Cosa vedere a Obidos,
la città medievale più bella del Portogallo

Tutti gli articoli del Portogallo

icona-articoloPopolato da circa 15000 abitanti, Óbidos è un grazioso comune che conserva ancora le sue caratteristiche medievali, tratto distintivo del Portogallo centro-occidentale.
Óbidos è celebre per essere stata la località che veniva data in dono alle regine del Portogallo. Il primo re che ha assegnato in dote alla sua amata moglie Urraca di León la cittadina è stato Alfonso I nel XII secolo.

Óbidos è situato in un territorio particolarmente aspro, dove tra strade tortuose e sconnesse si raggiungono le mura del peculiare castello che circondano questo bellissimo posto. Non solo: casette dipinte e vie acciottolate accompagnano il visitatore all’interno del più bello borgo portoghese.

Cenni storici

Mappa di ObidosLe prime notizie di Óbidos sono decisamente antiche. I primi abitanti, infatti, risalgono al Paleolitico inferiore.
I primi insediamenti urbani sorgono diversi milioni di anni dopo. Nell’area oggi occupata dal borgo portoghese era presente uno insediamento celtibero. La popolazione di origine celtica trasformò Óbidos in un luogo commerciale di primaria importanza per il popolo dei Fenici.

Durante la colonizzazione romana, il piccolo centro commerciale venne invece trasformato in avamposto militare.
Nel XII secolo la città venne conquistata dagli arabi, periodo in cui venne costruita una delle attuali attrazioni più importanti e simbolo, il castello.
Óbidos divenne in seguito un regalo del re Dom Dinis alla moglie Isabella di Aragona. Il nucleo abitato viene nuovamente trasformato in un territorio di proprietà delle regine portoghesi, una tradizione che venne mantenuta fino al XIX secolo.

Il devastante terremoto del 1755 prima e la guerra d’indipendenza spagnola all’inizio dell’Ottocento hanno portato prima distruzione e poi un profondo rinnovamento. Oggi la cittadina di Óbidos è una piccola perla medievale che merita assolutamente una visita.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Guida del Santuario di Bon Jesus di Monte, Braga

Cosa vedere a Óbidos, Portogallo

Cosa vedere a Obidos, panorama
Veduta della cittadina di Obidos

Óbidos è una delle principali mete turistiche portoghesi, frequentata in particolar modo durante il periodo estivo. Il motivo di tanto richiamo è da ricercarsi nella principale cosa da vedere a Óbidos, il suo castello. Se avete scelto di visitarla in uno dei mesi più caldi dell’anno, noterete i tanti bus turistici in coda per raggiungere proprio il castello.
In molti scelgono di pernottare proprio dentro al castello, ottenendo una maggiore libertà di orario per la visita ed evitare lunghe e interminabili code.

Oltre al castello sono tante le attrazioni cittadine. Dai suoi numerosi musei, agli edifici di culto alle botteghe artigianali storiche, Óbidos è un susseguirsi di luoghi da visitare.
Il tutto racchiuso nel magnifico contesto medievale che circonda l’intero nucleo abitato del borgo portoghese.

Se decidete di raggiungere Óbidos in macchina potrete comodamente parcheggiare la vostra vettura all’esterno delle mura medievali. All’interno vi attende una passeggiata da affrontare in tutta sicurezza, sia per l’assenza di veicoli ma anche per le numerose impalcature che hanno lo scopo di evitare eventuali cedimenti nei punti più antichi della città.
Pronti a scoprire cosa vedere a Óbidos?

OneMag-logo
Link-uscita icona  Albufeira, la capitale delle vacanze portoghesi

Il Quartiere Storico di Óbidos

Cosa vedere a Obidos, panorama

Iniziamo il nostro viaggio tra le cose da vedere a Óbidos partendo dal pittoresco Quartiere Storico. Lo troverete attraversando Porta da Villa, una delle porte di accesso dalle mura ritrovandovi da subito immersi nel paesaggio borgale della cittadina. Le strutture storiche sono tutt’oggi le stesse, costruite in epoca medievale, con pareti imbiancate dalle tonalità blu o giallastre.

Una volta entrati nel Quartiere Storico di Óbidos vi troverete immersi in un labirinto di strade e vicoli laterali, con scalinate che invitano il visitatore a raggiungere i lati più nascosti del borgo.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Ecco i luoghi da visitare nell’Alentejo, la regione con i tanti borghi medievali del Portogallo

Il Castello di Óbidos

Cosa vedere a Obidos, il castello
Il castello di Obidos

Simbolo e in assoluto attrazione principale, il Castello di Óbidos è situato nell’area settentrionale del comune.
Risalente all’epoca romana e rimaneggiato durante la dominazione araba del XIII secolo, il Castello di Óbidos è il maniero che domina sulla cinta muraria.
Quando il comune venne donato alla regina Urraca di León, il castello subì gradualmente alcune trasformazioni che lo portarono a essere adibito a residenza reale.

Attualmente è un hotel storico (pousada), pertanto l’esperienza migliore per godere del Castello di Óbidos è proprio prenotando una stanza in cui trascorrere le notti.
Di particolare interesse la parete ovest, dove le viste della città, del castello e della campagna di vigneti e frutteti sono sensazionali.

OneMag-logo
Link-uscita icona  L’enogastronomia del Portogallo

Chiesa della Santa Maria

Cosa vedere a Obidos, la Chiesa della Santa Maria
Chiesa della Santa Maria

Proseguiamo il nostro itinerario attraverso il centro storico per raggiungere la principale  piazza di Óbidos dove ha sede la piccola, ma graziosa, Chiesa della Santa Maria.
Costruita nel 1148, a seguito della conquista del territorio da parte di Afonso Henriques, la Chiesa della Santa Maria è stata rimaneggiata diverse volte a causa dei frequenti terremoti.

Il più devastante tra questi eventi sismici è stato registrato nel XVI secolo, quando venne distrutta per gran parte. Furono necessarie varie opere di ricostruzione prima di portarla a uno stato strutturale ottimale. Le varie lavorazioni hanno però modificato il suo stile architettonico originale, rendendolo ogni volta differente, fino a quanto oggi possiamo ammirare.

OneMag-logo
Link-uscita icona
  Visitiamo l’edificio ecclesiastico più importante del Portogallo, il Monastero di Batalha

Piazza della Santa Maria

Obidos, l'affascinante cittadina ad un ora da Lisbona

Ricca di monumenti, di storia e di numerose attività da poter svolgere, la Piazza della Santa Maria – ove è situata la citata Chiesa della Santa Maria – è il quartiere urbano più frequentato, nonché cuore pulsante del borgo di Óbidos.

Tra i monumenti osservabili si citano la gogna, risalente al 1400, dedicata al ricordo dell’autonomia locale e al luogo comunale in cui i criminali venivano puniti.
A questo si aggiungono i motivi classicisti raffigurati nella pavimentazione e il Telheiro, un edificio facilmente riconoscibile per il suo portico con sei colonne: qua fino al 1900 era ospitato il mercato coperto.

OneMag-logo
Link-uscita icona
  Viaggio per immagini, le capitali europee

Santuario del Signore Gesù da Pedra

Cosa vedere a Obidos, Santuario del Signore Gesù da Pedra
Santuario del Signore Gesù da Pedra

Il Santuario del Signore Gesù da Pedro, situato poco fuori città verso nord, è un edificio ecclesiastico di forma esagonale, da inserire tra le cose da vedere a Óbidos.
Già con uno rapido sguardo si potrà da subito comprendere come ci si trovi davanti a un edificio decisamente antico. Le sue origini, infatti, sono collocabili intorno al II-III secolo d.C.

Il suo interno è caratterizzato da una peculiare croce di pietra esagonale nell’altare, incisa con un’immagine primitiva della crocifissione. Merita essere inserito tra le attrazioni imperdibili di Óbidos per via di una piccola leggenda, probabilmente veritiera ma senza documentazione che possa avvalorarla. Si racconta infatti regina Eleonora di Viseu, intorno al 1500, posò la croce nelle vicinanze di Óbidos per indicare il comune termale di Caldas da Rainha, da lei fondato.

La croce venne presto trascurata, fino al 1730, quando un contadino la ritrovò, creando così una nuova generazione di devoti che realizzarono il santuario, terminandolo in stile barocco nel 1737.

Museo Municipale

In Europa una cosa accomunava tutti i territori: la prosperità delle città in cui risiedevano i regnanti. Cultura, arte, ricchezza, alcuni esempi che la stessa Óbidos possedeva e che, a oggi, tutti i cimeli collegati all’epoca d’oro della località sono ospitati nel Museo Municipale.

Al suo interno possiamo ammirare un’ampia collezione di dipinti risalenti al periodo compreso tra il XVI e il XVIII secolo, di artisti divenuti celebri nel territorio, come Diogo Texeira o Belchior de Matos.
Non da meno anche il pittore barocco spagnolo Josefa, tra i preferiti dalla regina Maria Francesca di Savoia nel 1600. Ma non solo: al Museo Municipale troviamo anche armi utilizzate nella guerra peninsulare.

Ultimo aggiornamento: 29 settembre 2020