Municipio di Plzen, Repubblica Ceca

Municipio Rinascimentale di Plzen, l’antica sede comunale di Pilsen


Condividi su:

Municipio di Plzen: brevi cenni storici e dettagli dell’edificio

Leggi tutti gli articoli della Repubblica Ceca
Mappa del Municipio di Plzen, Repubblica Ceca
Mappa del Municipio di Plzen, Repubblica Ceca

Icona articolo onemagNel cuore del centro storico della città è possibile visitare il Municipio Rinascimentale di Plzen, opera architettonica di inestimabile valore e di grande interesse sia storico che artistico. Le origini del Municipio di Pilsen ci riportano indietro nel tempo di oltre cinque secoli. In seguito a un bando pubblico, i cittadini di Plzen acquistarono l’allora più grande edificio civile disponibile, trasformandolo nel municipio nel 1496. Tuttavia, l’originale municipio ebbe vita relativamente breve, dato che fu vittima di un grande incendio appena undici anni più tardi.

La maestosa opera porta anche firme italiane. In occasione della visita in città di alcuni artigiani, scalpellini e muratori italiani, i nobili commissionarono il capomastro italiano Giovanni de Statia per ricostruire l’edificio in una splendida residenza signorile rinascimentale. Fu così che nacque l’odierno Municipio Rinascimentale di Plzen, sviluppato su ben tre piani.

Il piano terra è stato realizzato con una muratura rustica, diviso dal piano superiore da una semplice modanatura. Salendo al primo piano signorile si possono ammirare cinque finestre egregiamente decorate, mentre il secondo e terzo piano possiedono finestre più piccole. La monumentale scalinata principale del municipio conduce ai piani superiori, da cui, attraverso a un’apposita porta, si accede alla vicina Casa dell’Imperatore. Il tetto a padiglione presenta comignoli e una torretta del XVII secolo. Il progetto venne in epoca moderna affidato all’architetto J. Koula, il quale si occupò tra il 1907 e il 1912 di realizzare la pregevole decorazione a soffitto. Da ammirare è la nicchia, su cui si conserva un pregevole affresco raffigurante Cristo in croce.


 

Condividi su: