Modica | Cosa vedere a Modica in un giorno

Cosa vedere a Modica in un giorno, una città barocca in provincia di Ragusa. Tra le cose da vedere a Modica segnaliamo i Patrimoni UNESCO: il Duomo di San Giorgio, riconoscibile per la sua facciata a torre e per la sua enorme scalinata, e la Chiesa di San Pietro, caratterizata dalle statue dei dodici apostoli. Tra le attrazioni di Modica ricordiamo il Castello dei Conti di Modica, meravigliosa struttura realizzata con ben due lati costituiti da pareti a strapiombo, il Palazzo della Cultura e il Museo del cioccolato. Ecco cosa vedere a Modica in un giorno.4 min


0
Cosa vedere a Modica in un giorno
Condividi su:

Cosa vedere a Modica

icona-articolo

La città di Modica affonda le sue radici nella storia. Nota anche come città dalle 100 chiese, Modica accoglie e stupisce non solo con gli edifici religiosi ma anche con le sue bellezze naturali.
Non dimenticate naturalmente di visitare le numerose botteghe che proprio a Modica producono e vendono il rinomato cioccolato di Modica.

Dove si trova Modica

Cosa vedere a Modica, RagusaModica si trova a una ventina di km dal capoluogo di provincia, Ragusa, nella zona sud orientale della Sicilia.
Passeggiare per la cittadina significa ammirare meravigliosi palazzi di chiaro stile barocco, anch’esso annoverato come Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO dal 2002.
Anche il Duomo di San Pietro e la Chiesa di San Giorgio rientrano tra i Patrimoni UNESCO della splendida Modica.
La troviamo ai piedi di un grosso costone di roccia dove un tempo scorrevano due piccoli corsi d’acqua, oggi invece interrati.
La città è suddivisa in due parti: Modica Alta e Modica Bassa.

OneMag-logo
Francavilla di Sicilia | Cosa vedere a Francavilla di Sicilia, Messina

I Patrimoni UNESCO di Modica

Ne abbiamo già accennato, Modica vanta ben tre Patrimoni UNESCO.
I primi due sono riferiti ai due edifici ecclesiastici più importanti della città, il terzo ingloba invece l’intero centro cittadino.

Duomo di San Giorgio

Cosa vedere a Modica, il DuomoTra i Patrimoni UNESCO, il Duomo di San Giorgio è riconoscibile per la sua facciata a torre e per la sua enorme scalinata che lo anticipa.
La sua cupola è alta 36 metri e per raggiungerlo dovrete percorrere i 164 gradini che vi separano dai cinque portali che lo caratterizzano.
Costruito nel 1702 ha visto la conclusione dei lavori oltre un secolo dopo, nel 1842.
Imperdibile la visuale d’insieme, completata anche con un magnifico giardino pensile.

Chiesa di San Pietro

Cosa vedere a Modica, la Chiesa di San Pietro

Il secondo Patrimonio UNESCO è stato costruito a metà del XIV secolo ma proclamata chiesa unicamente nel secolo XVIII.
Anche in questo edificio la scalinata valorizza ulteriormente la struttura, accompagnata dalle statue dei dodici apostoli.
Il suo interno, a tre navate, è decorato in marmo bianco e policromi e completato da affreschi del Vecchio e Nuovo Testamento, realizzati alla metà del XVIII secolo.
E’ posizionata proprio nel fulcro del centro storico.

Il centro storico

Cosa vedere a Modica, il centro storicoAnch’esso insignito del Patrimonio UNESCO, il centro storico rientra tra prime cose da vedere a Modica.
Ricostruito dopo il terremoto del 1693, che lo ha di fatto quasi completamente raso al suolo, è tipicamente in stile tardo barocco.
Da visitare interamente a piedi, il centro storico di Modica è ricco di bar, locali e le già citate botteghe del cioccolato.
Da osservare con la massima attenzione per non perdere nessun particolare.

OneMag-logo
Cosa vedere a San Marco D’Alunzio in Sicilia

Cosa vedere a Modica

Cosa vedere a Modica, il Castello di Conti
La nostra visita della città siciliana potrebbe proseguire con il Castello dei Conti di Modica, meravigliosa struttura realizzata con ben due lati costituiti da pareti a strapiombo, particolarmente inaccessibile.

Oggi la struttura visibile comprende la torre poligonale e al suo interno le ale dedicate al carcere civile e militare, tutte interamente scavate nella roccia. E’ aperto tutti i giorni tranne il martedì, giorno di chiusura settimanale.

Cosa vedere a Modica, Casa Natale Salvatore Quasimodo
Particolare della casa natale di Salvatore Quasimodo

Tra le altre cose da visitare a Modica segnaliamo il Palazzo della Cultura, in precedenza un Monastero delle Suore Benedettine e, dopo essere stato requisito nel 1860, rimesso a nuovo per altri utilizzi.
Al suo interno ha sede il Museo Civico Archeologico, dove è custodita una collezione di dipinti appartenuta a Quasimodo. Posto lungo il Corso Umberto I è aperto ogni giorno.
Merita allungare per visitare anche la Casa Natale di Salvatore Quasimodo, il luogo dove il Poeta vide la luce. Posta a breve distanza dal Palazzo della Cultura, al suo interno potrete ammirare alcuni oggetti del periodo, tra cui il leggio, una libreria e una vecchia macchina da scrivere.

Due inoltre gli edifici religiosi che meritano essere inseriti tra le cose da vedere a Modica.
Il primo è la Chiesa di Santa Maria del Gesù e il suo annesso convento, oggi restaurata dopo i devastanti terremoti che hanno sconvolto l’architettura della città. La notorietà della chiesa è dovuta al matrimonio della figlia della contessa Giovanna Ximenes de Cabrera con il cugino del Re di Spagna Ferdinando il Cattolico.
Di tutt’altro genere invece la Chiesa rupestre di San Nicolò Inferiore, edificio posto sempre poco distante dal nucleo di Modica e al cui interno conserva un ciclo di affreschi.
La si raggiunge dal Corso Umberto I ed è aperta ogni giorno con ingresso a pagamento.

OneMag-logo
Castroreale, il borgo adagiato sui monti Peloritani

Il Museo del Cioccolato

Modica è nota anche come città del cioccolato grazie alla sua produzione secolare.
Facile comprendere quindi che una visita al suo Museo, posta proprio sul Corso Umberto I, sia praticamente indispensabile.

Prima di tutto una veloce parentesi su questo cioccolato, le cui origini in Sicilia le si devono agli spagnoli che lo importarono sull’isola e la sua lavorazione, a Modica, avviene senza modificare il burro di cacao e aggiungendo solo zucchero a temperature tali che non possa rompersi, diventando quindi particolarmente compatto.
Il cioccolato di Modica viene prodotto e commercializzato con diverse aggiunte, tra cui anche l’interessante proposta al Vino Nero d’Avola aromatizzato al pistacchio.

Tornando alla struttura, il Museo è ospitato anch’esso nel Palazzo della cultura e, nonostante le sue piccole dimensioni, riesce a coinvolgere il visitatore.
Come prima cosa imparerete a conoscere la storia del cacao e il suo processo di lavorazione a freddo, specifico del cioccolato di Modica.

Sarà interessante scoprire che il cioccolato viene prodotto ancora artigianalmente, senza però utilizzare l’antico strumento, il Metate. Era proprio lui nel passato il principale protagonista della sua realizzazione: veniva infatti scaldato e al suo interno di scioglieva la massa amara che veniva poi posta nelle formelle.

Oggi il procedimento è leggermente variato ma gli oltre 40 laboratori attivi lavorano costantemente per un prodotto di qualità. Molti di loro appartengono al Consorzio che tutela il cioccolato di Modica, rispettando il disciplinare che prevede un minimo del 50% di cioccolato e un massimo del 50% di zucchero.
Il Museo del Cioccolato di Modica è aperto ogni giorno tranne il lunedì, giorno di chiusura.

Sito ufficiale del Museo del Cioccolato


Condividi su:

Like it? Share with your friends!

0