Cosa vedere al Palazzo dei Priori di Perugia

Palazzo dei Priori, Perugia | Cosa vedere al Palazzo dei Priori di Perugia


Condividi su:

Il Palazzo dei Priori di Perugia

Tutti gli articoli della provincia di Perugia
Palazzo dei Priori di Perugia, mappa
© Google Maps

icona-articoloNel cuore del centro storico di Perugia si erge il Palazzo dei Priori, uno dei più pregevoli edifici storici di tutto il centro Italia. Sede comunale e della Galleria Nazionale dell’Umbria, il Palazzo dei Priori è stato sin dalle sue origini l’ubicazione di due importanti corporazioni medievali, il Nobile Collegio della Mercanzia e il Nobile Collegio del Cambio.

Lo storico edificio è ubicato tra Piazza IV Novembre e Corso Vannucci, nel cuore del centro storico perugino. Si caratterizza per le sue notevoli dimensioni, di gran lunga superiori a molti edifici di simile epoca a Perugia. L’architettura, combinata alle dimensioni, rende il Palazzo dei Priori una delle massime espressioni artistiche del centro storico cittadino. È inoltre uno dei monumenti simbolo di Perugia.

Il Palazzo dei Priori è il frutto di un progetto edile che si prolungò in più fasi costruttive nel corso dei secoli. Le sue fondamenta originali vennero realizzate nel tardo XIII secolo, su opera di Jacopo di Servadio e Giovannello di Benvenuto. Come vedremo a breve nel dettaglio, il Palazzo dei Priori a Perugia è inoltre uno dei luoghi di maggior prestigio artistico in Umbria, grazie soprattutto alla presenza della nota Sala dei Notari, interamente decorata alle pareti e al soffitto.
Ecco cosa vedere al Palazzo dei Priori di Perugia.

 

Cenni storici

Palazzo dei Priori, grifo e leone i simboli di Perugia
Il Grifo e il Leone, i simboli di Perugia all’interno del Palazzo dei Priori di Perugia

La storia del Palazzo dei Priori ha inizio nel tardo XIII secolo, frutto di un progetto architettonico che si è evoluto in varie fasi, concludendosi nel XV secolo. Il risultato dei tanti disegni e progetti furono di un palazzo egregiamente imperfetto. La facciata si compone in linee asimmetriche e andamenti irregolari, causa proprio la costruzione evoluta in più fasi. Il Palazzo dei Priori fu anche oggetto di discussione dai pontefici del XVII secolo a causa della sua decorazione con un perimetro merlato sul tetto, il simbolo del potere indipendente di Perugia. La Chiesa non apprezzò l’aggiunta, che fece demolire nel 1610 come prova di superiorità rispetto al potere amministrativo cittadino. Il perimetro merlato venne poi ricostruito nel XIX secolo.

Sul fronte del palazzo è presente un’alta gradinata, dalla quale è possibile ammirare la statua bronzea di Papa Giulio III, implementata nel 1555 dai perugini riconoscenti per l’operato del pontefice. Recandosi in Corso Vannucci è possibile vedere il portale del Palazzo decorato verosimilmente a una cattedrale, con il Portale Maggiore che ne simboleggia la bellezza, implementato nel 1346.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Cosa vedere a Todi, la cittadina collinare umbra

Il Palazzo dei Priori: cosa vedere 

Il Palazzo dei Priori, Perugia



Il Palazzo dei Priori di Perugia è stato fortemente modificato durante il dominio della Chiesa. Le sue originali forme e linee sono state ripristinate solo con l’avvento dell’Unità d’Italia. Al suo interno vi si trovava una scalinata a due rampe, sostituita da un’unica rampa a ventaglio, che conduce direttamente sia alla Sala dei Notari che alla Sala della Vaccara.

A coronare il portale troviamo delle rappresentazioni bronzee del grifo perugino e del leone guelfo. Le opere originali, create nel tardo XIII secolo, provenienti dalla fontana di Arnolfo di Cambio – esposta nella Galleria Nazionale dell’Umbria.

I consigli delle nostre guide

OneMag - Guide / Esperti | Thomas Cremonesi
Thomas Cremonesi

A mio avviso, Perugia è una delle città più fotogeniche d’Italia. Il contesto storico che la città vanta è a dir poco superbo. Con il suo antico nucleo centrale ricco di monumenti e palazzi storici, Perugia riesce a farmi innamorare ogni volta che la visito. Purtroppo, ho avuto poche occasioni per scoprire il capoluogo umbro, ma non vedo l’ora di poterci ritornare. Un mio consiglio. Il centro storico di Perugia è ricco di vialetti nascosti che offrono scorci da pelle d’oca, scopriteli e immortalateli: tornerete a casa con scatti davvero spettacolari.

Visita alla Sala Dei Notari del Palazzo dei Priori

Sala Dei Notari del Palazzo dei Priori a Perugia

All’interno del Palazzo dei Priori merita una visita la Sala dei Notari, accessibile direttamente da Piazza IV Novembre e simbolo indiscusso dello storico edificio. Dopo aver superato la monumentale scalinata, decorata con il grifo e il leone, si accede alla Sala dei Notari, principalmente nota per essere quasi interamente decorata con pregevoli affreschi. Fino al 1582 era nota come Sala del Popolo, dato che vi si tenevano le assemblee popolari del comune libero di Perugia. In questa data l’ampia sala cambiò uso, divenendo sede della corporazione Arte dei Notai, da cui proprio prende il suo attuale nome.

Gli originali affreschi sono stati danneggiati, o comunque alterati, durante il dominio pontificio su Perugia, venendo anch’essi ripristinati solo dopo il 1860. Purtroppo delle originali opere d’arte oggi è rimasto poco. Molti furono persi a causa delle manovre contrastanti della Chiesa, altri furono ridipinti, restaurati e reintegrati nel 1885 da Matteo Tassi. L’estesa Sala dei Notai si caratterizza inoltre per i suoi otto, poderosi, archi traversali a tutto sesto che ricoprono l’intero perimetro. Mentre al centro della stanza sono stati installati delle file di sedili che seguono il modello di quelli originali implementati nel XVI secolo.



Ultimo aggiornamento 20 agosto 2021


Condividi su: