Moldavia, guida turistica di viaggio

Moldavia, guida turistica di viaggio


Condividi su:

Guida della Moldavia

Tutti gli articoli della Moldavia
Guida della Moldavia, mappa
© Google

icona-articoloLa Moldavia è uno stato dell’Est Europa confinante con Ucraina e Romania, senza sbocchi sul mare. Attraversata dai fiumi Prut e Dniester la Repubblica di Moldova, il suo nome completo anche se in Italia viene comunemente definita Moldavia, appartiene al gruppo di Paesi appartenenti al bacino del Mar Nero. Il territorio è prevalentemente pianeggiante con diversi torrenti e fiumi e la sua capitale è Chișinău, poco meno di 700.000 abitanti.

La popolazione moldava è rimasta legata alle tradizioni e alle proprie culture, uno dei pochi paesi europei in cui è possibile ammirare il fascino originale del vecchio continente. Per questa ragione, probabilmente, viene considerato uno dei Paesi più ospitali d’Europa e per gli abitanti ricevere ospiti è quasi sempre un segno apprezzato. Ricambieranno la visita proponendovi alcuni tra i migliori piatti della gastronomia locale. Tra le altre ragioni per visitare la Moldavia troviamo sicuramente la natura, quasi incontaminata grazie all’assenza di aree industriali. Ne deriva un’aria pulita e uno stile di vita ancora oggi semplice, trascorso in famiglia o con amici, sempre pronti a divertirsi e a rallegrarsi.

 

Informazioni generali

Guida della Moldavia, Leu Moldavo

In Moldavia sono pregevoli da ammirare i monasteri, tra i più belli di tutta l’Europa. Anche l’area protetta del Basso Prut, ricca di laghi e fiumi, è meta perfetta per escursioni e gite in campagna. Da citare anche la cultura vinicola. I moldavi sono amanti del vino e nel loro territorio sono presenti diverse cantine.

Le lingue ufficiali sono il moldavo e il rumeno, l’inglese fuori dai centri urbani è poco parlato. La moneta ufficiale è il Leu moldavo, qua potrete trovare il cambio attuale.
Per visitare la Moldavia non serve alcun visto d’ingresso. Le carte di credito sono accettate e lentamente sempre più utilizzate ma meglio essere sempre provvisti di contanti.

 

Muoversi in Moldavia

Guida della Moldavia, veduta di Chisinau

L’Italia, come per i principali scali europei, è fornita di voli diretti per l’Aeroporto Internazionale di Chișinău, il volo dura circa 180 minuti. Se viaggiate in auto troverete strade in buone condizioni e ben segnalate, piuttosto sicuro da visitare senza particolari problemi. Sono comuni i furti, borseggi e altri episodi di micro-criminalità, soprattutto nella capitale Chișinău.

Anche le manifestazioni politiche e di protesta sono presenti. Nonostante siano pacifiche queste possono recare disagi sulla viabilità e sulle zone di possibile interesse turistico. È possibile riscontrare difficoltà nel comunicare con il popolo moldavo visto la scarsa diffusione della lingua inglese. Se avete intenzione di visitare la Transnistria meglio affidarsi a qualche tour organizzato per non incontrare eventuali problemi.

 

Quando visitare la Moldavia

Guida della Moldavia, Khisnev

Il clima della Moldavia è di tipo continentale, gli inverni sono gelidi e ricchi di neve e le estati sono miti. La stagione fredda ha una temperatura media di -2 gradi C durante la giornata, anche se la presenza delle masse d’aria scandinave portano il territorio fino anche a -20° C.

In estate la temperatura è mite, con medie attorno ai 26 gradi e durante i mesi di Luglio e Agosto sono frequenti i temporali. Fate attenzione anche alle possibili alluvioni, già avvenute recentemente nel 2008 e nel 2010.
Le due stagioni intermedie sono abbastanza brevi ma piacevoli: a Maggio e a Settembre si hanno di media minime di 12 gradi e massime intorno ai 20 gradi.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Milestii Mici, la città moldava del Guinness

Cosa vedere nella Repubblica della Moldavia

Guida turistica della Moldavia

Tante le cose da visitare in Moldavia.

Iniziamo dalla capitale, Chisinau, ricca di parchi e laghi che stemperano un panorama prettamente di palazzoni tristi con numerose chiese tra cui merita visitare la Cattedrale della Natività. Tra i musei imperdibile quello Nazionale di Storia, con la rappresentazione dell’invasione sovietica nel 1945.

Milesti Mici e Cricova sono le due cittadine del vino, al loro interno sono presenti decine di chilometri di cantine e all’esterno i campi vinicoli contornano il paesaggio. Interessante anche Castel Mimi che propone una serie di cantine storiche situate all’interno di una villa dell’Ottocento mentre Purcari, poco distante dall’Ucraina, è una cantina sempre dell’Ottocento che propone varie attività attraverso le vigne.

Orheiul Vechi è un complesso naturale e storico all’aria aperta situato a Trebujeni, a 60 chilometri a nord-est di Chişinău. Qui sono stati scoperti reperti risalenti ad epoche diverse come il Paleolitico, l’Eneolitico e l’Età del Ferro e qui è presente un antico monastero che serviva come rifugio, grazie a una serie di corridoi, ai perseguitati.

Da visitare assolutamente Capriana, dove ha sede il monastero più famoso della nazione. Realizzato in tre epoche diverse, la parte più pregevole è la più antica, la Chiesa dell’Assunzione della Vergine, risalente al XIV secolo. Tra gli altri merita anche il Monastero di Tipova, a un centinaio di km a nord della capitale, tre diversi complessi scavati nella roccia tra il secolo XI e il successivo. Il Monastero di Curchi è invece del Settecento ed è costituito da varie chiese tra cui la principale, risalente al 1872 sotto indicazione dell’architetto italiano Bartolemeo Rastrelli che ha ripreso il progetto della chiesa di Sant’Andrea di Kiev. Per ultimo ma non meno importante il Saharna, uno dei più antichi insediamenti monastici all’interno della Chiesa ortodossa della Repubblica della Moldovia.

Da visitare infine la Transnistria, un piccolo stato riconosciuto solo dal governo russo posto lungo la linea di confine con l’Ucraina dove tutto è rimasto secondo lo stile della vecchia URSS. Si può visitare unicamente con visto, ottenibile alla frontiera e la cui validità è di solo qualche ora.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Soroca, cosa vedere nella capitale gitana

La gastronomia della Repubblica della Moldavia

Guida della Moldavia, Sarmale

La cucina moldava è pressoché povera, caratterizzata soprattutto da legumi e vegetali. Tra i più diffusi troviamo grano, fagioli, lenticchie e pomodori.

Una delle ricette più importanti della nazione è il Sarmale, un impasto di riso, di carne e di cipolla arrotolato in una foglia di vite. Il Sarmale tipicamente viene accompagnato con il Smantana, una panna preparata con formaggio bryndza e limone. La carne è abbastanza diffusa, tra le preferite della popolazione troviamo il maiale, la gallina, l’oca e il vitello. Non rara la polenta tagliata con il filo e la placinta, tortino di sfoglia ripieno di formaggio accompagnato da carne o verdura.

Ottime le zuppe a base di vegetali e carni di ogni tipo. La più famosa è la Zeama de Gaina cu Taiatei, ovvero la zuppa di gallina con tagliatelle, che è considerato il piatto tipico nazionale.

 

Ultimo aggiornamento 3 novembre 2021


 

Condividi su: