Museo dell’occupazione della Lettonia a Riga

Il Museo dell'occupazione della Lettonia a Riga racconta le atrocità che ha subito il Paese durante l'occupazione da parte dell'URSS e La Germania Nazista. Il Museo dell'Occupazione della Lettonia a Riga si presenta con una ricca collezione di cimeli e documenti storici originali, tra cui il patto Hitler-Stalin, fotografie, mappe, manifesti e manufatti. Scopriamo insieme nel dettaglio il Museo dell'occupazione della Lettonia, situato a Riga.1 min


0
Museo dell’occupazione della Lettonia, Riga
Condividi su:

Visitare il Museo dell’occupazione della Lettonia a Riga

icona-articoloUna delle attrazioni simbolo della capitale della Lettonia è il Museo dell’Occupazione della Lettonia.
Il suo insolito nome descrive perfettamente cosa ci potremmo aspettare al suo interno. E’ infatti la raccolta di cimeli, opere, ricordi incentrati sulla memoria nazione del dominio del territorio, nel periodo avvenuto tra il 1940 al 1991, anno della tanto sognata indipendenza.


[leaflet-map lat=56.9527251 lng=24.1099951 zoom=17]


Il Museo dell’Occupazione della Lettonia

Il Museo è un momento ‘forte’ della visita di Riga.
Il percorso racconta la storia delle varie ripercussione e dei tradimenti subiti dal popolo lettone da parte dell’URSS. Parliamo di praticamente mezzo secolo, interrotto unicamente dal periodo della Seconda Guerra Mondiale dove venne invece sopressa da parte della Germania nazista.

Nei locali del museo avremo modo di scoprire una lotta voluta intensamente dai lettoni, stanchi di essere oppressi, terrorizzati e di subire continue e ripetute violenze.
Non è un museo dedicato ai turisti, che rimangono i benvenuti vista anche la presenza di guide in varie lingue, ma realizzato proprio i lettoni, un tributo agli sforzi compiuti e ai risultati ottenuti.

Le mostre del Museo

Cosa visitare a Riga

Alla mostra permanete, sempre in continuo ampliamento, vi sono affiancata anche esposizioni temporanee.
I visitatori vengono accolti mostrando un mini-documentario presente in quattro lingue, le più diffuse nel paese: lettone, inglese, tedesco e russo.

La mostra si presenta con una ricca collezione di cimeli e documenti storici originali, tra cui il patto Hitler-Stalin, fotografie, mappe, manifesti e manufatti. A questi si aggiunge anche un’intera area dedicata alle testimonianze dei sopravvissuti: video, diari, lettere, documenti personali, oggetti commemorativi ed opere d’arte.

Di anno in anno il Museo dell’occupazione della Lettonia osserva un costante incremento di visitatori stranieri. Non solo turisti, infatti moltissimi studenti universitari e bambini scolari provenienti da tutta Europa si recano qua per approfondire le atrocità passate nello scorso secolo.


Scopriamo Riga

Viaggio a Riga, la capitale della Lettonia
Riga, il castello sul fiume Daugava
Cosa vedere nella Città Vecchia di Riga
Riga, il Monumento alla Libertà
Casa delle Teste Nere, il medioevo di Riga
Cattedrale della Natività di Cristo di Riga
Mercato Centrale di Riga
Riga, benessere e relax nelle SPA

 

Condividi su:

Like it? Share with your friends!

0