0
Condividi su:

Cosa vedere a Morimondo, Milano

Tutti gli articoli della Lombardia

icona-articoloSiamo in provincia di Milano dove troviamo Morimondo, un borgo medievale situato a metà strada tra il capoluogo della Lombardia e Novara, poco distante da Vigevano. Siamo a una trentina di km da Milano, lungo la Strada Statale 526, quella che unisce Abbiategrasso con Pavia, perfetta meta per essere raggiunta anche con una bella pedalata.

Cenni storici

Cosa vedere a Morimondo, mappaLe prime notizie di Morimondo risalgono al XII secolo quando nel territorio giunsero dodici monaci provenienti dalla Borgogna, da Morimond per la precisione.
Nel 1136, due anni dopo il loro arrivo, i monaci francesi iniziarono la costruzione della loro abbazia, che aveva lo scopo di affiancarsi alle altre quattro abbazie-madre presenti in Francia. Il territorio scelto fu quello di Campo Falcherio e Santa Maria il nome che venne scelto per la nuova abbazia.

Come abitudine, i monaci si resero del tutto indipendenti, bonificando l’area attorno al Ticino per renderla idonea alle coltivazioni agricole.
La chiesa iniziò ad essere costruita molto dopo, nel 1182, con il termine dei lavori nel 1296 a causa di numerosi problemi incontrati nelle lavorazioni.
Nel XIV secolo l’Abbazia di Morimondo era giunta al suo massimo splendore, quasi 24 km di terreno coltivato con numerosi mulini al suo interno, complici anche le numerose donazioni da parte di privati.

Il benessere dell’Abbazia venne presto a mancare. Nel 1450 l’edificio religioso venne convertito in commenda da parte del Vescovo di Milano, il futuro papa X. Fu lui a voler associare ai monaci di origine francesi altri otto monaci provenienti dal cenobio di Settimo Fiorentino.
La commenda venne poi soppressa nel 1561 da Carlo Borromeo dando origine alla parrocchia di Morimondo. I possedimenti terrieri e agricoli vennero disposti in favore dell’Ospedale Maggiore di Milano.
Vano il tentativo, nel 1648, dell’abate fiorentino di riprendere le funzioni spirituali di Morimondo che venne del tutto soppresso dai soldati di Napoleone. L’Abbazia venne posta in vendita e acquistata nel 1805.
Dal 1982 la proprietà passa di mano al Comune che la restaurò fino al 2008.

OneMag-logo
Oga, ecco cosa vedere nel borgo della Valtellina

L’Abbazia di Morimondo oggi

L'Abbazia di MorimondoAncora oggi il motivo di una escursione da Milano è una visita alla sua abbazia, spesso raggiunta proprio dai tanti cicloturisti che da aprile a ottobre la raggiungono mediante le tante ciclabili disponibili.
Il borgo è oggi abitato da poco meno di 1100 abitanti che hanno scelto di vivere all’interno del parco della Valle del Ticino, una zona che ancora oggi come allora è prevalentemente agricola.

Meta domenicale dei milanesi, Morimondo è un luogo dove il tempo pare davvero essersi fermato e, oltre all’Abbazia, qui si potrà visitare anche il piccolo Museo che racconta la storia e le sue origini.
Se vogliamo allungare il passo possiamo visitare i suoi dintorni, composti dalla Cascina Fiorentina, sempre all’interno del Parco del Ticino. Un poco più in la si potrà proseguire per visitare un’altro piccolo borgo, quello di Fallavecchia dove hanno sede un piccolo numero di antiche botteghe, un’osteria e una piccola chiesetta.

Per una pausa pranzo sono innumerevoli le proposte che potrete degustare, come quelle della vicina Cascina Lasso, che propone la tipica cucina lombarda affiancati a cucina di stagione e alle verdure. Da provare la cassoeula con la polenta, specie in periodo invernale.


 

Condividi su:

Like it? Share with your friends!

0