Palmanova, il comune fortezza della provincia di Udine

Palmanova, il comune fortezza della provincia di Udine. Tra le cose da vedere a Palmanova segnaliamo la Fortezza, il simbolo di Palmanova e il Duomo, il più importante edificio religioso di Palmanova. Tra le cose da visitare a Palmanova ricordiamo la Loggia della Gran Guardia, il Palazzo del Provveditore Generale, il Palazzo del Governatore delle Armi e il Palazzo del Monte di Pietà. Tra le cose da vedere a Palmanova, inoltre, annoveriamo il Civico Museo Storico e il Museo Storico Militare. Ecco cosa vedere a Palmanova.

Guida di Palmanova, Udine

icona-articolo

Palmanova è un piccolo comune situato nella provincia di Udine, abitato da circa 5 mila abitanti. La sua storia ci riporta alla sua fondazione, avvenuta nel 1593, per opera della Repubblica di Venezia. Il suo scopo, fin dalle origini, era quello di essere una fortezza per contrastare gli attacchi dei turchi o di chiunque volesse cercare di dominare il territorio della Serenissima.
Rimase sotto il dominio di Venezia fino all’arrivo di Napoleone che, nel 1799, dichiarò ufficialmente guerra alla Repubblica di Venezia e che la conquistò fornendo la città di una nuova cinta muraria, da unire alle due precedenti già in essere da quasi due secoli.
La guida di Palmanova la descrive oggi come una cittadina elegante con numerosi palazzi storici, la sua fortezza, il Duomo e tutto quanto visibile passeggiando tra i vicoli e le piazze di Palmanova.

Cosa vedere a Palmanova

La Fortezza

Palmanova, la fortezza

Il simbolo di Palmanova e la prima cosa vedere è la sua struttura, quella tipica di città-fortezza. Sono diverse cerchie di mura protettive che, insieme, formano delle linee geometriche e che dall’alto sembrano formare una stella a nove punto.
Siamo nel tipico rinascimento, una città fondata sull’architettura militare che si racconta, da subito, come luogo da proteggere.
Gli accessi alla città avvendono attraverso le porte di ingresso che attraversano i tre strati di protezione, realizzate nel XVI, XVII e XIX secolo. Una volta varcata una delle soglie di accesso alla città di Palmanova arriverete nel suo centro, caratterizzata da Piazza Grande.

Qui ha sede una esposizione permanente che racconta proprio la storia di Palmanova come fortezza. Nell’esposizione sono presenti diversi macchinari, replica perfetta anche nelle dimensioni, utilizzate per realizzare la città di Palmanova.
E’ anche sede, nel primo weekend di settembre, della rievocazione storica che ci riporta nel 1615. Grazie a centinaia di abitanti e appassionati, Palmanova si ritrova popolata da numerosi figuranti in abito d’epoca che ricordano la guerra tra l’Austria e la Repubblica di Venezia.
Tra le cose da vedere a Palmanova, la rievocazione storica è perfetta per immergersi nella storia e nella cultura di un borgo atipico.

OneMag-logo
Cividale del Friuli, il comune antico del Friuli Venezia Giulia

Il Duomo

Cosa visitare a Palmanova

Il Duomo è invece il più importante edificio religioso di Palmanova, posto proprio su Piazza Grande. La costruzione dell’edificio iniziò nel 1603 ma, a causa di mancanza di fondi e risorse, procedette molto lentamente, venendo conclusa decenni più tardi nel 1636.
Il Duomo del Santissimo Redentore è tra le cose da vedere a Plamanova anche per la sua splendida facciata in pietra bianca e grigia dove, nel frontone, ha sede il leone di San Marco, simbolo della potenza politica della Repubblica di Venezia.
Al suo interno non perdetevi la Pala delle Milizie del Varotari, meglio conosciuto come il Padovanino.

OneMag-logo
Visitare Fagagna, il borgo medievale

Gli edifici di Piazza Grande

Il Duomo è solo uno dei tanti edifici storici presenti in Piazza Grande. Ecco tutti i palazzi storici da visitare.

– Loggia della Gran Guardia

Tra la contrada Savorgnan e Borgo Porta Aquileia, sul lato sud ovest di Piazza Grande, troviamo la Loggia della Gran Guardia, posto giusto a lato dell’attuale Palazzo Municipale.
Il palazzo venne fondato con lo scopo di alloggiare i militari della Gran Guardia ma venne presto utilizzato anche per altri scopi, tra cui anche quello di teatro cittadino.
La struttura che oggi ammiriamo è stata modificata rispetto all’originale dopo essere stato parzialmente distrutto durante la Prima Guerra Mondiale ed un incendio ha cancellato la definitiva perdita degli elementi decorativi originari.
La sua ristrutturazione risale al successivo 1924 quando, oltre ad un restauro, venne anche ampliato.
Oggi il piano terra è occupato da varie mostre mentre la Loggia dei mercanti ospita invece un memoriale ai caduti della Prima Guerra Mondiale.

– Il Palazzo del Provveditore Generale

Oggi sede del Palazzo Municipale, il Palazzo del Provveditore Generale è stato costruito del 1598, dalla stessa scritta riportata sul portone di ingresso.
Nel suo passato, il Palazzo ospitava il provveditore, uno dei nobili che a turno rappresentava la Repubblica di Venezia. La sua carica era biennale ed era preposto a governare su civili e militari sia di Palmanova che nei suo dintorni.
Il suo ruolo gli garantiva pieni poteri giudiziari ed amministrativi.
Oggi ospita l’ufficio del Sindaco e dell’amministrazione comunale

– Il Palazzo del Governatore delle Armi

Posto sul collegamento tra la contrada Contarini e Piazza Grande, il Palazzo del Governatore è stato costruito nel 1613 ed ospitava la terza carica della fortezza, ovvero il Governatore alle Armi. La sua carica seguiva quello del Provveditore e quella del Tesoriere ed il suo ruolo era quello di amministrare tutto il corpo militare.
La sua struttura è svuluppata su tre piani e tra le cose da vedere a Palmanova merita osservare il rilievo del leone di San Marco.
Il suo ultimo restauro risale al 1993 e attualmente ospita il Museo storico militare.

– Il Palazzo del Monte di Pietà

L’ultimo tra gli edifici di Piazza Grande è quello del Palazzo del Santo Monte di Pietà, posto a sinistra tra il Borgo Aquileia e la piazza. Il Palazzo originale venne distrutto da un incendio e quello che oggi possiamo ammirare è una ricostruzione avvenuta nel 1829. Da ammirare qui la tatua della Pietà della fine del Seicento, contemporanea alla prima struttura.
L’istituto che invece era adibito al vero e proprio Monte di Pietà è risalente al 1666.

OneMag-logo
Venzone, l’Italia vista dai borghi

I Musei da vedere a Palmanova

– Il Civico Museo Storico

Cosa visitare a Palmanova

Tra le cose da vedere a Palmanova merita inserire ai primi posti il Civico Museo Storico, spazio espositivo dove viene trattata principalmente la storia di Palmanova.
Al suo interno troveremo infatti un’interessante collezione di armi antiche provenienti da Castel Sant’Angelo, nei pressi di Roma, oltre a itinerari da percorrere nei dintorni o addirittura in tutta la regione.
Infine potremo trovare all’interno del museo un’esposizione di documenti storici, che grazie all’aiuto di proiezioni e guide turistiche, raccontano la storia del borgo dalla sua nascita alla seconda guerra mondiale.

– Il Museo Storico Militare

Cosa visitare a Palmanova

Il secondo museo che consigliamo di aggiungere alla cose da visitare a Palmanova è il Museo Storico Militare, il cui noma completo sarebbe “Museo della Grande Guerra e della Fortezza di Palmanova“. La mostra si divide in tre sezioni, ognuna in una sede diversa (Palazzo del governatore, il percorso scoperto lungo le fortificazioni e Porta Cividale). In queste è raccontata la storia militare del forte dal 1593 fino alla fine delle Grande Guerra, nel 1917.

Sono esposti in tutte le sedi del museo vari cimeli, armi antiche, documenti storici e divise indossate dai militarsi, ad eccezione del percorso delle fortificazioni esterne, che offre invece un’itinerario lungo i bastioni e i terrapieni che circondano il centro fortificato.

OneMag-logo
Cordovado, il borgo dal castello vescovile

Le polveriere napoleoniche di Palmanova

Cosa visitare a Palmanova

Ultimo punto di interesse storico da visitare sono le 2 polveriere risalenti al periodo napoleonico, perfettamente conservate. Le due polveriere, situate rispettivamente nella Contrada Garzoni e nella Contrada Foscarini, non sono altro che edifici in pietra costruite per contenere le munizioni dell’esercito nei periodi di guerra.
Forse più interessante è la funzione odierna delle polveriere, che ospitano mostre temporanee ed eventi speciali, come l’esposizione di stampe antiche.

Condividi su: