Oradea, l'elegante città della Romania

Oradea, l’elegante città della Romania


Condividi su:

Cosa vedere a Oradea, Romania

Tutti gli articoli della Romania
Cosa vedere a Oradea, mappa
© Google Maps

icona-articoloSulle sponde del fiume Crişul Repede, proprio vicino al confine con l’Ungheria, troviamo la città della Romania Oradea, il capoluogo del distretto di Bihor. La sua vicinanza con il confine ungherese, qualche manciata di km, ha reso nel tempo Oradea una città cosmopolita nonostante sia la città che in assoluto è riuscita a conservare al meglio il suo stile Art Noveau, tipico dell’Ottocento.
Pronti a scoprire cosa vedere a Oradea, Romania?

 

Cenni storici

Cosa vedere a Oradea, panorama

Siamo in una delle città più antiche della Transilvania, nota come Varadinum nel 1113, anno della prima menzione. La sua fondazione avvenne sul luogo di un precedente sito romano, di cui poco più di qualche rovina era rimasta. Del secolo successivo la prima menzione invece della Cittadella, le cui rovine sono ancora oggi visibili. Poco prima la Cittadella si era resa infatti protagonista di importanti lavori che avevano lo scopo di garantire sicurezza per un imminente attacco da parte dei Mongoli e dei Tartari. Purtroppo i lavori non garantirono la necessaria protezione e Oradea venne distrutta e qui, in seguito, venne sepolto il re di Ungheria.

Nel periodo rinascimentale la città divenne un luogo culturale, dando lezioni al futuro re d’Ungheria Mattia Corvino. La sua crescita demografica avvenne però solo in seguito, nella prima metà del XVI secolo. Nel secolo XVIII la città vide il suo primo progetto urbanistico, con la realizzazione di numerosi edifici, quali la cattedrale e altri monumento, in stile barocco. Fu anche il periodo della realizzazione del Palazzo Vescovile. Dal 1918 la città è sotto il governo della Romania, tranne un breve periodo durante il secondo conflitto mondiale quando venne occupata dagli Ungheresi.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Visitiamo Sibiu, la città romantica della Romania


Cosa vedere a Oradea

Iniziamo a scoprire cosa vedere a Oradea partendo dal suo centro storico, particolarmente frequentato durante la stagione estiva e caratterizzato da decine di ristoranti, spesso con tavoli all’aperto. La prima tappa è nella piazza principale della città, la Piata Unirii.

 

Piata Unirii

Cosa vedere a Oradea, Piata Unirii

La piazza più grande e importante è sicuramente la Piata Unirii, la nostra partenza per scoprire le cose da vedere a Oradea. Qui si svolge il fulcro dell’attività cittadina e il suo nome, Piazza dell’Unificazione, descrive pienamente il centro di tutte le attività della città. Definita da molti la più bella piazza della Romania, la Piata Unirii è estremamente animata grazie a una ricca presenza di locali, uffici pubblici, concerti e tanto altro. Qui gli abitanti trovano sempre una ragione per passeggiare e anche loro, come i tanti turisti, si fermano a osservare i tanti edifici da qui raggiungibili.

Qui ha anche sede il Municipio con la sua affascinante torre, i suoi 250 gradini sono sicuramente da percorrere per arrivare a circa 50 metri di altezza e ammirare uno dei panorami più esclusivi del centro storico.

 
OneMag-logo
Link-uscita icona  I migliori cinque ostelli per visitare Bucarest

 

La Chiesa con la luna

Cosa vedere a Oradea, la chiesa di Piata Unirii

Nella Piata Unirii è presente anche l’edificio religioso più singolare di tutta Oradea, la Chiesa con la luna. Il suo nome deriva dalla sfera che si sposta con le fasi lunari e che rappresenta una tra le attrazioni da non perdere a Oradea.

Costruita nel XVIII secolo e consacrata tempo dopo, nel 1832, la sfera è all’interno del campanile la cui altezza di 55 metri rappresenta una delle cime più alte del centro storico. La sfera, di 3 metri, è dipinta per metà in nero e per l’altra metà in oro e compone un giro completo ogni 28 giorni, rispettando la rotazione della luna intorno alla terra.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Castelul de Lut, fate e magia nel cuore della Romania

 

Palazzo Barocco

Cosa vedere a Oradea, Palazzo Barocco

Non allontaniamoci di troppo dal centro cittadino per raggiungere uno dei monumenti imperdibili a Oradea. Realizzato in stile viennese e costruito nel XVIII secolo, siamo di fronte al Palazzo Barocco conosciuto per i suoi tanti affreschi presenti al suo interno. Dopo la sua realizzazione è stato ricostruito a meno di una decina d’anni, andato distrutto a causa di un devastante incendio.

Da notare le tante finestre che si affacciano dall’edificio la cui lunghezza supera i 100 metri che illuminano le 120 sale che compongono la struttura a 3 piani a forma di ferro di cavallo.
Numerose le persone illustri che hanno nei secoli soggiornato, tra cui musicisti che con le loro opere hanno accompagnato le serate degli ospiti.
Dal 2003 l’edificio è di proprietà della chiesa e il museo che era ospitato all’interno, il Muzeul Ţării Crişurilor, è stato definitivamente chiuso.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Quando visitare la Romania? Ecco la guida stagione per stagione

La Basilica cattolica, la Cattedrale di Santa Maria

 

La Cattedrale di Santa Maria di Oradea
Cattedrale di Santa Maria, Oradea

La Cattedrale di Santa Maria, nome con cui è anche conosciuta la Basilica Cattolica Romana è stata costruita nel 1759 e proprio di fronte troviamo la statua di San Ladislao, Re di Ungheria, posta quasi da guardia all’edificio religioso.

All’interno della chiesa troviamo un piccolo museo intitolato in onore di San Ladislao, oltre che alcune pietre tombali che sono state qua portate dalla Fortezza. Siamo a circa 3 km dalla Piata Unirii ed è facilmente raggiungibile grazie ai mezzi pubblici che dalla piazza portano al Duomo cittadino in pochi minuti.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Ecco cosa visitare a Bucarest, la capitale della Romania

Fortezza di Oradea

Cosa vedere a Oradea, Fortezza

Rimaniamo sempre nei dintorni del centro storico per visitare un’altra delle cose da vedere a Oradea.  Nata come postazione difensiva, per quasi un millennio la Fortezza è stata la principale difesa della città. Oggi rappresenta la principale attrazione cittadina, con le sue mura perimetrali interamente ricoperte di mattoni rossi e il suo interno noto per essere il centro militare ed amministrativo di Oradea.

Eretta intorno alla fine dell’XI secolo, la struttura è stata ampliata con una cattedrale e nel XVIII secolo rivista quasi completamente in una forma pentagonale e in stile barocco, come attualmente si presenta. All’interno gli edifici erano indirizzati a diversi usi, tra cui un teatro estivo e un magazzino, oltre che celle di prigionia in altri casi. Il suo completo restauro ci ha fornito una struttura con musei, gallerie e anche ristoranti.

Si trova a est dalla piazza principale di Piaţa Unirii, e sarà facile comprendere immediatamente l’importanza della struttura, con il suo fossato e i  parchi che la circondano quasi interamente.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Le imperdibili attrazioni della Romania

 

Altro da vedere a Oradea

Cosa vedere a Oradea, veduta palazzo storico

La città di Oradea è anche una meta per gli appassionati d’arte che la uniscono spesso ad una visita a città ben più importanti. Oradea appartiene infatti alle città europee dell’Art Noveau. L’emblema di questa appartenenza è proprio nella Plaţa Unirii ed è il Palazzo dell’Aquila Nera, quello che alcuni definiscono ispirato dalla Galleria Vittorio Emanuele di Milano. In realtà oltre a questo episodio pochi sono i riferimenti all’Art Noveau di Oradea, ma rimane comunque un momento ispiratorio da non perdere.

Merita sicuramente attenzione il Teatrul de Stat “Regina Maria”, quello che per gli abitanti è una e vera propria istituzione. Fondato nel ‘900 ospita rappresentazioni classiche e anche contemporanee, sempre con uno sguardo alla cultura. Da qui, prima o dopo la rappresentazione, è facile fare una passeggiata lungo la Calea Republicii, la via pedonale interamente dedicata allo shopping e dove rilassarsi con un caffè o sorseggiando un te caldo, se stagione. Spostiamoci poi per trovare uno dei tanti ristoranti in grado di prepararvi una delle tante ciorbe, una più buona dell’altra.

Le tante chiese della città sono invece in continuo aumento. Che siano ortodosse o protestanti, poco importa, Oradea ha quasi sempre un nuovo edificio religioso pronto ad ospitare nuovi fedeli magari prima diretti verso altre zone. I cattolici sono invece in netta minoranza e di nuovi edifici è difficile sentire parlare mentre in città abbiamo anche tre sinagoghe pronte ad accogliere gli ebrei che ogni anno vengono in vacanza da ⇒ Tel Aviv.

 

 

Le acque termali di Oradea

Cosa vedere a Oradea, complesso termale

Che l’Ungheria sia davvero vicino lo si capisce anche dalla cultura dell’acqua. Oradea è una meta interessante per apprezzare la cultura termale ma anche per i parchi divertimento acquatici, davvero primari nella cultura degli abitanti. Qua troviamo sia il più grande waterpark di questa zona dell’Europa, il Nymphaea Aquapark che la più famosa destinazione termale della Romania, Băile Felix, a 8 km di distanza.

Oradea è quindi una zona di relax e vacanza, una meta turistica che risale fin dai tempi in cui Maria Teresa d’Austria era regnante. Con l’arrivo di Ceausescu la zona divenne meta popolare e da qui alla costruzione di grossi alberghi di cemento poca è la distanza. Con davvero pochi soldi, o meglio pochi lei, la vacanza era assicurata e ancora oggi molte di queste strutture, simili più a condomini periferici che ad alberghi, sono ancora presenti.

Negli ultimi anni, tuttavia, si è cercato di riportare la zona più vicino ad una meta di relax e tranquillità. I nuovi alberghi sono infatti molto diversi e anche i riti wellness richiamano quelli più consueti e tipici delle grandi strutture nord europee.

Qua fanno anche capolinea i molti interessati al noto elisir della giovinezza, il Gerovital H3m vietato in molti paesi (USA in primis) e che invece rappresenta la maggior fonte di introito per l’Hotel President di Băile Felix, unico centro autorizzato da Bucarest per i trattamenti.

Per raggiungere Oradea trovate l’aeroporto di Debrecen, con voli in arrivo anche dall’Italia.

Ultimo aggiornamento 23 maggio 2021


 

Condividi su: