente una strada e non vi sono praticamente macchine, anche se è teoricamente possibile sbarcarle.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Sarakiniko, la spiaggia di Milos dall’aspetto lunare

 

Come raggiungere Paxos

Cosa vedere a Paxos, lungomare

A Paxos non esiste alcun aeroporto e quindi l’unica modalità per raggiungere la piccola isola dello Ionio greco è il mare. L’isola più importante nelle sue vicinanze è quella di Corfù, sede aeroportuale con connessioni dirette sia dall’Italia che da numerose località europee. Una volta sbarcati potrete salire su uno dei tanti traghetti che in circa 90 minuti vi permetteranno di raggiungere Lakka, da cui scegliere come muoversi.

In alternativa potrete partire da Igoumenitsa, nella Grecia continentale sulla periferia dell’Epiro, connessa direttamente con l’Italia via nave. Da qui un traghetto vi permetterà di raggiungere l’isola di Paxos.

 


 

Condividi su: