Condividi su:

Cosa vedere a Nerja,
Costa del Sol

Tutti gli articoli della Spagna
Cosa vedere a Nerja, mappa
© Apple Maps

icona-articoloNerja è una cittadina spagnola, nella regione dell’Andalusia, a sud ovest della nazione. Situata a 50 chilometri a est di ⇒ Malaga e nell’immediata vicinanza al parco naturale di Sierra Almijara, Nerja è una delle migliori città costiere da visitare in Costa del Sol. Chiamata amichevolmente il gioiello della Costa del Sol, Nerja è protetta proprio dalle imponenti montagne della Sierra Almijara che le garantiscono un clima temperato in ogni periodo dell’anno, con temperature che si aggirano intorno ai 20° C nel mese di novembre.

Cenni storici

Cosa vedere a Nerja, passeggiata nel centro storico

Le prime notizie di Nerja risalgono al Paleotico superiore, con ritrovamenti che confermano l’esistenza di un nucleo abitato superiore a oltre 20.000 anni fa. L’arrivo dei romani nel 210 a.C. diede origine a tre città e alcune tracce di un insediamento romano sono state ritrovate anche nella stessa Nerja.

Nel 711 la cittadina di vide protagonista di una battaglia tra i Visigoti e i musulmani, quest’ultimi vincitori e a cui fecero seguire una nuova conquista di tutta l’area. L’arrivo dei monarchi cattolici, nel XV secolo, vide Malaga riconquistata dai cristiani ma senza rilevanti cambiamenti per Nerja che rimase sotto il dominio islamico. In quel periodo convivevano cristiani, arabi ed ebraici ma furono i cristiani a rimanere unici nel territorio. Nel XVI secolo Nerja assistè a un importante spopolamento che terminò solo con l’arrivo di numerosi popoli spagnoli. Il popolo era sempre allarmato da un possibile ritorno dell’invasione islamica. Venne costruita la Torre de los Guardas, quella che oggi conosciamo come Balcone d’Europa, nel quale vennero installati numerosi cannoni a difesa del territorio.

Nel 1515 Nerja divenne Comune Autonomo e con l’ultima battaglia contro gli islamici, combattura nel 1567, si vide l’inizio di un nuovo periodo florido. Gli anni successivi furono fondamentali per la crescita economica e demografica di Nerja grazie alla coltivazione dei campi di canna, che diede vita al primo zuccherificio di Spagna. In quegli anni vennero erette chiese, abitazioni e fu l’avvio del periodo d’oro di Nerja, quello del XVIII secolo. L’arrivo dei Borbone, dopo la caduta degli Asburgo, vide una crescita di tutti i comuni e Nerja potè disporre di nuovi edifici e di nuove strade, in grado di congiungerla con Malaga e Almeria.

Alla fine del secolo successivo la guerra di indipendenza spagnola diede inizio a un periodo di declino per la cittadina, culminata con un forte terremoto nel 1884. L’arrivo della peste contribuì a questa fase di decadenza e molti abitanti scelsero di trasferirsi, riducendo la popolazione a poche migliaia di abitanti. L’inizio del XX secolo vide Nerja quasi completamente distrutta e priva di abitanti con diverse insurrezioni da parte degli abitanti. Le rivolte diedero il via ai primi interventi di risanamento, atti soprattutto a garantire l’igiene del territorio. La proclamazione di Repubblica in Spagna aumentò inizialmente i disagi e numerosi furono i conflitti, a cui seguirono carestie e disoccupazione, culminati nelle due guerre mondiali. Negli anni ’50 Nerja iniziò a vedere importanti progressi che l’hanno poi gradualmente portata alla nota località turistica che oggi conosciamo.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Guida dell’Alhambra, il complesso militare della periferia di Granada

Cosa vedere a Nerja, Spagna

Il Balcone d’Europa

Cosa vedere a Nerja, il Balcone d'Europa

Grotte di Nerja

Cosa vedere a Nerja, le grotte
Le grotte sono una delle attrazioni più visitate in ⇒Spagna. E anche a Nerja risulta la prima cosa da vedere dopo il mare. Vennero scoperte nel Gennaio del 1959 da cinque amici avventurieri, i quali entrarono in un stretto sentiero che li portò proprio all’interno.
Questa cava è famosa per ospitare la stalattite più lunga d’Europ, con una lunghezza di 60 metri.

L’intera grotta è invece lunga oltre 4 km e divisa in due parti, “Nerja I” e “Nerja II”
La prima è aperta al pubblico, facilmente accessibile tramite una rampa di scale e percorribile grazie a dei percorsi artificiali. Nerja II, invece, non raggiunge gli standard di sicurezza e non è accessibile.

All’interno dell’area visitabile troverete diverse pitture rupestri nella ‘sala della Torca’ mentre nella ‘sala dei fantasmi’ avrete modo di assistere a rappresentazioni simboliche di animali.

location_icon onemag Carretera de Maro, s/n, 29787 Nerja, Málaga, Spagna

OneMag-logo
Link-uscita icona  Visitiamo lo Stadio Olimpico di Siviglia

Chiesa di El Salvador

Cosa vedere a Nerja, la Chiesa di El Salvador

Tra le cose da visitare a Nerja, la chiesa El Salvador è l’edificio religioso principale della cittadina. La costruzione risale al XVII secolo e si erge nella piazzetta principale della città. L’esterno è costruito in uno stile ibrido tra barocco e mudejar, una particolare tecnica artistica originaria proprio delle penisola iberica.

L’interno, invece, conserva arredi di pregio, con particolare attenzione ai dettagli.
Negli immediati dintorni della chiesa, la piazza è ricca di bar, gelaterie e negozi di souvenir.

location_icon onemag Plaza Balcón de Europa, 5A, 29780 Nerja, Málaga, Spagna

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Visitiamo Oviedo, il capoluogo delle Asturie

L’Acquedotto di El Aguila
Cosa vedere a Nerja, Acquedotto di El Aguila

Si tratta dell’acquedotto della città di Nerja, costruito tra il 1879 e il 1880 e in utilizzo tutt’oggi. È famoso in tutta l’Andalusia per il suo design unico e piacevole. L’imponente struttura è nota anche come Puente del Águíla, e serviva per portare l’acqua ai mulini della Fábrica de Azúcar de San Joaquín a Maro.

Oggi l’acqua dell’acquedotto è utilizzata principalmente dalla comunità locale per irrigare i terreni agricoli. La struttura si trova sul Barranco de la Coladilla de Cazadores, a sud-ovest delle Grotte di Nerja, ed è visibile dalla strada N340 che collega la città di Nerja a Maro.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Esploriamo le Canarie con questa guida a Fuerteventura, la seconda isola per dimensioni

Museo di Nerja

Museo di Nerja

Il Museo di Nerja é stato concepito come punto di riferimento per la cittá, la sua storia, il suo Patrimonio Naturale e Culturale. Nato con lo scopo di diventare un ente autonomo, il Museo è sempre stato legato alle attivitá della Fundación Cueva de Nerja, ovvero l’istituzione promotrice che amministra questa iniziativa. Il Museo offre una visione panoramica della storia della città di Nerja, oltre ad una presentazione analitica dei temi e delle questioni che la caratterizzano.

Tra le cose da vedere a Nerja, il Museo è situato proprio nel centro storico, vicino al Balcón de Europa, nella Plaza de España.
L’edificio del Museo ha una superficie di 2700 metri quadrati, di forma rotonda e minimalista nei dettagli.

Prezzi: Adulti: 4€, Bambini dai 6 ai 12 anni: 2€, Gruppi (minimo 15 persone): 2€ a persona.

location_icon onemagPlaza de España, 4, 29780 Nerja, Málaga, Spagna

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Guida alle spiagge più belle di Ibiza

Le spiagge di Nerja

Cosa vedere a Nerja, Playa El Salon
Playa El Salon

Sono tante le spiagge di Nerja dove rilassarsi e trascorrere qualche ora in perfetta armonia con la natura. Ecco alcune delle spiagge che meritano una visita.

La Playa El Salon (📌 indirizzo) si trova nel centro di Nerja e a detta di molti è la migliore spiagga della città, quindi prendetela in considerazione se avete poco tempo a dispozione. L’acqua è pulitissima, così come anche la sabbia, è presente un negozio di snack e ci sono i servizi igienici. Di media inizia a popolarsi unicamente il pomeriggio, perciò se avete intenzione di andarci fatelo di prima mattina, quando nessuna o pochissime persone sono presenti
Raggiungerla è abbastanza semplice, basterà difatti attraversare una strada laterale dalla piazza principale, la quale porterà direttamente alla Playa El Salon.

Altra spiagga da prendere in considerazione a Nerja è la Playa Calahonda (📌 indirizzo), la spiaggia visibile dal Balcone d’Europa. Qui si viene se si vuole stare comodi grazie ai lettini in affitto con tanto di ombrellone, affittabili anche per mezza giornata. E’ la spiaggia da preferire se si viene in vacanza a Nerja con bambini, sia per la sua vicinanza al centro storico ma anche per essere perfettamente attrezzata. Questo, ovviamente, la rende anche la prima spiaggia ad affollarsi in estate.

Se invece amate i luoghi più incontaminati allora è la Playa de las Alberquillas (📌 indirizzo) a fare per voi. Questa spiaggia si presenta con un litorale sassoso, che anche in estate presenta un basso tasso di affollamento, grazie anche alla sua posizione abbasta remota, che unisce Malaga e Granada. La spiaggia dispone di un comodo parcheggio nelle vicinanze, da cui si può seguire un percorso che giunge dritto nel litorale.

La più lunga delle spiagge di Nerja è la Playa Burriana (📌 indirizzo), nonché una delle migliori. Ai bordi di questa spiaggia si trovano tanti ristoranti, bar e locali vari, perfetti per assaporare la ricca cultura gastronomica del luogo. Da qua, inoltre, si può seguire una rigenerante passeggiata lungo il Carabeo, una pittoresca stradina bianca che costeggia la spiaggia, non molto distante dal centro storico.


Condividi su: