Monte Rainier, la temibile vetta stratovulcanica di Washington

Monte Rainier, la temibile vetta stratovulcanica di Washington


Condividi su:

Il temibile vulcano del
Parco Nazionale del Monte Rainier

Tutti gli articoli degli Stati Uniti
Parco Nazionale del Monte Rainer, mappa
© Apple Maps

icona-articoloQuello che è uno dei vulcani più pericolosi del mondo è anche una meta turistica molto amata. Ci troviamo nello ⇒ stato di Washington ed è qua che è presente il Monte Rainier, un vulcano davvero mozzaffiato.

Le grandi nubi coprono la vista della cima, di quasi 4400 metri. La stessa cima che è perennemente ghiacciata e imbiancata. Questo imponente massiccio attira ogni anno migliaia di turisti, sportivi e semplici amanti delle escursioni. Dall’escursionismo al birdwatching, qua potrete fare attività di ogni tipo. La città principale più vicina è Seattle, ad un paio di ore di macchina di distanza.

OneMag-logo
Link-uscita icona   10 luoghi da visitare in Maryland

Viaggio attorno al Monte Rainer

Parco Nazionale del Monte Rainer, veduta del vulcano

Il Monte è disposto da due ingressi principali: Sunset e Paradise.

Molto distanti tra loro, il Paradise è perfetto per accedere a uno dei luoghi più nevosi di tutti gli Stati Uniti. Il monte è infatti caratterizzato da un grande numero di giornate di neve rispetto a quelle soleggiate. In inverno il territorio si ricopre di un corposo manto bianco e con una media di precipitazioni di circa 16 cm l’anno. Da giugno, con il termine della stagione invernale, i suoi campi si colorano con migliaia di specie di fiori. In questo periodo è splendido ammirare le cascate e la fauna che si risveglia da lungo letargo invernale.

Per il nostro viaggio prenderemo Wonderland Trail come punto di partenza, un sentiero per tracking lungo 150 km e con un dislivello di circa 6000 metri. Il trail attraversa la foresta temperata e i bordi delle grandi cascate, perfetto per ammirare l’essenziale del Monte Rainier.

Il fiume Ohanapecosh fu per i nomadi la salvezza della regione. Non solo per l’irrigazione per i vari campi ma anche per lo spegnimento dei tanti incendi che invasero la zona durante i millenni. Il percorso ad anello, lungo circa 2 km, vi permetterà di entrare in contatto con alcune delle specie di alberi più pregiate di tutto il mondo, alcuni anche millenari.

Dal basso è meraviglioso, dall’alto stupefacente: visitate lo Skyline Trail, un percorso ad altezza elevata di 9 chilometri circa con la migliore vista dell’intero parco nazionale. E se l’escursione prevederà anche il campeggio notturno la struttura no profit “Hut-to-hut Trail System” vi fornirà vitto e alloggio per il tempo della vostra permanenza.

Ultimo aggiornamento 7 aprile 2021


 

Condividi su: