Montevideo, il fascino della capitale dell’Uruguay

Guida di Montevideo, la capitale dell'Uruguay e capitale più meridionale di tutta l'America, città premiata per essere una con la migliore qualità della vita. Tra le cose da vedere a Montevideo partiamo dal centro storico con Plaza Independencia dove troviamo il Palacio Salvo, edificio di 27 piani costruiti nel 1927 e, per la sua altezza, visibile da qualunque punto. Da non perdere tra le attrazioni di Montevideo anche la Iglesia Matriz di fine Settecento, la Cattedrale di Montevideo, il più antico edificio pubblico di Montevideo nel quale sono custoditi i resti di personaggi di spicco della storia locale. Ecco cosa vedere a Montevideo. 7 min


0
Cosa vedere a Montevideo
Condividi su:

Guida di Montevideo,
la capitale dell’Uruguay

icona-articoloAnche voi vittime del fascino turistico delle località sudamericane? E allora perché non visitate San Felipe y Santiago de Montevideo, più semplicemente nota come Montevideo? La città è la capitale dell’Uruguay, nonché suo porto principale e centro urbano più popoloso.

Affacciata sulla riva nord del Rio de la Plata è la capitale più meridionale di tutta l’America e detiene l’importante primato di essere al vertice della classifica delle città con la migliore qualità della vita. Montevideo campeggia sull’omonima baia che è uno dei porti naturali più grandi sotto il Tropico del capricorno.

La città è indubbiamente la meta più interessante del Paese e ai suoi visitatori offre testimonianza della culture che si sono avvicendate sul territorio, dagli spagnoli ai portoghesi passando per gli inglesi.
Fondata agli inizi del XVIII secolo dagli spagnoli, Montevideo era una città fortezza, creata con lo scopo di permettere i controlli delle rotte commerciali, poco distante dal porto.

Cosa vedere a Montevideo

Plaza Independencia
Plaza Independencia

Nella Ciudad Vieja, costruita su una piccola penisola vicino al porto, si trovano i quartieri di maggior interesse turistico.
Varcata la Puerta de la Ciudadela si arriva in Plaza Independencia, un enorme slargo caratterizzato da una gigantesca statua equestre al centro, sotto la quale si trova il Mausoleo de Artigas con i resti dello statista uruguaiano Josè Gervasio Artigas.

– Palacio Salvo

Palacio Salvo, Montevideo

Su un lato della piazza sorge il Palacio Salvo, l’edificio di 26 piani costruito nel 1927. Tra gli edifici più importanti di Montevideo, è il palazzo più alto della capitale e visibile da qualunque punto della città.
Inaugurato nel 1928, il Palacio è dal 1996 annoverato tra i Monumenti Storici dell’Uruguay anche se già dalla sua inaugurazione era considerato uno degli edifici più importanti di tutto il Sud America.

Lo scopo del palazzo era quello di realizzare al suo interno alcuni edifici governativi, lasciando parte della torre per l’uso da parte di negozi o di alberghi.
Attualmente la struttura ospita appartamenti lussuosi ma una sezione della torre è ancora oggi adibita a ufficio e a negozi, posti a livello della strada.

– Palacio Legislativo

Palacio Legislativo, Montevideo

Poco distante, affacciato sulla Aveniva del Libertador Brigadier General Juan Antonio Lavalleja, una delle vie più note di Montevideo, troviamo il Palacio Legislativo di Montevideo.
Posto anch’esso tra gli edifici più imponenti e rappresentativi della città, il Palacio Legislativo ospita al suo interno la sede del potere legislativo, la Camera del Senato e quella dei rappresentanti.

Inaugurato nel 1925, il Palazzo è stato realizzato in stile neo-classico greco da un architetto italiano, Gaetano Moretti, primo preside della Facoltà di Architettura del Politecnico di Milano e particolarmente attivo nella realizzazione di strutture in diverse aree del Sud America.
Il suo interno ospita numerose stanze, tra cui una biblioteca e vari uffici.

– La Cattedrale di Montevideo

Cattedrale Iglesia Matriz

Nel centro cittadino si trova la Iglesia Matriz di fine Settecento, il più antico edificio pubblico di Montevideo nel quale sono custoditi i resti di personaggi di spicco della storia locale. E’ indubbiamente l’edificio di culto più importante della città, da inserire tra le prime cose da vedere a Montevideo.
La Cattedrale ha visto numerose modifiche nel corso dei secoli, anche se le principali sono avvenute a metà del 1800.

Successivamente, a causa di un crollo nel 1941, la Cattedrale vide un lungo periodo di chiusura per restauro, più di 20 anni per rinnovare facciata e cupola, oltre a diversi interventi interni. Nella parte interna della Iglesia Matriz troviamo numerose opere di pregio e oggi, sono numerosi i concerti di cori sinfonici che vengono organizzati.
Raggiungibile con le fermate della metropolitana di Plaza Matriz, linea rossa, o Ituzaingò, linea blu, la Cattedrale è aperta ogni giorno dalle 9 alle 19.

Info: ⇒ sito ufficiale

Il teatro Solis

Teatro Solis, Montevideo

Poco distante dalla Iglesia troviamo il Teatro Solis, tra i più belli al mondo in stile moderno, con facciata in marmo. 

Qualunque guida di Montevideo racconta di questo teatro, una delle attrazioni principali della capitale dell’Uruguay. Oltre a essere il teatro più rilevante della città è anche il secondo teatro più grande di tutto il Sud America.
Inaugurato nel 1856, il Teatro Solis non viene comunemente visitato unicamente per i suoi spettacoli teatrali ma anche per la sua struttura.

Realizzato in stile neoclassico, i lavori durarono diversi anni. La posa della prima pietra avvenne infatti nel 1842 e solo nel 1874 venne completato definitivamente con la realizzazione del corpo laterale. I primi spettacoli, infatti, furono allestiti con ancora una buona parte del teatro non completata.
Nel 1937 il Teatro Solis venne acquistato dalla Municipalità per renderlo un teatro pubblico e creare una scuola di recitazione.
Dopo un periodo di chiusura di 6 anni, dal 1998 al 2004, il Teatro Solis ha riaperto in una veste completamente rinnovata.

Mercado del puerto

Mercado del puerto, Montevideo

Altra attrazione da non perdere a Montevideo è il Mercado del Puerto, in passato un vero mercato cittadino e oggi un punto di riferimento della città vecchia.
In questo edificio al coperto sono nel frattempo nati numerosi ristoranti tipici, mantenendo lo spirito commerciale per cui era originariamente destinato.

Punto focale dell’allegria dei montevideani, il Mercado del Puerto regala anche numerosi spettacoli con musica e ballo, oltre che diversi locali in grado di servire birra e rum in quantità.
L’edificio è uno tra i primi interamente in ferro prodotti in Uruguay, uno stile adottato nei primi del 1800 in tutto il Sud America.

Se siete interessati allo shopping di artigianato locale scegliete come meta anche Feria de Tristàn Narvaja, un mercato locale dove sulle bancarelle all’aperto si trovano oggetti di artigianato locale oltre ad alimenti tipici.

Il Cabildo

Il Cabildo, Montevideo

La nostra guida di Montevideo prosegue con il Cabildo, struttura che nel passato veniva utilizzata come sede del governo. Posto in Plaza Constituction, nota anche come Plaza Matrix, l’edificio oggi ospita un museo e l’Archivio Storico della città.

Il Museo Storico del Cabildo è suddiviso in 3 differenti aree:

  • Acervo en Papel, la sezione più importante del Museo Storico contiene al suo interno alcune migliaia di documenti cartacei, tra cui numerosi tomi governativi;
  • Acervo Textil, la collezione dedicata alla parte tessile, tra cui abiti femminili e altri accessori utilizzati principalmente dalle signore della borghesia;
  • Metalli, l’ultima sezione ci racconta invece i materiali utilizzati durante la storia, alcuni dei quali con alto valore storico.

L’Archivio Storico appartene a sua volta al Museo Storico e raccoglie tutta la documentazione dei vari uffici statali, comunali e governativi, in precedenza sparsa nelle varie sedi.

La struttura del Cabildo è interamente in pietra, quella estratta dalle cave locali.
Recentemente l’intero edificio è in fase di ristrutturazione, ma comunque aperto al pubblico.

Parque Prado

Parque Prado, Montevideo

Tra i quartieri più interessanti di Montevideo troviamo El Prado, posto poco fuori dal centro storico e tra le zone residenziali più tranquille della capitale uruguaiana.
Quest’area di Montevideo è però conosciuta soprattutto per la presenza del Parque Prado, uno dei 6 grandi parchi pubblici di Montevideo, il più grande polmone verde.

Al suo interno si svolgono numerosi eventi, tra cui la ‘Rural del Prado‘, una simpatica fiera dove contadini ed agricoltori mettono in mostra il loro bestiame, ottenendo punteggi ed apprezzamenti.
E’ il momento migliore per assaggiare la tanto nota carne uruguaiana.
Poco distante dal parco troviamo anche la Residencia Presidencial, l’edificio che ospita il Presidente dell’Uruguay e, talvolta, utilizzata anche per altre esigenze.
Sempre nel quartiere El Prado troviamo inoltre il Museo Municipale ed il Giardino Botanico.

Altre mete perfette per la natura sono il Parque Rivera dove è possibile trovare soprattutto aree attrezzate per il divertimento e Parque Battle y Ordonez, sito nel cuore della città, l’oasi nella quale rifugiarsi per trovare refrigerio dalla calura o semplicemente un po’ di relax.

Museo delle arti decorative

Montevideo, Palacio Taranco

Uno tra gli edifici che sicuramente saprà calamitare la vostra attenzione è il Palacio Taranco, oggi sede del Museo delle arti decorative ed in passato residenza dei fratelli Ortiz de Taranco.
L’edificio, di forma triangolare, ricorda nello stile Luigi XVI mentre l’interno è caratterizzato da pavimentazione in rovere lavorato proprio secondo lo stile di Versailles.

Nei suoi 3 piani, il piano terra aveva lo scopo di ricevere gli ospiti mentre il terzo era destinato a vera e propria residenza. Al suo interno è presente anche una terrazza e, curiosità piuttosto insolita per il periodo, un sotterraneo adibito a sala ricreativa con tanto di sauna.
Altrettanto ecclettico l’ingresso, caratterizzato da una rotonda che aveva lo scopo di far girare le carrozze destinate all’edificio.
Una volta dentro una scala a chiocciola conduce ai piani superiori, dove hanno sede la sala da pranzo, la biblioteca e la sala biliardo.

Gli appartamenti dell’ultimo piano sono suddivisi in 3 aree separate. La zona padronale era studiata con una grande anticamera, mentre le altre 2 aree erano connesse direttamente.
L’intero edificio era servito da una importante area di servizio, studiata su ognuno dei piani, collegati da una scala interna.
L’ultimo restauro è del 1997 mentre dal 1972 ospita la sede museale delle Arti Decorative.

OneMag-logo
Punta del Este, Uruguay

Shopping a Montevideo

Montevideo shopping

I negozi si assiepano lungo Avenida 18 julio e qui, nel mese di febbraio, si festeggia il carnevale. Per poter affermare di aver conosciuto tutti gli aspetti di Montevideo, bisogna concedersi anche una sosta sulle spiagge del quartiere Pocitos che accoglie i migliori stabilimenti balneari locali, ed un’escursione sul Cerro de Montevideo sulla cui cima si trova La Forteza che offre una vista mozzafiato sulla baia.

Ultima tappa è il quartiere Sur y Palermo per ascoltare musica ed ammirare gli spettacoli di tango, così da raccogliere gli ultimi scintillanti frammenti di una vacanza indimenticabile.

OneMag-logo
Colonia de Sacramento, la città più antica dell’Uruguay

Cosa fare a Montevideo

Montevideo, Rambla

Dopo aver visitato le attrazioni di Montevideo, è il momento di rilassarsi in uno dei tanti locali notturni, centri commerciali, caffè o ristanti della capitale.
Per scoprire la movida notturna perfetta è l’area della Rambla, uno dei quartieri panoramici più apprezzati e, fino a notte fonda, pieno di turisti e residenti che trascorrono la serata in uno dei tanti bar e ristoranti.
Tra i locali notturni è particolarmente apprezzato El Pony Pisador, (Bartolomé Mitre 1000, 11000 Montevideo) un club con diversi spettacoli e concerti.

Gli appassionati di vino possono prendere in considerazione una visita alla cantina Bouza Bodega Boutique (Cno. de la Redención 7658, 12500 Montevideo) dove è possibile partecipare ad una esperienza di assaggio.
Il locale, a conduzione familiare, permette di scegliere tra una degustazione o un pasto di 5 portate con vini abbinati.
L’esperienza si conclude con una visita allo shopping, dove sarà possibile acquistare una o più bottiglie appena degustate.

OneMag-logo
Le spiagge più belle dell’Uruguay

Quando visitare Montevideo

Montevideo, costa

Il clima di Montevideo si presenta piuttosto stabile durante l’intero arco dell’anno, seppur con due fasi stagionali ben distinte. Il tempo più fresco e meno adatto alla balneazione è tra i mesi di Giugno e Settembre, con medie massime di 15° C, la stagione estiva adatta al turismo è tra i mesi di Novembre ed Aprile, con medie minime che non scendono sotto i 20° C e massime che possono raggiungere i 35° C.

Durante l’inverno, quindi tra Giugno e Settembre, Montevideo è caratterizzata da un clima fresco nelle mattine e da temperature piacevoli durante i pomeriggi soleggiati, con precipitazioni quasi del tutto assenti, prediletto perlopiù da chi ha desiderio di scoprire la storia e la cultura della città.
In estate Montevideo invece è caratterizzata da temperature massime notevoli, seppur mai fastidiose.
Inoltre i primi mesi dell’anno, Gennaio e Febbraio, sono anche abbastanza secchi e privi di precipitazioni.

OneMag-logo
Uruguay, i luoghi imperdibili

Come raggiungere Montevideo dall’Italia

Montevideo, aeroporto

Per raggiungere Montevideo dall’Italia è necessario preventivare almeno uno scalo aereo.
Partendo dall’Aeroporto di Fiumicino è possibile raggiungere l’Aeroporto di Madrid-Barajas, da cui sono disponibili voli diretti per Montevideo, con un tragitto dalla durata di circa 12 ore.

In alternativa, partendo sempre da Fiumicino, è possibile raggiungere l’Aeroporto di Buenos Aires, la cui durata è di circa 14 ore, da cui si cambia in direzione Montevideo, volo che invece richiede circa un’ora di tempo.

Partendo da Milano Malpensa è possibile recarsi all’Aeroporto Internazionale di San Paolo-Guarulhos, principale scalo aeroportuale di San Paolo in Brasile, per poi cambiare con il volo diretto a Montevideo, dalla durata di circa 2 ore e mezza.

 

Condividi su:

Like it? Share with your friends!

0