Meina, panorama con vista sul Lago Maggiore, Novara

Meina, l’antico borgo sul Lago Maggiore | Cosa vedere a Meina, Novara


Condividi su:

Cosa vedere a Meina, viaggio nel lacustre borgo novarese sul Lago Maggiore

Leggi tutti gli articoli del Piemonte

Icona articolo onemag

Affacciato sulla sponda occidentale del Lago Maggiore, il piccolo e grazioso comune di Meina è una delle località turistiche di maggior interesse del Verbano. Abitato da circa 2600 residenti, Meina è una rinomata meta di villeggiatura, caratterizzata da un paesaggio urbano composto da dimore signorili, ville storiche, parchi e giardini idilliaci. A rendere ancor più caratteristico questo pittoresco borgo è la sua atmosfera molto riservata e discreta, fatta di numerose strade pedonali, piccole piazzette ben conservate e da un lungolago molto prestigioso.

Quella di Meina è una località turistica sempreverde, che offre numerose attrattive sia di genere culturale, che storico e naturalistico, perfette per essere scoperte in ogni stagione. La cornice naturalistica di Meina è un altro elemento di grande pregio: dalle smeraldine alture collinose che abbracciano il Verbano alle cristalline acque del Lago Maggiore, il panorama che si riesce ad ammirare in questo borgo è davvero eccellente. Scopriamo cosa vedere a Meina, il caratteristico borgo sul Lago Maggiore.

Cenni storici

Lungolago del comune di Meina in provincia di Novara

Situato in provincia di Novara, Meina è un borgo che cela un passato molto antico e appassionante. Grazie a studi e scavi effettuati negli ultimi decenni, si sono raccolte testimonianze sufficienti per confermare l’esistenza di un antico insediamento primitivo risalente all’epoca romana.

La prima fonte scritta che documenta l’esistenza del villaggio erede dell’odierna Meina, ai tempi denominato Màdina, ne cita la fondazione al 951 d.C. Màdina fu un’entità comunale autosufficiente assoggettata da re Berengario II al Monastero Pavese di Santa Maria. Sin dall’epoca medievale Meina, sebbene si trovi collocata nella regione piemontese, ha da sempre avuto una forte influenza dalla vicina Lombardia. Questo costituì – e costituisce tuttora – un curioso e singolare caso di comune dal “carattere urbanistico ibrido“. Complici le influenze degli Arcivescovi Milanesi e dei Signori di Milano che nel tempo governarono e modellarono il borgo di Meina.

Infeudato nel XV secolo dalla famiglia Borromeo, il borgo di Meina è considerato sin dal medioevo uno dei maggiori centri economici del Verbano e del Lago Maggiore. Meina riuscì a svilupparsi proprio grazie al lago. Il borgo, in particolare, si distinse per la capacità di raffinare materie prime, come carbone e legname, commercializzare risorse, tra cui pesce e prodotti alimentari, e trasportare merci traghettate sul Lago Maggiore. Il XIX secolo fu un periodo di particolare splendore, che portò la città ad affermarsi nell’industria. Sorsero mulini, cartiere e, in particolar modo, opifici, fabbriche tessili e stabilimenti che resero Meina una borgata sviluppata e preparata.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona Arona, la città del San Carlone | Cosa vedere ad Arona

Cosa vedere a Meina

Visuale su Meina dal Lago MaggioreTante sono le attrazioni che poste nel centro storico di Meina meritano essere visitate. In particolare risulta essere ricco il patrimonio architettonico, che rappresenta tra l’altro la maggiore eredità del passato, simboleggiato da grandi tenute d’epoca ottocentesca e novecentesca.

Ognuna di queste ville signorili vantano un giardino o un parco – impreziosito dall’intero litorale del lago – che avvalorano il comparto naturalistico di cui è ben noto il Maggiore. Degli edifici più rappresentativi della località rientra certamente il bel Palazzo Municipale, realizzato in ottica monumentale con materiale differenti come il serizzo, il granito rosa e il granito bianco, qualità di pietra confacente alla mira di solidità perseguita. Spicca all’interno l’Allegoria della famiglia, affresco realizzato da Eleuterio Pagliano sul soffitto.

In via Sempione sorge Villa Bonomi, d’impianto vivace che si fregia dell’estrosità di colonnine, arabeschi e intrecci lapidei introducenti un notevole portico architravato. Sulla medesima via si fa notare Villa de Savoiroux che, organizzata su tre piani di assoluta magnificenza, è altresì chiamata “La Castagnara” per il folto parco ricco di castagni che la circonda.

La neopalladiana Villa Eden apre al gusto scenografico infuso da statue, sculture e una fontana, ma per bellezza non può competere con l’ex chalet Villa Faraggiana, il cui stile neoclassico la rende alquanto maestosa grazie anche e soprattutto alla stupenda facciata dove campeggiano gli 11 busti di celebri italiani scolpiti da Giosuè Argenti. Vi è ospitato un museo multimediale che ha preso il posto di un’esposizione zoologica ed etnografica in cui trionfava la collezione di animali vivi e impagliati dell’avventuriero Ugo Ferrandi. Completano la ricca offerta le ville FaraoneKitzerowParadiso e Pasta lungo un cordone di esplicita meraviglia.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona Orta San Giulio, una gita al Lago d’Orta

Le chiese di Meina

Ricco è anche il profilo religioso che caratterizza Meina. Nel centro storico si celano infatti numerosi luoghi di culto che meritano essere inseriti nel proprio itinerario. Menzioniamo la Parrocchiale di Santa Margherita, consacrata nel 1785, un grande complesso barocco in cui sono inglobati il campanile, l’ossario seicentesco, il battistero, quattro cappelle e un abside che riporta gli affreschi raffiguranti nell’ordine Sant’Ambrogio contro i paganiLa gloria di Santa Margherita, San Carlo e gli appestati.

L’altra parrocchiale, Santa Maria Assunta, desta sicuramente più interesse in virtù del romanico campanile alto 30 metri e la cappella della Madonna del Rosario arricchita da sontuose policromie: sorge in frazione Ghevio così come l’Oratorio di Sant’Anna. Minori per risonanza ma ugualmente degni di visita risultano la cinquecentesca Chiesa La Madonnina dove vi si trova una rappresentazione della Madonna col Bambino, San Rocco e San Sebastiano e l’Oratorio di San Rocco in frazione Silvera. Completano la già ricca offerta turistica di Meina luoghi come l’Imbarcadero (l’antico porto darsena del paese) e le due gettonate spiagge, Lido di Meina e Scivolo Galli, entrambe attrezzate e a misura di famiglia.


 

Condividi su: