Mozambico, guida turistica di viaggio

Mozambico, guida turistica di viaggio del paese africano in pieno sviluppo economico e turistico. Scopriamo il Mozambico.

Scopriamo il Mozambico

Il Mozambico è uno stato dell’Africa Meridionale. Confina, a nord, con la Tanzania, il Malawi e Zambia e ad sud-est con il Sudafrica e Zimbabwe.
La sua costa è bagnata dal Canale del Mozambico, che fa parte dell’Oceano Indiano. Il canale è formato dalla presenza del Madagascar, poco distante dalle coste del Mozambico.

Mozambico, guida turistica di viaggio

La capitale del Mozambico è Maputo, un centro urbano costiero in continuo sviluppo demografico ed economico.
Negli ultimi anni per la città sono stati presentati numerosi progetti architettonici di ultima generazione, tra cui l’eco-hotel, una rivisitazione del Bosco Verticale di Milano.

Il territorio è principalmente pianeggiante nella zona a sud del fiume Zambesi, anche se diventa leggermente collinare lungo i confini. Le aree centrali e settentrionali sono più montuose, con le fasce costiere che diventano più strette verso nord.

Il Mozambico è caratterizzato da litorali bassi e sabbiosi nella area centrale e meridionale. La costa si sviluppa per 2.515 chilometri e sono presenti nell’oceano, a poca distanza, diverse isole famose per essere paradisiache ed incontaminate.

Informazioni Generali

La lingua ufficiale del Mozambico è il portoghese, questo dovuto al fatto di essere stata un’antica colonia dello stato della penisola iberica. L’inglese è diffuso unicamente nei centri urbani principali e lungo le coste, le zone più turistiche del paese.
La moneta ufficiale è il Metical mozambicano, qua puoi trovare il cambio attuale.

Per accedere al paese è necessario richiedere il visto all’Ambasciata del Mozambico a Roma, la durata di questo è pari a 30 giorni. Per una permanenza superiore bisogna richiedere un permesso di soggiorno.

Marocco, perché visitarloMarocco, ecco le tante ragioni per visitarlo
Il Marocco è da sempre una ambita meta turistica. Ecco le tante ragioni, alcune forse meno note, per visitarlo.
Continua a leggere

Il Mozambico in passato ha avuto diversi disagi causati dal movimento di opposizione Renamo, che però dal 2016 ha dichiarato una tregua a tutti gli attacchi anti-governativi.
Il governo, come d’accordo, ha ritirato ogni truppa di attacco dalla circolazione, rendendo, di fatto, il Mozambico un paese sicuro.
Anche perché il pieno sviluppo economico ha permesso ai cittadini di ricorrere, notevolmente, a meno ai micro-crimini, che pur rimanendo presenti, sono meno comuni.

Anche le condizioni sanitarie hanno subito un buon miglioramento nella capitale. Le strutture sanitarie ora sono in grado di assicurare la diagnosi e la cura delle più comuni patologie, compresa la malaria.
Oltretutto, alcune strutture sanitarie private permettono di provvedere all’evacuazione sanitaria di emergenza nel Sudafrica, in cui le strutture sono al livello standard europeo.

Clima

Il clima del Mozambico è di tipo tropicale, con una stagione calda e piovosa che dura dai mesi di novembre fino a marzo. Durante le nostre stagioni primaverili ed estivi è presente una stagione secca, durante la quale il meteo è più fresco che dura da circa metà maggio sino alla metà di agosto.

Nelle zone interne, soprattutto nell’area settentrionale degli altipiani, l’altitudine rende il clima più mite e fresco. Contrariamente, nelle terre più pianeggianti, il caldo può essere particolarmente intenso nel periodo estivo, e ancor più nel periodo che precede le piogge, da settembre a novembre.

Da ricordare che, trovandosi nell’emisfero sud, il Mozambico ha le stagioni invertite rispetto all’emisfero settentrionale.
Le piogge si presentano principalmente come rovesci e temporali pomeridiani, per cui anche nella stagione delle piogge il soleggiamento non è scarso, tranne nelle zone montuose del nord dove il cielo è spesso nuvoloso.

Cosa vedere

Visitare il Mozambico è sinonimo di gite naturalistiche. La principale di queste è nel Parco nazionale del Limpopo, situato al confine con il Sudafrica, qua sono comuni animali esotici ma anche pericolosi, come il coccodrillo.

Affascinante è l’Isola di Mozambico, che presenta una cultura ibrida, caratterizzata da un approdo originale arabo ed una colonizzazione portoghese. Qua si potranno osservare moschee affiancate da edifici dall’architettura iberica.

Mozambico, guida turistica di viaggio

Se invece siete alla ricerca di una località paradisiaca per il relax al top, l’Isola Inhaca è perfetta per voi, vista la presenza di enormi spiagge sabbiose incontaminate.
Se, contrariamente all’Isola Inhaca, siete appassionati di escursioni, l’Isola dei Portoghesi sarà in grado di offrirvi alcuni dei sentieri più spettacolari dell’Oceano Indiano.

Da citare assolutamente il Lago Malawi, nonostante non sia presente in gran parte in Mozambico, rappresenta un’ottima scelta per osservare una delle più colorate faune del mondo.
Per concludere, Pemba, uno dei centri turistici in maggiore sviluppo, composto da magnifiche spiagge sabbiose e da una barriera corallina molto interessante.

Scopri di più:

Ecco dei buoni motivi per visitare la Nigeria
Safari in Kenya: Parco Nazionale di Amboseli

 

 

Condividi su: