Molise

Molise
Cosa vedere in Molise

 

GUIDA DEL MOLISE

Cosa vedere a Campobasso, MoliseIl Molise è un territorio davvero sottovalutato turisticamente parlando.

Caratterizzato da un litorale con numerose imperdibili spiagge, la regione propone un entroterra montuoso sede di borghi nascosti dal fascino unico. Proprio qua sono ancora oggi conservate alcune delle più antiche tradizioni d'Italia, sia a tema artigianato che gastronomico.

La regione, davvero piccola di dimensioni e relativamente semplice da visitare, è divisa in due province, rispettivamente quella di ⇒ Campobasso e quella di ⇒ Isernia.
Il Molise si sviluppa tra la dorsale appenninica del centro-sud Italia e il Mar Adriatico. Sono due paesaggi molto diversi tra loro che uniti rendono la regione una destinazione da scoprire.

 

Il territorio

Tolto il tratto costiero, buona parte del territorio molisano si compone di creste montuose o collinari.

Qui si snodano i cosiddetti tratturi, dei percorsi storici che uniscono le campagne dell'Abruzzo con quelle della Puglia, passando per il cuore del Molise. Siamo quindi in un territorio apprezzato dagli amanti dello sport e dell'escursioni. Gran parte delle attività outdoor vengono svolte nel Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, dove si celano luoghi e paesaggi affascinanti e altamente biodiversi.

La regione è contemporaneamente meta balneare che sciistica. Nel cuore selvaggio del Molise si trovano quasi nascoste due stazioni sciistiche eccellenti. La prima è ⇒ Capracotta, dove si è registrato il record mondiale di precipitazione nevosa in 24 ore (circa due metri e mezzo). La seconda è invece Campitello Matese che condivide con località di ⇒ Bojano il numero di presenze di appassionati sportivi. Quest'ultima è nota come punto mediano per i comprensori sciistici, nonché uno dei più antichi insediamenti di tutta Europa.


Il litorale

Affacciandosi sul Mar Tirreno si possono scorgere di litorali sabbiosi estremamente curati e attenti all'ambiente, a tal punto pregevoli da aver vinto il premio di Bandiera Blu. E giusto alle spalle di questi litorali sabbiosi si estende una lunga e incontaminata macchia mediterranea, che accompagna il turista attraverso borghi, castelli e siti archeologici dal passato millenario. Molte delle località che si possono visitare in Molise conservano usi e costumi secolari, di cui molti rappresentati da attività e mestieri antichi. Uno di questi mestieri, ancora oggi vivo nonostante le forti difficoltà, è quello della produzione campanaria, presso la cittadina di ⇒ Agnone, in provincia di Isernia, sede della storica Pontificia Fonderia di Campane Marinelli.

 

Campobasso

Il centro nevralgico del Molise è senza dubbio il suo capoluogo Campobasso, nonché maggior centro abitativo della regione, dove si conservano secoli di storia e cultura, testimoniati dall'imponenza del Castello Monforte, che domina la città sulla cima di un rilievo montuoso. Il Molise è un territorio su cui si riconoscono insediamenti d'epoca preromanica, molti dei quali fondati dai Sanniti. Questo popolo, che per secoli nel I millennio a.C. dominò il centro Italia, diede in eredità numerosi reperti e reliquie, oggi esposte al Museo Provinciale Sannitico, dedicato appunto alla protostoria e all'epoca sannitica.

 

Isernia

L'altro capoluogo molisano è Isernia, dentro cui è custodito un prezioso centro storico dalle tante attrattive, tra cui quartieri e monumenti eleganti. Uno dei simboli di Isernia è senza dubbio l'area preistorica, situato ai margini della città, mentre nel cuore si cela la duecentesca fontana tra le più antiche e pregevoli conservate nel Centro Italia.
Oltre ad Agnone, anche Scapoli è un paese importantissimo per il folclore e le tradizioni. Si tratta del paese delle zampogne, a cui è stato anche dedicato un intero museo a questo antico e peculiare strumento musicale.

 

Gli altri centri da visitare in Molise

Bagnoli del Trigno è un altro borgo dal fascino davvero speciale, che si sviluppa su due livelli completamente differenti tra loro, noti rispettivamente come Terra di Sotto Terra di Sopra, dove si celano edifici e monumenti incastonati nella morfologia unica del luogo. Non certo un caso che al borgo sia stato dedicato l'appellativo de La Perla del Molise.

Luogo altrettanto storico è quello di ⇒ Larino, laddove sono sono conservati numerosi resti romani. ⇒ Termoli è invece una delle località balneari di maggior rilievo in Molise, caratterizzata dal suo Castello Svevo. Anche il Castello di Pandone è un'importante maniero molisano, situato a ⇒ Venafro. Pietrabbondante, con il suo stupendo teatro, e Sepino, anch'esso luogo in cui si conservano rovine romane, completano la ricca offerta architettonica della regione.

Meritano una citazione anche altri castelli, sparsi omogeneamente in tutto il territorio, primo tra tutti quello di Pescolanciano. Invece dedicando una parentesi ai luoghi di culto, consigliamo la visita alla Badia benedettina di San Vincenzo al Volturno, il Santuario dell'Addolorata di Castelpetroso e il Santuario di Canneto, a Roccavivara. La chiesa di Santa Maria della Strada a Matrice e la chiesa di San Giorgio a Petrella Tifernina sono eccellenti esempi d'architettura romanica.