Nancy, cosa vedere nella città francese

Cosa vedere a Nancy, l'affascinante località francese nota per l'Art Nouveau e per Piazza Stanislao, tra le più grandi piazze di tutta Francia, nota per essere sede del monumento dedicato a Stanislao. Tra le cose da vedere a Nancy citiamo il Museo Nazionale delle Belle Arti ed il Museo Storico di Nancy, tra i principali complessi situati in Lorena. Da non perdere anche la Cattedrale, inserita nei monumenti nazionali nel 20° secolo e il Castello di Montague, situato poco fuori città. Ecco cosa vedere a Nancy.

Guida a Nancy, 
la piccola affascinante città della Lorena

icona-articoloCosa vedere a Nancy
Nancy è un’affascinante località situata nell’area nord-orientale della Francia, a breve distanza da Strasburgo, particolarmente nota per il centro urbano in stile architettonico tardo barocco ed art nouveau.
La sua storia ci racconta di Nancy capitale del Ducato di Lorena ed oggi è un punto di riferimento per il turismo in Francia grazie alla propria bellezza rinascimentale e per la sua strategica posizione a cavallo tra Germania, Lussemburgo e Belgio.

L’aspetto particolarmente sfarzoso di cui Nancy è caratterizzata è stato voluto dal re polacco Stanislas Leszczynski, dove governò la Lorena e dove nel 18° secolo rese più elegante e caratteristica l’allora piccolo agglomerato urbano. Nancy è oltretutto una città patrimonio dell’umanità UNESCO, ricca di cose da vedere e simboleggiata da un centro storico di eccezionale bellezza.

Cosa vedere a Nancy, Francia

Musei di Nancy

Nancy, Museo Nazionale delle Belle Arti
Nancy, Museo Nazionale delle Belle Arti

Iniziamo il nostro itinerario attraverso le cose da vedere a Nancy presso il Museo Nazionale delle Belle Arti, tra i complessi museali più antichi della località francese. Il Museo Nazionale delle Belle Arti di Nancy è stato fondato nel 1793 e più volte restaurato, offrendo ad oggi numerose sale espositive con importanti opere d’arte realizzate nel periodo compreso tra il 17° ed il 19° secolo

Il viaggio tra le cose da vedere a Nancy prosegue al Museo della Scuola di Nancy, inaugurato nel 1964 e divenuto tra i principali musei della Lorena. Il Museo della Scuola di Nancy ha sede in un elegante edificio contornato da un ampio parco ricco di flora colorata, a sua volta sede di un piccolo acquario che riesce ad intrattenere grandi e piccini.

Terzo museo da non perdere tra le cose da vedere a Nancy è il Museo Storico della Lorena, dentro cui sono ospitate varie collezione di opere d’arte, di cui molti dipinti e stampe, e vari cimeli inerenti alla storia della città. Inoltre, il Museo Storico della Lorena è situato in un ampio terreno, dentro cui ha sede una piccola chiesa francescana.

Uscendo poco fuori Nancy merita una visita il Castello di Montague, eretto nel 18° secolo. Durante il corso dei secoli, il Castello di Montague ha subito numerose ristrutturazioni e ritocchi, trasformando quasi completamente il suo aspetto. L’ultimo di questi restauri è datato alla fine del 19° secolo, senza che in seguito venisse più rimaneggiato in alcun modo.
Durante il 20° secolo il Castello di Montague è stato di proprietà dell’archeologo Eduard Salin. Oggi il Castello di Montague ospita un piccolo museo archeologico, dentro cui è ospitata una ricca collezione di mobili antichi e opere d’arte oltre a reperti archeologici.

OneMag-logo
Lione, guida alla terza città di Francia

La Città Vecchia

Il viaggio a Nancy prosegue presso la Città Vecchia, delineata da tre grandi arterie stradali, Rue Saint-Dizier, Rue Saint-Georges e Rue Saint-Jean. Lungo la Rue Saint-Georges è situata l’imponente cattedrale risalente al 18° secolo, caratterizzata da interni in barocco e da un affresco sulla cupola dipinto da Claude Jacquart, e, alla fine della strada, la Porte Saint-Georges.
La Città Vecchia di Nancy è di origine medievale, caratterizzata da eleganti edifici rinascimentali e da importanti monumenti storici.

– Piazza Stanislao

Nancy, Piazza Stanislao

Simbolo indiscusso di Nancy è Piazza Stanislao, tra le più grandi di tutta la Francia, dove ai suoi lati sorgono il Municipio e vari uffici governativi.
Al centro di Piazza Stanislao sorge il monumento dedicato all’omonimo vescovo cattolico polacco, a capo della diocesi di Cracovia dal 1072 sino alla sua morte.

Piazza Stanislao è stata totalmente restaurata nel 2005, rendendola completamente pedonale e rivestendola di una chiara pavimentazione con diagonali scure. E’ una caratteristica che permette di poter essere definita come una delle più belle piazze del mondo. A partire dal 1983, Piazza Stanislao è stata inserita all’interno della lista dei Patrimoni dell’Umanità dall’UNESCO ed è un simbolo eccellente di classicismo francese.

– Cattedrale di Nancy

Nancy, Cattedrale

La Cattedrale di Nancy risale al 18° secolo ed è stata progettata dagli architetti Jules Hardouin-Mansart e Germain Boffrand in stile barocco.
La costruzione della Cattedrale di Nancy è durata per 35 anni, dal 1707 al 1742, ed a partire dal 1909 è stata dichiarata Monumento Nazionale.
Al suo interno sono conservati numerosi affreschi, dipinti ed icone religiose, realizzati da diversi artisti francese tra il 18° ed il 19° secolo.

Il simbolo per eccellenza della Cattedrale di Nancy è l’organo a canne maggiore, situato sulla contorta in controfacciata e risalente al 1763 dai fratelli organari Dupont. Nel corso degli anni l’organo è stato più volte restaurato, pur mantenendo la struttura e l’estetica originale.
L’ultimo restauro risale al 2012 e ad oggi l’organo è costituito da 54 note, con una pedaliera di 30 con un totale di 4194 canne.

– Basilica di Saint-Epvre

Nancy, cattedrale

Tra le cose da vedere a Nancy da non perdere è la Basilica di Saint-Epvre, situata nel centro storico coronata da una guglia alta 87 metri, osservabile anche da Piazza Stanislao.
La chiesa esternamente si presenta in stile gotico e, nonostante il suo aspetto medievale, la Basilica di Saint-Epvre risale al 19° secolo, per sostituire una chiesa precedente di più piccole dimensioni. 

– Place Vaudémont

Prosegue il nostro itinerario presso la Città Vecchia di Nancy a Place Vaudémont, sede storica della Porta di Saint-Nicolas, che delineava l’ingresso in città durante il rinascimento.
A seguito della costruzione dei quartieri periferici che sarebbero divenuti la Città Nuova, Place Vaudémont è stata modificata, costruendo al suo lato il bastione di Haussonville, costruito per contornare la porta di Sain-Nicolas e delineare il confine tra periferia e Città Vecchia.
Inoltre il Bastione di Haussonville porta la firma di un ingegnere italiano, Antonio da Bergamo, che modernizzò l’impianto murario. 

– Rue des Maréchaux

Tra le principali arterie stradali della Città Vecchia di Nancy, rue des Maréchaux è una delle più antiche strade di Nancy, risalente al 12° secolo.
Oggi rue des Maréchaux è la via pedonale principale per la gastronomia, con alcuni dei più importanti ristoranti di tutta città, tanto da essere definita la Strada dei Buongustai.

– Place Lafayette

Nancy, statua di Giovanna d'Arco

Altra piazza eccezionale di Nancy è Place Lafayette, costruita agli inizi del 19° secolo sulla pianta di un palazzo pre-esistente.
Al centro di Place Lafayette di Nancy sorge la statua equestre di Giovanna d’Arco, eccezionale opera scultorea creata dall’artista Emmanuel Fremiet.

OneMag-logo
Cosa vedere a Grenoble

Come raggiungere Nancy dall’Italia

Nancy, Place d'Alliance

Per raggiungere Nancy dall’Italia in automobile prendiamo come punto di riferimento Milano. Da Milano occorre imboccare l’A9, dove in pochi minuti è possibile raggiungere il Canton Ticino in Svizzera, superando la Dogana di Brogeda. In seguito, entrati in Svizzera occorre attraversare per intero il paese con l’A2 raggiungendo Basilea.

Da Basilea si entra in Francia imboccando l’A35, dove, superata Mulhouse, si segue la N83, da cui si cambia poi la N59, la N159 e la N59. Da qui si cambierà nuovamente imboccando l’A33, dove in pochi chilometri è possibile entrare a Nancy. Il viaggio complessivamente è lungo 550 km e richiede dalle 6 alle 8 ore di viaggio ininterrotto.

In alternativa, a metà strada tra Metz e Nancy è situato l’Aeroporto della Lorena, che però richiede almeno 1 scalo a Lione, dovendo quindi affrontare complessivamente voli per la durata di circa 4 ore, con partenza da Roma.

OneMag-logo
10 cose da vedere a Strasburgo

Quando andare a Nancy

Il periodo migliore per quando andare a Nancy è durante la stagione estiva, la più secca e piacevole dell’anno. Le temperature a Nancy si assestano mediamente sui 25 gradi in estate, con picchi che possono superare i 35 gradi nei pomeriggi più caldi.

In alternativa anche le mezze stagioni possono essere ottime per il turismo a Nancy, in quanto le temperature sono abbastanza miti, una media di 17 gradi ad Aprile, ma più piovose rispetto all’estate. L’inverno è particolarmente rigido e sono anche comuni alcune nevicate.

Condividi su: