Condividi su:

Cosa vedere a Oulu, Finlandia

Tutti gli articoli della Finlandia

icona-articoloNel centro geografico della Finlandia, lungo la costa del Golfo di Botnia, troviamo la grande città di Oulu, quarta in ordine di grandezza nel paese. Oulu è a tutti gli effetti l’ombelico della Finlandia ed è una località che, anno dopo anno, si sta affermando egregiamente nel turismo.

Oulu è da sempre una città molto ricca e caratterizzata da numerose industrie, che hanno permesso – soprattutto nel XX secolo – di renderla una delle più grandi del paese. Il suo nucleo abitativo attuale sorse nel XIX secolo, sebbene le sue origini siano più antiche di due secoli.
Pronti a scoprire cosa vedere a Oulu?

Cenni storici

Mappa di Oulu

Le origini di Oulu sono legate a Re Carlo IX di Svezia, che ordinò la fondazione della città lungo le rive dell’omonimo Oulu. Oulu, che si trova sulla riva del Golfo di Botnia in Finlandia, è la capitale della provincia dal 1776. La città basò quasi interamente la propria economia sull’agricoltura e sullo sfruttamento del ricco e fertile territorio circostante.

Nel XVIII secolo la città crebbe notevolmente sotto ogni punto di vista, triplicando la propria popolazione nell’arco di pochi anni. Nel 1822 un devastante incendio distrusse gran parte degli edifici in legno, di cui ne uscirono indenni appena 65. Nonostante i danni causati dall’incendio, la popolazione aumentò di 300 unità in quell’anno, superando i tremila abitanti.

Alla metà del XIX secolo si tenne la Guerra di Crimea, combattuta tra russi e turchi. L’alleanza turca, che comprendeva la Francia, l’Inghilterra e la Sardegna, raggiunse la città nel 1854, invadendola e sottomettendola al proprio potere. Tuttavia, la città non perse gli approvvigionamenti e le provviste, garantendo, seppur limitata, salvezza agli allora seimila residenti.

Con il trascorrere degli anni – e delle guerre – Oulu riuscì ad affermare la propria potenza nei commerci scandinavi, vedendo una notevole crescita demografica che perdurò per più di un secolo e mezzo. Infatti, all’inizio del XX secolo, Oulu contava circa quindicimila residenti, mentre nel 2000 gli abitanti toccarono quota centoventimila. Durante questo secolo Oulu si affermò nelle industrie e nella produzione navale, crescita in grande misura nel 1917, quando la Finlandia si proclamò indipendente dalla Russia.

OneMag-logo
Link-uscita icona Kemi, Lapponia | Cosa vedere a Kemi in Finlandia

Cosa vedere a Oulu

Cosa vedere a Oulu Finlandia

Oulu è una città in piena ascesa lato turistico. La forza economica trainata dalle numerose industrie e aziende hanno permesso al comune di ottenere fondi per la riqualificazione urbana e per la valorizzazione dell’attrattiva turistica. Nel corso degli anni ’10 del XXI secolo, Oulu ha infatti reso alcuni dei propri luoghi più distintivi una vera e propria attrazione turistica.

Nel centro della città è possibile ammirare la suggestiva cattedrale di Oulu, semplice nelle linee sia dentro che fuori. Di antica fondazione, la cattedrale di Oulu è stata elevata al suo attuale rango solo negli ultimi anni, sebbene sia uno dei più longevi edifici della città. È un’importante testimonianza del passato della Finlandia, tappa imperdibile durante un viaggio nella città.

A breve distanza consigliamo di visitare il suggestivo mercato coperto di Kauppahalli, uno dei più caratteristici luoghi di Oulu. Si tratta, infatti, del luogo più suggerito per scoprire la cultura locale, attraverso i numerosi prodotti – sia artigianali, che alimentari – disponibili in vendita. Annesso a un bar particolarmente trafficato dalla giovane comunità universitaria, il mercato di Kauppahalli offre numerosi prodotti imperdibili, tra cui frutta fresca e pesce delizioso.

Rimanendo in tema di cultura, sempre nel centro storico troviamo il più importante museo dell’intera regione dell’Ostrobotnia Settentrionale: il Turkansaaren Ulkomuseo. Il suggestivo centro museale raccoglie documenti e oggetti che ricostruiscono il passato della città, evidenziando gli usi e i costumi che hanno caratterizzato il popolo nel corso dei secoli. Grazie al museo è anche possibile scoprire nel dettaglio la storia della città, con numerose reliquie praticamente uniche nel loro genere.

Assieme alla valorizzazione del turismo, Oulu ha investito molte risorse per la propria università, annoverata come una delle migliori della Scandinavia. L’università di Oulu è infatti uno dei principali motivi della notevole crescita demografica della città, ricca di attrazioni e sorprese aperte al pubblico. Già la struttura dell’università è detta tra le più curate e meritevoli della Finlandia, contornata dal tipico paesaggio verdeggiante che caratterizza la regione. Infatti, i motivi floreali costituiscono un fattore di primaria importanza per l’università, in quanto sede del giardino botanico cittadino.

Rimanendo in tema naturalistico, il contorno di Oulu è senz’altro un’attrazione a sé stante davvero imperdibile. Infatti, questa porzione di territorio si caratterizza per il gran numero di isolette, connesse tra loro da numerosi ponti bianchi e molte delle quali del tutto incontaminate. A Oulu troviamo il parco cittadino delle Isole Hupisaaret, che si sviluppa lungo il delta dell’omonimo fiume Oulu e tra i più antichi della regione, fondato nel 1860. Il parco si caratterizza per le sue serre, per il parco giochi per bambini e per il teatro estivo, ampiamente utilizzato per concerti e spettacoli di vario genere.


 

Condividi su: