Montserrat, le Piccole Antille dei Caraibi

Montserrat, le Piccole Antille dei Caraibi


Condividi su:

Cosa vedere a Montserrat, Piccole Antille

Tutti gli articoli dei Caraibi
Montserrat, Piccole Antille, mappa
© Google Maps

icona-articoloL’isola di Montserrat si trova nel Mar dei Caraibi, fa parte del gruppo delle isole Leeward e appartiene all’arcipelago delle Piccole Antille. Il suo nome, scelto direttamente da Cristoforo Colombo, deriva da quello del monte che si trova a Barcellona. L’isola appartiene amministrativamente al Regno Unito. L’isola di Montserrat è un vero gioiello nascosto dei Caraibi, chiamata anche Isola di Smeraldo, e al suo interno è presente uno dei vulcani più attivi dei Caraibi e per questa ragione definita anche la Pompei dei Caraibi, a ricordo dell’eruzione che coinvolse l’intera parte meridionale dell’isola.

Cosa vedere a Montserrat

Il vulcano Soufriére

Cosa vedere a Montserrat, Caraibi

Dopo l’eruzione del 1995 del vulcano Soufriére, considerata fra le più devastanti del ventesimo secolo, buona parte del territorio è diventata inabitabile rendendo così l’isola un territorio poco invitante. Quell’eruzione ha fortemente danneggiato anche l’ex capitale Plymouth, costretta a cedere il ruolo governativo a Brades.

Plymouth è stata spesso paragonata a Pompei per il suo aspetto devastato dal vulcano. Ai visitatori appare come una città fantasma coperta da strati di polvere e cenere, ma continua a raccontare la sua storia anche attraverso i racconti della popolazione trasferitasi nella parte settentrionale dell’isola. Questo evento devastante ha reso l’isola una località poco invitante per i turisti che, solo gradualmente hanno ricominciato a inserirla nuovamente tra le mete di vacanza. Eppure la ricchezza naturale del luogo è davvero fantastica e oggi i turisti hanno ripreso a popolare questo fantastico scorcio di mondo.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Scopriamo le Isole Vergini Britanniche

 

Cosa vedere e fare a Monserrat

Montserrat, veduta

Ciò che offre Montserrat ai suoi visitatori è il pacchetto caraibico più tradizionale, con un concentrato di natura e relax. Le spiagge, caratterizzate da fine sabbia vulcanica color grigio perla, si aprono su litorali di acque cristalline.

Molto apprezzata dai turisti è Little Bay, seguita da Woodlands caratterizzata da un’area pic-nic a strapiombo sul mare. Piuttosto isolata e per questo meno frequentata è Lime Kiln Bay dal fascino suggestivo nutrito dalla sua natura selvaggia. Proseguendo verso sud si trova la Volpi Bay, caratterizzata da un terreno paludoso ricco di mangrovie e uccelli tipici. Questo paesaggio è il frutto di eruzioni vulcaniche e uragani. L’unica spiaggia di sabbia bianca è la Rendez vous Beach, nella parte più settentrionale dell’isola, difficile da raggiungere e per questo impreziosita da una natura incontaminata.

Sull’isola di Montserrat, proprio come in Irlanda, il 17 marzo si festeggia il St. Patrick’s Day e nella settimana di festeggiamenti l’isola si ravviva con numerosi eventi. Facile anche per i turisti partecipare ai festeggiamenti, visto che la ricorrenza cade durante la bella stagione.

L’eruzione del vulcano Soufriére nel secolo scorso fu tanto tremenda da far nascere il timore tra gli esperti di uno sconvolgimento climatico per l’intero pianeta. Il vulcano non si è ancora addormentato ed è costantemente monitorato dal locale osservatorio.  Per prudenza è preferibile informarsi sui livelli di attività prima di programmare un viaggio a Montserrat, ma l’isola che non accetta di essere vittima della sua natura, merita di essere visitata e apprezzata.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Ecco Varadero, la vivace località balneare di Cuba

Come arrivare all’isola di Montserrat

Isola di Montserrat, spiaggia

Per arrivare a Montserrat occorre necessariamente atterrare su Antigua dove si potrà prendere un traghetto che in circa 90 minuti vi condurrà direttamente sull’isola. Se avete particolarmente fretta di raggiungerla, prenotate un volo interno che in meno di mezzora vi permetterà di volare fino all’aeroporto John A. Osborne, nel villaggio di Gerald’s.

Ultimo aggiornamento 13 maggio 2021


 

Condividi su: