0
Condividi su:

Cosa vedere a Patan,
la città nepalese nella valle di Kathmandu

 

icona-articolo

Una delle più grandi città del Nepal, Patan è a sud della capitale Kathmandu, e conosciuta anche con il nome di Lalitpur, spesso proprio così indicata in Nepal. Entrambi i nomi derivano dalla parola sanscrita “Lalitapattan” e, nonostante sia internazionalmente nota come Patan, non è improbabile trovare il secondo nome indicato nelle sue vicinanze.

Cosa vedere a Patan, mappa
Patan è conosciuta per la sua antica piazza Durbar ed è una delle escursioni più tipiche da Kathmandu, raggiungibile in meno di mezzora di auto e meta perfetta per staccare dal caos della capitale.

Distante infatti solo 8 km, Patan è una città piuttosto piccola e molto tranquilla, divisa in due dal fiume Bagmati, che la percorre interamente.
La sua storia ci racconta come Patan sia la città più antica della valle di Kathmandu e fondata da Yalambar, il re dei Kirati, nel II secolo d.C.

Cosa vedere a Patan

Durban Square

Cosa visitare a Patan,Nepal, Durban Square
Patan,Nepal, Durban Square

Posta in pieno centro cittadino, Durban Square è sicuramente la prima cosa da vedere a Patan. Per tutti è la principale piazza di Patan e indubbiamente la più bella ma non certo la più grande. Al contrario, la piazza Durban è la più piccola di tutte le piazze della città.
La sua notorietà. come il suo fascino, deriva dai tanti templi qua affiancati uno all’altro.

Traducibile come Piazza Reale, qui troviamo tra gli altri il Tempio Bhimsen, il Tempio Vishwanath e il Tempio Taleju Bhawani.
Riconoscerete subito la Piazza Durban non appena l’incontrerete: la sua tipica pavimentazione rossa la rendono inconfondibile.
L’accesso alla piazza è a pagamento e qualora intendiate trascorrere più giorni a Patan meglio sottoscrivere un abbonamento che vi permetterà di accedere illimitatatamente nei giorni del vostro soggiorno.

Sceglietela proprio come punto di partenza per la vostra esplorazione della cittadina.
Tutte le attrazioni che visiterete avranno proprio la piazza come punto di riferimento.

OneMag - Logo Micro
Link-uscita icona I 10 parchi nazionali da non perdere nel Nepal

Il Tempio d’Oro

Cosa vedere a Patan, il Tempio d'Oro - Hiranya Varna Mahavihar
Patan, il Tempio d’Oro – Hiranya Varna Mahavihar

Proseguiamo con le cose da vedere a Patan rimanendo a brevissima distanza da Durban Square per visitare il Tempio d’Oro, noto altrimenti come Hiranya Varna Mahavihar. Risalente al 1409, il monastero buddista il suo nome è una riduzione del nome completo, ben più lungo.
La sua struttura non è interamente oro, anzi per la maggior parte la sua costruzione è in rame dorato lucido.

Al suo interno troverete ad attendervi due grandi elefanti e altrettanti cavalieri in ottone e giusto di fronte un santuario, altrettanto dorato come l’intero monastero. Anche qua, come per la maggioranza dei templi, vige il divieto di fotografare l’interno, potete unicamente riprende la struttura e il giardino.
Percorrete una scalinata, piuttosto piccola, per ritrovarvi un una stanza, anche questa di dimensioni piuttosto ridotte la cui funzione è di esclusivo utilizzo dei monaci.
E’ possibile tuttavia visitarla richiedendo autorizzazione all’accesso ma, se sarete discreti, riuscirete a dare un veloce sguardo.

L’accesso, come ci abitueremo per visitare quasi tutte le attrazioni, è a pagamento.
Il biglietto, di 50 rupie ovvero €0.70 nel 2018, è da aggiungere al biglietto di accesso a Piazza Durban.

Tempio di Kumbeshwar

Cosa vedere a Patan, il tempio Kumbeshwar
Patan, il tempio Kumbeshwar

Spostiamoci a nord di Durban Square per accedere al successivo tempio da visitare, quello di Kumbeshwar.

Molte guide turistiche non lo inseriscono nell’elenco delle cose da vedere a Patan, in quanto in ristrutturazione dopo che nel 2015 un terremoto lo ha danneggiato. Merita comunque una visita, specialmente perchè probabilmente non lo troverete particolarmente affollato.
Ammirate senza fretta qualunque dettaglio e verificate se durante la vostra visita non si stia svolgendo uno dei tanti rituali che ogni giorno vengono qua svolti.

La sua costruzione risale al 1392 e questo lo annovera come tempio più antico di Patan e uno dei più antichi di tutto il Nepal. Curioso da vedere anche per il fatto di essere uno degli unici due templi in tutto il Paese ad essere costruito su cinque piani.
Il vantaggio di non essere citato in tutte le guide si rivela ulteriormente prezioso. A ingresso completamente gratuito, il complesso offre al suo interno una ulteriore coppia di templi, più piccoli rispetto al complesso.
Il tempio più recente, quello di Bagalamuki, è riconoscibile per alcuni segni di bruciatura: qua è infatti dove ancora oggi avvengono alcuni rituali con il fuoco.

 

Rudra Varna Mahavihar

Cosa vedere a Patan, Rudra Varna Mahavihar
Patan, Rudra Varna Mahavihar

Completiamo la visita dei templi spostandoci questa volta a sud della Durban Square, quindi dal lato opposto dall’appena visitato. Dirigiamoci verso il monastero di Newar Rudra Varna Mahavihar e prestiamo attenzione di tre cortili dell’area, ognuno con una caratteristica diversa e unica.

Il principale è il cortile centrale dell’Uku Bahal, iniziato dal re Shivadev, insieme alla costruzione dei cinque monasteri. Prima di accedere troverete un cancello di ingresso ai cui lati sono posizionati due statue di leone con tanto di bandiera del Nepal in cima.
Il cortile sul retro è invece moderno e appartiene ai residenti, ma ammiratelo senza problemi, nessuno vi creera problemi. Questo è in assoluto il cortile meglio conservato di tutto il Nepal e anche uno dei più imponenti.
Il terzo cortile comprende invece alcuni alcuni splendidi oggetti tra cui una statua del Primo Ministro Rana Juddha Shumsher, benefattore del tempio che ha stanziato i fondi per ripristinare la struttura a seguito del devastante terremoto del 1934.

Il prezzo di ingresso è di 50 rupie e comprende anche l’accesso al Mahaboudha Temple, altra struttura posta a sud-est di Durban Square.
Qui vi troverete di fronte a un tempio costruito in stile sikkara indiano con piastrelle di terracotta e con tante statuette di Buddha. Il suo nome, infatti, è traducibile come Tempio dei diecimila Buddha.

La casa di Kumari, la dea vivente di Patan

Cosa visitare a Patan, la casa di Kumari
Patan, la casa di Kumari

Per completare le cose da vedere a Patan non perdiamoci la residenza della Dea Vivente di Patan, il Kumari.

Anche questa a breve distanza da Durban Square, il Kumari è conosciuto come un’incarnazione vivente della dea Taleju, conosciuta anche come Durga.
Secondo la tradizione, avere il titolo di Kumari significa avere il più alto onore in assoluto e può conferire innumerevoli benedizioni alla famiglia.

Per accedere alla casa occorre togliersi le scarpe e salire su una piccola e stretta scala di legno, dove si accederà in una stanza completamente vuota.
Questa è la casa di Kumari, la dea vivente di Patan.

Ultimo aggiornamento: 17 Agosto 2020


 

Condividi su:

Like it? Share with your friends!

0