0
Condividi su:

Muoversi a San Pietroburgo
Guida ai trasporti pubblici di San Pietroburgo

 Scopri la guida completa su San Pietroburgo

icona-articoloSan Pietroburgo è una città davvero enorme. La sua estensione è superiore a Roma, circa 1400 kmq. Parliamo inoltre di una delle città con un gran numero di attrazioni e, uscendo dalla zona centrale dove troveremo tra gli altri la Prospettiva Nevsky, il Museo dell’Hermitage e il Museo Russo, è necessario muoversi con i trasporti pubblici.

San Pietroburgo offre un’estesa rete di trasporti pubblici che permette di raggiungere tutti i punti di interesse principali. Ovviamente questa guida nasce per chiunque non abbia interesse di noleggiare un automobile, che rimane il più efficiente dei trasporti.

Noleggiare un’auto a San Pietroburgo

Muoversi a San Pietroburgo, trafficoL‘automobile ha numerosi vantaggi, ma anche dei contro. In grandi città, come appunto San Pietroburgo, ma lo stesso vale per Mosca, può anche non essere effettivamente necessaria un’automobile.
Il motivo è semplice: le attrazioni di San Pietroburgo si focalizzano tutte dentro la città, eccezione fatta per il Peterhof, che però può essere raggiunto in una mezz’oretta dal centro.

Quando è consigliato noleggiare un’automobile a San Pietroburgo? In due casi principali.
Il primo è per i soggiorni a lungo termine, almeno 1 mese, in cui effettivamente è possibile che diventi necessaria l’automobile.

È possibile pianificare numerose escursioni fuori da San Pietroburgo.
Per citare un paio di idee di viaggio, un’immersione nella natura incontaminata a nord del Lago Ladoga richiede necessariamente uno spostamento in auto, cosi come una tappa dentro il territorio finlandese. I più temerari dei visitatori potrebbero pure decidere di visitare il misterioso Mar Bianco.

Il secondo caso è invece relativo ai grandi viaggi in Russia.
Molti viaggiatori decidono di fare un viaggio on-the-road tra San Pietroburgo e Mosca, facendo delle tappe fuori strada.

Rimane comunque una scelta del tutto soggettiva. Bisogna però considerare che in Russia molte persone guidano male, molto male, e che in alcuni tratti le strade non sono manutenute sin dall’epoca sovietica.

Indicativamente, una Station Wagon per 7 giorni ha un costo che varia tra i 150 e i 250€, mentre i SUV costano da 250€ a salire.

L’arteria principale di San Pietroburgo, la Prospettiva Nevsky, da visitare rigorosamente a piedi

Muoversi a San Pietroburgo: la metropolitana

La metropolitana è il mezzo di trasporto più utilizzato in città. La metropolitana di San Pietroburgo è la più profonda del mondo ed è divisa in 5 linee, contraddistinte dai colori rosso (M1), blu (M2), verde (M3), arancione (M4) e viola (M5).

In totale vi sono 67 stazioni, nominate (al più delle volte) in base all’attrazione o luogo servito. Per esempio, a pochi passi dalla Piazza del Palazzo ha sede l’Ammiragliato e la fermata si chiama, appunto, in russo Admiraltejskaja.

Le stazioni sono contraddistinte dalla M di color blu e solitamente i cartelli che ne segnalano la presenza si trovano sulle pareti degli edifici e nell’entrata del sottopassaggio. Molte delle stazioni di San Pietroburgo sono delle opere d’arte, che meritano essere visitate appositamente. Tra queste stazioni citiamo Tekhnologichesky Institut, Baltiyskaya, Avtovo Narvskaya e Kirosky Zavod.

Scegli il periodo migliore per visitare San Pietroburgo, ecco quando andare

Bus e tram

Più convenienti, i bus e i tram rappresentano una ottima modalità di trasporto. Occorre tuttavia premettere che, a differenza della metropolitana, i trasporti di superficie sono perlopiù rivolti agli abitanti. Non sarà infatti semplice destreggiarsi tra cartelli scritti unicamente in cirillico e il personale che conosce solo il russo.
Gli autobus sono caratterizzati dalla lettera A, mentre la M è riservata ai filobus. Di notte, nei weekend, è attivo un servizio notturno, ma che copre unicamente qualche zona.
I tram invece sono perfetti per spostarsi verso la periferia, dove però non sono presenti attrazioni.

In qualunque modo deciderete di raggiungerla, non perdetevi la Reggia di Peterhof

Marshrutka, l’alternativa

Muoversi a San Pietroburgo, MarshrutkaIn molte città europee utilizzato, il marshrutka è un mini van in grado di ospitare una quindicina di passeggeri effettuando fermate su richiesta, sia per salire che per scendere.
Sono identificati dalla lettera K e il loro colore è generalmente bianco ma può essere disponibile anche in diverse varianti.
Anche in questo caso difficilmente riuscirete a comunicare in lingue diverse dal russo ma superando il problema avrete modo di raggiungere le principali località, anche il Peterhof ma non solo.
Dal costo fisso indipendentemente da dove si salga o si scenda, il biglietto viene acquistato direttamente a bordo.

Guida a una icona di San Pietroburgo, il Museo Russo

Taxi e traghetti

Muoversi in taxi significa ovviamente spostarsi in maniera comoda e confortevole. Il lato negativo ovviamente sono i costi, particolarmente elevati.
Decidere di muoversi a San Pietroburgo in taxi può dare luogo anche a un altro problema, i taxi abusivi. Non avendo un colore unico che li distingue, praticamente chiunque può facilmente trasformare la propria vettura in taxi. Meglio quindi prenotarlo via telefono e assicurarsi in questo modo la tariffa, che viene infatti comunicata prima di partire.

Ottima soluzione per muoversi a San Pietroburgo durante la bella stagione è quella di salire su uno dei tanti traghetti che si muovono lungo il fiume Neva e su alcuni canali.
Esiste anche un taxi acquatico, di colore giallo, che vi permetterà di raggiungere le principali attrazioni. Se lo desiderate, vengono anche organizzate delle piccole crociere, come quella serale con tanto di cena, perfette per ammirare la città illuminata.


 

Condividi su:

Like it? Share with your friends!

0