Palazzo di Christiansborg, il Palazzo Reale di Copenaghen


Palazzo di Christiansborg di Copenaghen, il Palazzo reale della capitale danese
Condividi su:

Palazzo di Christiansborg,
il Palazzo Reale di Copenaghen

→ Tutti gli articoli di Copenaghen

 

Icona articolo onemag

Il Palazzo di Christiansborg si trova nell'isoletta di Slotsholmen, il cui nome, tradotto dal danese, significa "Isola del Castello". Un tempo dimora di re e regine, oggi è la sede del Parlamento della Danimarca, della Corte Suprema e del Ministero di Stato. Il Palazzo di Christiansborg è l'ultimo tra i tanti edifici che hanno occupato Slotsholmen. La storia dell'isolotto ricorda infatti come qua sorgesse un castello medievale, demolito da re Cristiano VI poco dopo la sua ascesa al trono, dando origine nel 1745 al primo Palazzo di Christiansborg. La sua presenza fu tuttavia piuttosto breve, venendo completamente distrutto da un incendio nel 1794. Venne quindi ricostruito nel 1828 durante il regno di Federico VI ma anche questo bruciò nel 1884. L'attuale, il terzo edificio, venne inaugurato nel 1929 e fu re Federico VIII a dare il via i lavori, nel 1907 e re Cristiano X a inaugurarlo.

Alcune aree del palazzo sono ancora oggi utilizzati dalla Famiglia Reale. Il Palazzo di Christiansborg è oggi di proprietà dello stato della Danimarca ed è l'unico edificio al mondo sede del potere legislativo, potere esecutivo e potere giudiziario, i tre supremi poteri dello Stato.

 

Palazzo di Christiansborg
Cosa vedere nel Palazzo Reale

Palazzo di Christiansborg a Copenhagen, vedutaPrima di scoprirne gli interni, proviamo a visitare il Palazzo durante il cambio della guardia.
La Royal Life Guard ha una lunga storia che inizia nel 1658 quando l'allora reggente Federico III istituì le truppe come forma di protezione del capo di stato. Come per tutti i Palazzi Reali della città, anche qua il cambio della guardia avviene tra le 12 e le 13 di ogni giorno.

Quando la Famiglia Reale non è presente sono visitabili le cinque attrazioni, ovvero le sale di ricevimento reali, le scuderie, la cucina, le rovine sotto il palazzo e la cappella.

 

Le sale di ricevimento reali

Al primo piano del sontuoso edificio si trovano le sale di ricevimento reali, quelle utilizzate per banchetti di gala e anche per i festeggiamenti di Capodanno.

Le sale sono state ufficialmente inaugurate il 2 gennaio 1928, data simbolo prescelta anche come data di inaugurazione del Palazzo di Christiansborg. Riccamente decorate, le sale si raggiungono percorrendo la Scala del Re, al cui termine ha inizio la Sala della Torre. Qui sono presenti numerosi arazzi mentre di fronte troverete la Sala del Trono, caratterizzata dai due troni posti all'interno. Nell'appartamento reale di re Cristiano IX ammirerete invece sei busti in marmo che rappresentano re Cristiano IX, la regina Luisa, re Federico VIII e la consorte regina Lovisa e infine re Cristiano X e la Regina Alessandrina.

Nell'appartamento appartenuto a Federico VI si trovano quattro grandi dipinti di Eckersberg, tra i pochi reperti sopravvissuti all'incendio del secondo edificio costruito. L'Appartamento di Velluto era invece, fino al 1933, la Sala del Trono mentre spostandosi di poco raggiungerete l'Aula Magna, la più grande con 40 metri di lunghezza e 10 di altezza. La Royal Banquet Hall mostra invece tre dipinti murali che raffigurano re Cristiano VI, Federico VI e Cristiano VIII.

Di altro genere la visita alle scuderie reali, poste insieme al Museo delle Carozze nell'ala destra del Palazzo di Christiansborg.

La struttura, altamente decorata come il resto del Palazzo, ospita i cavalli ancora oggi utilizzati dai Cavalieri della Corona, coloro che prestano servizio come Guardia Reale. Si tratta di parte della scorta personale della Famiglia Reale.

Proseguendo la visita, lasciandosi alle spalle le scuderie, arriverete all'interessante Museo delle Carrozze, una esposizione di carrozze dove è presente quella che fu utilizzata dalla regina madre Juliane Marie, realizzata nel 1778. Interessante anche dare uno sguardo alla carozza nota come Gold State Chariot, ancora oggi utilizzat per le uscite ufficiali della coppia reale.

 

La cucina reale

Tra le cose da vedere nel Palazzo di Christiansborg, la cucina reale è quella probabilmente più simile alla nostra quotidianità.

Si potrà scoprire come avvengono i preparativi per un banchetto e scoprire come è invece stato realizzato il più grande banchetto reale che si sia tenuto negli ultimi 90 anni. Si tratta della cena avvenuta il 15 maggio 1937 per il Giubileo d'argento del re con ben 275 ospiti.

 

Le rovine sotto il Palazzo di Christiansborg

Siamo nella parte più storica del Palazzo, i sotterranei.

Qua si possono ammirare, ancora ben conservate, le rovine dei precedenti castelli realizzati in precedenza all'attuale. Aperta al pubblico dal 1924, i sotterranei sono indubbiamente la parte perfetta per scoprire come fossero realizzati gli edifici precedenti a questa terza ricostruzione.

 

La Cappella del Palazzo

Risalente al 1826, l'edificio ecclesiastico viene utilizzato per eventi reali, tra cui matrimoni e battesimi.

ll primo evento che è stato qua celebrato fu il matrimonio tra re Federico VII e la principessa Vilhelmine nel 1828. Il suo stile ricorda quello del Pantheon e della Chiesa di Sant'Andrea di Vignola, entrambi a Roma, anche se diverse sono state le variazioni applicate dall'architetto Hansen, realizzatore del progetto. La facciata è invece ispirata a un tempio greco con quattro pilastri che anticipano l'acceso.

 


Altro da visitare a Copenaghen


Condividi su: