Cosa vedere a Montefano, Marche

→ Riviera del Conero | Cosa vedere nella Riviera del Conero

 

icona-articoloMontefano è un piccolo comune incastonato tra i colli marchigiani, a metà strada tra Osimo, Recanati e Macerata. Parliamo di un borgo del XVII secolo egregiamente conservato e ricco di testimonianze storiche, che ricordano il florido passato commerciale di Montefano.

Una cittadina completa sotto ogni punto di vista. Può essere facilmente visitata anche in mezza giornata e offre ai propri visitatori numerose attrazioni imperdibili. Il centro storico si sviluppa dentro la medievale cinta muraria, caratterizzata dall'antico torrione che permetteva l'accesso a Montefano. Inoltre qua, in una delle casette degli storici vicoli, nacque Papa Marcello II ( 6 maggio 1501 – Roma, 1 maggio 1555 ).

 

Visitare Santa Maria Nuova

Cosa vedere a Santa Maria Nuova, il borgo collocato nella provincia di Ancona, a metà strada tra il capoluogo delle Marche e Porto Recanati, a...

Cenni storici

Cosa vedere a Montefano, centro storicoMontefano venne fondata in epoca romana, lungo l'importante via consolare, venendo però distrutta nel VI secolo per mano dei Goiti. La nuova cittadina sorse durante il Basso Medioevo. In origine era governata da Osimo, fino al 1489, quando venne concessa l'indipendenza comunale.

Dopo 12 anni dall'indipendenza comunale a Montefano nacque Marcello Cervini, divenuto poi Papa Marcello II nell'aprile del 1555, il cui pontificato durò appena 22 giorni.
La città seguì le sorti del territorio piceno e della Riviera del Conero. Le truppe dei Savoia furono gli ultimi a governare su Montefano prima dell’annessione al Regno d’Italia.

 

Cosa vedere a Recanati

Recanati, luogo natio di Leopardi ma anche di Beniamino Gigli, Recanati è uno dei borghi inseriti nella Riviera del Conero nella provincia...

Cosa vedere a Montefano

Cosa vedere a Montefano, laveduta del borgoLa principale attrazione di Montefano è il Teatro La Rondinella, descritto come uno dei più maestosi delle Marche. Il Teatro La Rondinella venne costruito nel tardo XVIII secolo con materiali, perlopiù legno, creato per soddisfare la crescente richiesta di spettacoli in città. L'edificio fu protagonista di un totale restyling alla fine del XIX secolo. Il nuovo progetto ha conferito al luogo le linee del tipico stile liberty e ha provvisto la struttura di materiali più solidi, tra cui il ferro. Il teatro è ubicato al primo piano del Palazzo Comunale di Montefano.

Interessanti a Montefano, tra le cose da vedere, anche gli edifici religiosi. La Chiesa di San Donato è stata costruita nel 1768 e presenta un interno a unica navata caratterizzato dallo stile tardo barocco. L'edificio merita particolare attenzione per le sue decorazioni, tra cui stucchi e affreschi.

Il secondo edificio religioso di Montafano è la Chiesa di San Filippo Benizi, inaugurata nel 1703 e caratterizzata dallo stile barocco. All'interno della chiesa ha sede il Centro Studi Biblici "Giovanni Vannucci", presente dal 1995.

Il simbolo di Montefano è il Torrione Scarpato, costruito dagli osimani sul sito di una preesistente fortificazione, distrutta nel XV secolo durante l'occupazione degli Sforza. Il Torrione Scarpato è uno dei più pregevoli esempi di architettura militare e per diversi secoli segnava l'ingresso nel centro cittadino di Montefano.

Nella vicinissima località di Montefiore merita visitare il Castello Medievale. Il Castello di Montefiore presenta delle imponenti mura che ricoprono un perimetro lungo 176 metri. La costruzione della fortezza incominciò nel 1290 e nel corso dei secoli venne più e più volte occupato. Nel 1429 fu eretta la simbolica torre, alta ben 40 metri.

 

Continua a scoprire le Marche:

Ultimo aggiornamento 27 settembre 2022