Padurea Domneasca, la foresta moldava del principe regnante

Padurea Domneasca, la foresta moldava del principe regnante ricca di specie protette in un territorio ancora da scoprire. Nella Pădurea Domnească vivono numerose specie protette, tra cui i bisonti che rientrano nel programma di ripristino delle biodiversità naturali. Dichiarata oasi protetta nel 1993, è una delle più antiche foreste paludose presenti in Europa e si estende per oltre 40 chilometri quadrati dei quali la metà è ricoperta da foresta. Padurea Domneasca, la foresta moldava del principe regnante.2 min


Pădurea Domnească, la foresta del
principe regnante


icona-articoloPer scoprire il tesoro nazionale della Repubblica di Moldova, bisogna esplorare la Padurea Domneasca, letteralmente la foresta del principe regnante. Una riserva naturale enorme, situata tra le città di Pruteni e Criva, ricca di piante autoctone e specie animali incantevoli.

Flora e fauna della Padurea Domneasca

Tra i pioppi ed i salici che occupano il territorio, vive una colonia di aironi cenerini che, invece di costruire il nido tra i giunchi, si annida sugli alberi. L’area è chiamata la Terra degli aironi cenerini, specie protetta annoverata nel dedicato Libretto rosso. Dalla parte opposta della riserva si trova O Suta de Movile, tradotto I cento dossi, un’attrazione particolare della zona. Si tratta di un percorso lunghissimo di dossi situati parallelamente al fiume Prut, la cui presenza non è stata spiegata.

Le ipotesi avanzate in merito alla loro natura sono molteplici. C’è chi ritiene possano essere barriere coralline fossili ricoperte di terra o erosioni selettiva del suolo o, ancora, tombe di soldati che hanno combattuto qui nell’antichità. Ognuno può avanzare la propria congettura, in attesa che qualcuno arrivi ad una spiegazione scientifica appurata sul campo.

Oltre alla specie protetta degli aironi, nella Pădurea Domnească vivono i bisonti che rientrano nel programma di ripristino delle biodiversità naturali. Al momento ce ne sono 5 che circolano liberamente nell’area, ma per condizioni ambientali potrebbero esserne ospitati tranquillamente anche 18 esemplari.

OneMag-logo
Moldavia, guida turistica di viaggio

Cosa vedere nella Padurea Domneasca

La Pădurea Domnească, a nord di Chisinau, è stata dichiarata oasi protetta nel 1993. E’ una delle più antiche foreste paludose presenti in Europa e si estende per oltre 40 chilometri quadrati dei quali la metà è ricoperta da foresta. Nella riserva scorrono i fiumi Prut e Kamenka. Questi importanti corsi d’acqua che sostengono la flora e la fauna dell’area e che rappresentano un’importante risorsa anche industriale.

Proprio sul fiume Prut, infatti, si trova l’imponente diga costruita nel 1975 durante il regime sovietica. La diga rappresenta il frutto di un rarissimo accordo sovietico-rumeno ed oggi è un importante luogo di passaggio frontaliero tra Moldavia e Romania grazie alla strada costruita sulla sua sommità. Nei pressi della diga si trova il borgo di Costesti, passaggio di frontiera verso la Romania, situato nel distretto di Ialoveni, uno dei 32 della Moldavia. 

Sempre lungo il Prut, a sud della Moldavia, si trova un ecosistema unico e particolare fatto di laghetti e paludi e qui sopravvivono animali in via di estinzione come lo starleto, detto anche storione ruteno, ed il visone. Questa riserva nota con il nome di Prutul de Jos è il regno degli appassionati di bird watching che qui possono ammirare oltre 150 specie volatili tra cicogne bianche, oche dal collo rosso, anatre dalla testa bianca e tarabusi.

L’idea di un viaggio a stretto contatto con la natura prende forma scegliendo queste aree della Repubblica di Moldova, un territorio ancora da scoprire  che stupisce ed affascina tra storia e natura, offrendo ai suoi visitatori l’essenza di una realtà generosa e ricca di cultura.


Like it? Share with your friends!