Negev, l'area desertica di Israele
Condividi su:

Deserto del Negev,
l’area meridionale di Israele

→ Tutti gli articoli di Israele

Mappa del Deserto del Negev
Mappa del Deserto del Negev

icona-articoloIl deserto del Negev, la zona più estesa di Israele, è posta nel sud del Paese e il luogo desertico più esteso in assoluto. Sono oltre 12 mila i km quadrati di territorio, un paesaggio desertico nonostante non sia troppo distante geograficamente dal Mar Mediterraneo.
Il deserto del Negev è un luogo davvero estremo e il suo paesaggio a tratti ricorda più quello lunare che quello desertico. Siamo infatti di fronte a uno dei luoghi più suggestivi di tutta Israele.

La zona è da alcuni decenni aperta a nuovi insediamenti e, negli anni ’80, ha avuto un grande flusso migratorio dalla ⇒ Russia, grazie a una politica di incentivazioni che ha concesso l’acquisto di case a prezzi fortemente scontati in alcuni villaggi, ancora oggi abitati. Il capoluogo di Negev è Be’er Sheva, la settima città d’Israele, dove ha sede una delle principali università del Paese e metropoli in grande crescita commerciale e turistica.
La città, secondo una antica leggenda, venne fondata da Abramo ed è tra le città più antiche di Israele.
Ecco il deserto del Negev, pronti a scoprirlo?

Il deserto del Negev

Le attrattive turistiche del Negev

Il deserto del Negev, veduta

Grazie a un clima secco, il Negev è perfetto per diverse escursioni. L’offerta turistica è completa: si potrà scegliere di dormire in una tenda beduina, in un ostello ma anche in una struttura lussuosa e dotata di ogni comfort.
Se avete deciso di esplorare la zona meridionale di Israele preparatevi a visitare i grandi parchi naturali, vere perle naturali da sempre apprezzate per i suoi paesaggi storici. Le recenti innovazioni hanno poi aggiunto nuove tecnologie con le quali ci si prefigge di rendere verde il deserto.

Gli appassionati enologi potranno anche scegliere vari percorsi attraverso i vigneti, realizzati proprio grazie all’utilizzo di queste tecnologie innovative. Sarà sicuramente seducente apprezzare un calice di vino ottenuto da un terreno roccioso, una esperienza davvero unica.
Se volete conoscere nei dettagli il deserto del Negev cercate il villaggio Khan Be’erot, posto all’interno del cratere Ramon. Qui scoprirete come si svolge la quotidianità di un abitante del deserto, esperienza da unire ai Drijat, i luoghi dove vivono i beduini.

Il cratere Ramon è uno dei più grandi presenti nel Negev con una ampiezza di ben 40 km. Una volta raggiunto prendetevi qualche minuto e ammirate nei dettagli il panorama del deserto e quindi recatevi al piccolo villaggio di Mitzpe Ramon. Quello che in passato era poco più di un piccolo gruppo di case, oggi è invece una struttura turistica completa di alberghi e locali. Quello che non è cambiata è la piacevole sensazione di dormire all’interno di quello che è un fenomeno naturale di importanti dimensioni.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Scopriamo Eliat, l’antica città di Israele

Cosa fare nel deserto del Negev

Il deserto del Negev, escursionisti

La regione si presta a numerose attività sportive, alcune anche estreme, tipiche della zona. E’ anche possibile rilassarsi, specie se siete amanti di un territorio che quasi sempre ha come contorno il silenzio assoluto. Una vacanza nel deserto Negev offre anche la possibilità di escursioni al limite dell’avventuroso o, altrettanto, delle vacanze rilassanti e ritempranti.

Nel deserto del Negev è anche possibile fare una escursione culturale, grazie ai suoi siti storici che permetteranno agli appassionati di archeologia di scoprire l’insolito territorio. Imperdibili anche le cascate del territorio, solo un assaggio delle tante attività che possono essere svolte in questo esclusivo angolo del deserto israeliano.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Ecco Masada, l’area archeologica di Israele

Come raggiungere il deserto del Negev

Il deserto del Negev, veduta della città
Negev, città beduina Rahat

Nel 2019 è stato aperto il secondo aeroporto internazionale di Israele Eilat.
L’aeroporto “Ramon” è costato oltre 500 milioni di euro e prevede una capacità di 2 milioni di passeggeri l’anno, espandibili fino a oltre 4.

L’obiettivo è quello di rendere Negev una meta turistica invernale grazie agli oltre 70 voli pianificati con collegamenti diretti ⇒ dall’Europa. Nei mesi invernali, infatti, la zona è senza alcuna precipitazione e una temperatura quasi perfetta, tra i 20/25 gradi di giorno e 15 la notte. Negev ha proprio il clima ideale per essere esplorata in bici e per fare trekking.

Ultimo aggiornamento: 19 Dicembre 2020


 

Condividi su: