Musée Stendhal,
il museo di Grenoble dedicato allo scrittore francese

Tutti gli articoli di Grenoble


Icona articolo onemagAppartenente alla rete della Biblioteca Comunale di Grenoble, il Museo Stendhal è ovviamente dedicato al grande scrittore francese nato qui nel 1783. Il museo è stato inaugurato nel 2012 ed è composto dall'appartamento Gagnon, il nonno materno, sito lungo la Grand Rue e dall'appartamento natale, quest'ultimo invece nella rue Jean-Jacques Rousseau. L'esposizione si conclude poi nella Biblioteca Comunale che conserva l'intero patrimonio storico del grande artista. Questo percorso è organizzato dall'Ufficio del Turismo e a sua volta rappresenta uno dei momenti più importanti e che comprende anche la Treille de Stendhal, il terrazzo dove lo scrittore traeva la sua più grande ispirazione.

 

L'appartamento Gagnon

La casa di famiglia del giovane Stendhal è l'appartamento del dottor Gagnon, il nonno materno dello scrittore. Viene considerata la vera casa di famiglia e qui, in pieno centro storico, ha sede l'esposizione permanente con dipinti, busti e incisioni che ricordano la quotidianità di Stendhal. Qui si potrà ammirare l'ampio soggiorno, la sala cerimoniale dove venivano accolti da parte del nonno i personaggi più illustri della città.

L'appartamento prosegue con un piccolo laboratorio, locale tipico degli appartamenti legati alla borghesia nei secoli XVIII e XVIII con un'altra stanza, attigua, che veniva utilizzata per lo studio. Interessante visitare il pergolato con vista sul ⇒ Jardin de Ville, il Treille de Stendhal, la terrazza dove Stendhal traeva le sue ispirazioni.

L'appartamento natale

Spostiamoci di poco per raggiungere rue Jean-Jacques Rousseau, sempre nella Vieille Ville di Grenoble per raggiungere quella che fu la casa natale dello scrittore.

Ampiamente e dettagliatamente descritta nel suo racconto autobiografico Vita di Henry Brulard, si tratta dell'appartamento di famiglia, appartenuto agli Stendhal da generazioni. Fu qui che il piccolo Henri ha trascorso i suoi primi anni di vita, fino al suo settimo compleanno, ovvero il 1790, anno in cui la madre Henriette è deceduta. In omaggio allo scrittore, il comune di Grenoble nel 2002 ha scelto di allestire in questo spazio un ricordo importante legato a scrittura e letteratura. Qui il giovane Stendhal scrisse Selmours, il suo primo saggio letterario.

 

La collezione Stendhal

Decisamente più storica la collezione conservata presso la Biblioteca Comunale di Grenoble. Inaugurata nel 1861 e costantemente arricchita, si tratta della collezione più importante al mondo dedicata a Stendhal.

La collezione comprende opere a stampa, le edizioni originali e diverse opere iconografiche e bibliografie a lui dedicate. La parte più prestigiosa è quella dei manoscritti, tutte le opere scritte a mano tranne quelle di Le Rouge et le Noir e La Chartreuse de Parme purtroppo non più disponibili. Era infatti consuetudine, nel XIX secolo, distruggerli dopo essere stati pubblicati. Tutti sono stati nel frattempo digitalizzati e visibili anche nell'appartamento Gagnon e sul sito ufficiale della → Biblioteca di Grenoble.

A livello di numeri, la Collezione Stendhal si compone di oltre un migliaio di opere a stampa, tutte edizioni originali e anche quelle in altre lingue; oltre un migliaio di opere iconografiche e oltre 40.000 pagine di manoscritti, molti assolutamente inediti.

 

Continua a scoprire Grenoble