Cosa vedere a Nottingham, Piazza del Mercato Vecchio
Cosa vedere a Nottingham, Piazza del Mercato Vecchio

Nottingham (UK) | Cosa vedere a Nottingham


Condividi su:

Cosa vedere a Nottingham

Leggi tutti gli articoli del Regno Unito
Mappa di Nottingham, nel Regno Unito
Mappa di Nottingham, nel Regno Unito | © Apple Maps

icona-articoloStorica città nel cuore dell’Inghilterra: Nottingham è la nota metropoli di Robin Hood, dove sia per la leggenda che per il film d’animazione firmato Walt Disney visse il leggendario eroe popolare britannico. Al di là dell’affascinante leggenda legata all’eroe, Nottingham è una città molto interessante turisticamente parlando. La sua posizione, a due passi da Derby e non molto distante da città importanti come Birmingham e Manchester, rende Nottingham una meta da non sottovalutare.

La città, popolata da poco più di 320 mila residenti, è un’importante polo commerciale, capoluogo della contea di Nottinghamshire e interamente abbracciata dalla famosa foresta Sherwood. Situata a 180 chilometri a nord di Londra, Nottingham si trova nelle Midlands Orientali, sulle sponde del fiume Leen. Scopriamo cosa vedere a Nottingham, in Regno Unito.

Cenni storici

Cosa vedere a Nottingham, vista su parte del moderno centro città
Nottingham, parte del moderno centro città

Le origini di Nottingham risalgono all’alto medioevo. Nel sito della moderna città sorse il primo insediamento intorno al VI secolo, lungo le pendici di un colle di arenaria sulle sponde del fiume Trent. L’area, nota alle sue origini con il nome di Snotingaham si sviluppò abbastanza velocemente, diventando già prima dell’anno mille un’importante polo commerciale e artigianale.

Nel IX secolo la città fu pacificamente occupata dai danesi, divenendo una delle cinque città del Danelaw, l’estesa area dell’Inghilterra anticamente occupata dai vichinghi. Già nel 1066 Nottingham fu conquistata da un altro popolo, quello dei normanni. Loro fondarono un borgo “moderno” affiancato all’insediamento più antico, dando vita a due comuni amministrativamente separati, fino al 1300 circa.

Un’importante data nella storia di Nottingham fu quella del 1449. Re Enrico VI oltre a confermare i vari privilegi che la città già godeva da tempo, istituì la famosa carica di sceriffo. Carica che, tra l’altro, nella leggenda e nei racconti viene raffigurato come l’antagonista per eccellenza di Robin Hood. Il legame tra la città di Nottingham e il leggendario fuorilegge Robin Hood è commemorato da una splendida statua a Castle Green.

Nei secoli a venire la città di Nottingham si affermò come una delle aree commerciali di maggior rilievo nell’Inghilterra centrale. Il centro abitativo si sviluppò attorno alla vecchia Piazza del Mercato, ancora oggi esistente sotto spoglie più moderne. La Piazza del Mercato è la testimonianza storica più importante del centro di Nottingham, che conferma il rilievo cittadino in ambito commerciale.

Un evento molto importante per la città fu quello dell’inaugurazione dell’University College, che aprì i battenti nel 1881. Nel 1928, l’ateneo universitario si trasferì nella propria attuale sede, nell’area occidentale di Nottingham.
Nottingham si caratterizza per la sua struttura urbanistica ben stratificata. Elemento che, nei secoli, ha permesso alla città di splendere economicamente. Nottingham si trova infatti nel cuore del bacino carbonifero delle East Midlands ed è considerata anche un importante centro di trasporti e logistica in generale.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Londra: scopri tutte le cose da visitare nella grande capitale del Regno Unito

Cosa vedere a Nottingham

Il castello di Nottingham

Castello di Nottingham, Regno Unito

Il simbolo assoluto di Nottingham è senza dubbio il suo castello.
La fortezza di Nottingham, al contrario di quanto lasci pensare, è una struttura di stampo moderno, costruita sul sito di un precedente castello antico. Rappresenta il punto esatto del centro di Nottingham.
Dentro al Castello di Nottingham si trova un piccolo museo dedicato a Robin Hood, che seppur di piccole dimensioni riesce egregiamente a raccontare la leggenda dell’eroe popolare. Il museo presenta poi un’altra area espositiva dedicata ai reperti d’epoca vittoriana, con diversi oggetti legati allo stile di vita e alla quotidianità dei cittadini di Nottingham del passato.

Sottostante al Castello di Nottingham si trovano i misteriosi (e affascinanti) sotterranei. Parliamo del Mortimer’s Hole, un labirintico complesso di gallerie scavate nella roccia, sede espositiva di un museo nonché luogo di leggende affascinanti. Si dice che il Mortimer’s Hole fu la residenza di Sir Roger Mortimer, quarto barone di Wigmore, vissuto nel XIV secolo, il cui spirito infesterebbe le gallerie.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Bath, la cittadina inglese da scoprire in un giorno

Piazza del Mercato Vecchio

Tram nella Piazza del Mercato Vecchio di Nottingham
Tram nella Piazza del Mercato Vecchio di Nottingham

Il cuore centrale della città di Nottingham è la Piazza del Mercato Vecchio.
Importante nucleo urbanistico, la Old Market Square rappresenta una delle prime aree di Nottingham a esser state costruite. Si tratta di una piazza interamente pedonale nel cuore di Nottingham, estesa circa 12 mila metri quadrati e nota per essere una delle più gradi piazze pavimentate del Regno Unito.

Attorno alla Piazza del Mercato Vecchio si sviluppano tutte le principali vie commerciali di Nottingham, mentre a dominare la piazza troviamo la Council House. Questa piazza rappresenta per eccellenza il forte sviluppo di cui è protagonista Nottingham: è infatti la seconda città in crescita più rapida del Regno Unito, dopo solo Glasgow.

Chiesa di Santa Maria Vergine

Chiesa di Santa Maria Vergine nel distretto di Lace di Nottingham
Chiesa di Santa Maria Vergine nel distretto di Lace di Nottingham

Importante monumento storico, la Chiesa di Santa Maria Vergine rappresenta uno dei più antichi edifici ancor oggi conservati di Nottingham. In molti considerano la Chiesa di Santa Maria Vergine una delle più belle dell’Inghilterra centrale. Fu costruita a partire da fine XIV secolo, venendo ultimata nel 1475. La chiesa è inoltre sede di concerti organistici, esibizioni corali ed eventi di genere vario ad accesso gratuito. Può essere visitata dalle 10.30 alle 14.30 dal martedì al sabato.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Liverpool, capitale della cultura

Musei di Nottingham

La città di Nottingham conserva diverse istituzioni culturali meritevoli di essere visitate. Oltre al Museo nel Castello di Nottingham, con annessa Galleria d’Arte, meritano essere visitati il Museo di Storia Naturale, il Wollaton Hall (che vedremo subito dopo), il Museo dell’Industria e la Galleria di Giustizia. A queste si aggiunge anche la Newstead Abbey, la casa natale di Lord Byron, il celebre poeta a cui è tra l’altro intitolata l’omonima Grotta di Byron a Portovenere. Ultima, ma non per importanza, è l’Angel Row Gallery, nota per l’allestimento di straordinarie mostre d’arte contemporanea.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Stonehenge, il gioiello archeologico del Regno Unito

Wollaton Hall

Wollaton Hall, Nottingham

Imponente, maestosa e affascinante. Il Wollaton Hall – sito sull’omonimo colle a circa 20 minuti dal centro di Nottingham – è senza dubbio il più splendido edificio nobiliare della città inglese: una maestosa dimora in stile Elisabettiano. Inserita all’interno di un vasto parco, abbracciata da una fitta foresta e aggraziata da un laghetto, Wollaton Hall è uno dei massimi esempi di villa inglese nel centro dell’Inghilterra. Oggi Wollaton Hall ospita un piccolo museo dedicato alla natura e alla biodiversità, con diverse centinaia di animali impagliati: l’accesso è gratuito.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Cosa vedere a Leeds, viaggio nello Yorkshire

Foresta di Sherwood

Foresta di Sherwood, Nottingham
Foresta di Sherwood, Nottingham

Non può mancare una tappa nella leggendaria Foresta di Sherwood. Situata attorno alla periferia di Nottingham, la Sherwood Forest è una delle tappe turistiche più importanti in città. Tenendo conto che si trova abbastanza distante dal centro di Nottingham è difficile pensare di raggiungere la foresta a piedi. Fortunatamente, esistono linee di bus, quelle della Robin Hood Line con partenza da Victoria Bus Station, che permette di raggiungere in circa un’ora la Foresta di Sherwood.
Al vostro arrivo vi attenderà il Centro Visitatori, da cui si può addentrare nei vari percorsi naturalistici all’interno della foresta. Molto interessante è anche il piccolo museo dedicato a Robin Hood, quanto anche la Major Hoak, la più antica quercia d’Inghilterra, antico di oltre mille anni e, secondo la leggenda, rifugio di Robin Hood.


 

Condividi su: