Guida di Palermo, cosa vedere nel capoluogo della Sicilia

Palermo, cosa vedere nel capoluogo della Sicilia


Condividi su:

Cosa vedere a Palermo

Tutti gli articoli della provincia di Palermo

icona-articoloCapoluogo della Sicilia, Palermo è la quinta città italiana per abitanti, posta sulla costa nord-occidentale dell'isola su un territorio pianeggiante di circa 100 kmq noto con il nome di Conca d'Oro. La sua storia la ricorda come una delle città più importanti e ancora oggi è possibile ammirare gli storici edifici sfarzosi del centro cittadino, dal 2015 annoverato tra i Patrimoni UNESCO. Importante porto, Palermo è una delle città più suggestive d'Italia grazie ai suoi tanti conquistatori, protagonisti di vari cambiamenti che oggi regalano una delle architetture più insolite.

La città di Palermo ha il secondo centro storico più grande d'Europa e quindi è comprensibile che una visita accurata richiederà almeno un paio di giorni. Meglio lasciare la macchina in uno dei tanti parcheggi e iniziare a passeggiare, un itinerario per scoprire cosa vedere a Palermo che potrà essere modificato a piacere. Il centro storico di Palermo è infatti caratterizzato da una forma ad anello e sarà quindi possibile, a piacimento, invertire l'ordine di visita o saltare un'attrazione per tornarci dopo. Eccoci quindi pronti a scoprire cosa vedere a Palermo.

 

Cenni storici

Storia di Palermo

Le origini di Palermo risalgono al periodo neolitica come da scavi effettuati nell'area che oggi occupa il centro storico. Il primo nome con cui Palermo è nota è Zyz, traducibile dal fenicio come fiore. Furono proprio i fenici, tra il VII e il VI secolo a.C. a fondarla, scegliendo uno dei punti più strategici per il commercio.

Cosa vedere a Palermo, monumento nel centro storicoFurono i Romani a conquistarla, nel II secolo a.C., sottraendola al dominio cartaginese che era sopraggiunto dopo la fondazione fenicia. I Romani scelsero di modificarle il nome in Panormus, lasciandola sempre stragica per i commerci ma anche per le attività militari. Furono i soldati dell'Impero Romano a renderla tra le città più potenti rendola anche florida economicamente e particolarmente attraente per i nobii dell'epoca, che la scelsero come loro residenza.

Il successivo XI secolo vide i Normanni a conquistarla, un'assalto che non provocò distruzioni o danni. L'antico popolo scandinavo proseguì nell'opera dei Romani del millenio precedente rendendola tra le città più agiate del Mediterraneo. Particolarmente florido fu il periodo di governo di re Federico II di Svevia che contribuì ulteriormente la sua già florida attività commerciale

 

Cosa vedere a Palermo, centro storicoIl successivo dominio da parte degli Angioini portò invece scontento ai cittadini di Palermo. La capitale venne spostata a Napoli con un conseguente incremento di tasse. Fu tuttavia una breve parentesi, presto la città divenne conquista dagli Aragonesi, che realizzarono alcuni dei più sontuosi palazzi in città. Nel tardo XV secolo la Sicilia intera venne dominata dagli spagnoli e in questo periodo il divario tra classi sociali crebbe notevolmente. Fu anche periodo in cui l'arte ebbe una importante crescita sotto forma di architettura, dipinti, affreschi e decorazioni varie.

Nel 1713, con il trattato di Utrecht, la Sicilia passò ai Savoia e un ventennio dopo, nel 1734, ai Borboni sotto la guida di Carlo II. Nel 1798 il figlio di Carlo III, Ferdinando, si rifugiò a Palermo, a seguito degli eventi legati alla Rivoluzione francese. Nel 1816 il Parlamento palermitano venne chiuso, e l'annesso Regno di Sicilia si trasformò dando vita al Regno delle Due Sicilie. Con la Spedizione dei Mille, avvenuta nel 1860, Palermo e la Sicilia venne liberata dal dominio borbonico, aderendo quindi a quel che l'anno successivo sarebbe diventato il Regno d'Italia.

Nel secondo dopoguerra, la Sicilia venne proclamata regione a statuto speciale, con sede l'Assemblea regionale siciliana a Palermo, diretta erede di quella già utilizzata per oltre 9 secoli.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Petralia Soprana, visitiamo il borgo vicino a Palermo

Cosa vedere a Palermo

Cosa vedere a Palermo, veduta

Siamo a tutti gli effetti in una delle città artistiche d'Italia. Per visitarla con calma servirebbero diverse giornate, forse anche settimane e con certezza quasi assoluta ci saremmo comunque persi qualcosa. Quindi organizzate il vostro viaggio nel migliore dei modi pianificando quanti giorni possibili per visitarla e, se vi rimanesse tempo, non dimenticate di visitare i suoi dintorni. Tra queste la cittadina di ⇒ San Vito Lo Capo, meta apprezzata sia per la balneazione che per le sue attrazioni, ⇒ Noto, celebre per la sua splendida architettura barocca, ⇒ Taormina, splendida località storica, o ancora ⇒ Castroreale, tra i più caratteristici borghi siciliani.

Ecco quindi cosa vedere a Palermo.


Numero 1 (uno) OneMagIl mercato di Ballarò

Cosa vedere a Palermo, il mercato di Ballarò

Lungo il centro storico di Palermo è facile intravedere il suo stile arabo, questo anche per la presenza di una Medina, proprio come nella città musulmane. Il Mercato di Ballarò rispecchia questo stile ...

Leggi tutto l'articolo


La Chiesa di San Domenico

Numero 2 (due) OneMagCosa vedere a Palermo, la Chiesa di San Domenico

La Chiesa di San Domenico di Palermo, situata a due passi dall'area costiera del capoluogo siciliano, è il secondo più grande luogo di culto cittadino, nonché uno dei più importanti esempi d'architettura barocca in Sicilia. Situata nell'omonima piazza ...

Leggi tutto l'articolo

 


Chiesa di San Cataldo

Numero 3 (tre) OneMag

Cosa vedere a Palermo, la Chiesa di San Cataldo

Facilmente riconoscibile per le sue tre caratteristiche cupole rossastre, la Chiesa di San Cataldo è una delle più peculiari chiese di Palermo. Costruita in epoca normanna, nel XII secolo, la Chiesa di San Cataldo si distingue per il suo interno molto ....

Leggi tutto l'articolo


Numero 4 (quattro) OneMag

Teatro Massimo

Cosa vedere a Palermo, il Teatro Massimo

Nel pieno centro storico di Palermo, nella Piazza Verdi, troviamo il più grande teatro italiano e terzo d’Europa. Parliamo naturalmente del Teatro Massimo Vittorio Emanuele, l’anfiteatro superato unicamente per dimensioni dall’Opéra di Parigie dallo Staatsoper di Vienna...

Leggi tutto l'articolo


Numero cinque (5) OneMag

Parco della Favorita

Cosa vedere a Palermo, Parco della Favorita

Il Parco della Favorita di Palermo è l'area verde più grande della città di Palermo, con una estensione di 400 ettari, posto ai piedi di Monte Pellegrino. Accessibile da Piazza Leoni, il Parco della Favorita è stato inaugurato nel 1799 da Ferdinando, il IV re di Napoli ...

Leggi tutto l'articolo


Numero 6 (sei) onemagCatacombe dei Cappuccini

Un luogo insolito, macabro ma di gran fascino. Parliamo delle Catacombe dei Cappuccini di Palermo, la più ampia collezione esistente al mondo di mummie.
Ci troviamo nell’omonimo convento dei Cappuccini, nel quartiere Cuba...

Leggi tutto l'articolo


Numero 7 (sette) onemag

Cattedrale di Palermo

Cosa vedere a Palermo, la CattedralePrincipale e imperdibile attrazione della città, la Cattedrale di Palermo è dal 2015 patrimonio dell'umanità dell'UNESCO. Costruita nel XII secolo, la Cattedrale di Palermo venne progettata per sostituire il preesistente Duomo ...
Leggi tutto l'articolo


Numero 8 (otto) onemag

Palazzo dei Normanni, il Palazzo Reale

Cosa vedere a Palermo, il Palazzo dei NormanniNel cuore di Palermo si trova uno dei più importanti palazzi d'epoca normanna - nonché tra i meglio conservati - di tutta Italia. Il Palazzo dei Normanni, noto anche come Palazzo Reale, è con tutta probabilità il monumento architettonico ...

Leggi tutto l'articolo


Numero 9 (nove) onemag

Fontana Pretoria

Cosa vedere a Palermo, Fontana Pretoria

Nel cuore del centro storico di Palermo, nella I Circoscrizione al limite del quartiere della Kalsa, adiacente ai ⇒ Quattro Canti, si trova la monumentale Fontana Pretoria. Sita nell'omonima Piazza Pretoria, questa fontana è considerata uno

Leggi tutto l'articolo


Numero 10 (dieci) onemag

Piazza Quattro Canti

Cosa vedere a Palermo, Piazza Quattro Canti

Palermo è una delle città più sorprendenti d'Italia, e i suddetti Quattro Canti ne sono un'eccellente comprova. Il capoluogo siciliano possiede il secondo più grande centro storico d'Europa: un immenso agglomerato storico in cui ...

Leggi tutto l'articolo


Numero 11 (undici) OneMag

Mercato della Vucciria

Cosa vedere a Palermo, Mercato della VucciriaGli storici rioni della I Circoscrizione di Palermo sono famosi per ospitare antichi mercati il cui aspetto richiama quello tipico dei souq che troviamo nelle medine di qualsiasi città islamica. In Piazza Caracciolo, e nelle adiacenti strade come Via dei Maccheronai, si estende il Mercato della Vucciria...

Leggi tutto l'articolo


Numero 12 (dodici) OneMag Musei di Palermo

Musei di PalermoIn epoca rinascimentale, in particolare, Palermo si affermò come polo commerciale, facendo cosi accrescere il suo prestigio e notorietà in tutta Europa. Oggi, la città presenta diversi musei, centri espositivi e gallerie che ripercorrono la storia, l’arte e la cultura del territorio...

Leggi tutto l'articolo


Come raggiungere Palermo

Cosa vedere a Palermo, veduta
© Flickr - Ph. Emiliano Pennisi

Il modo più semplice per raggiungere Palermo è indubbiamente l'aereo. Il suo aeroporto, Punta Raisi, si trova a circa 35 km dal centro cittadino ed è possibile raggiungere Palermo con una navetta, in partenza ogni 30 minuti. Con il bus navetta si arriverà giusto di fronte alla Stazione Centrale cittadina, da cui si potrà proseguire per raggiungere la propria destinazione. Meglio invece evitare altri aeroporti che atterrano altrove, come alcuni low-cost che propongono lo scalo di ⇒ Trapani come luogo di ingresso alla Sicilia.

Una volta raggiunta Palermo meglio evitare il noleggio di un'auto. Qui il traffico è davvero importante e rischierete di trascorrere buona parte della vostra giornata fermi in coda. Meglio indubbiamente muoversi con i mezzi pubblici e riservare l'eventuale noleggio in caso abbiate intenzione di visitare i dintorni del capoluogo della Sicilia.

 


» Scopri Palermo «

Condividi su: