Condividi su:

Marsa Matruh:
attrazioni, escursioni e le spiagge più belle

Tutti gli articoli dell’Egitto

 

icona-articolo

Marsa Matruh è situata nella costa settentrionale dell'Egitto, quasi 70.000 che abitano la città un tempo nota per i commerci dell'Africa del nord. Capitale dell'omonimo Governatorato, si trova a 240 km a ovest da Alessandria e oggi è tra le mete turistiche più apprezzate del Mediterraneo. Facilmente raggiungibile grazie alla presente di un aeroporto internazionale, Marsa Matruh gode di un clima con estati calde e un inverno mite. I turisti la scelgono per le sue bianche sabbie e le acque trasparenti, due tra le caratteristiche che spesso l'hanno eletta tra le mete preferite dai viaggiatori europei.

Durante l'Antico Egitto e nel regno di Alessandro Magno, la cittadina era nota con il nome di Amunia. Nel successivo periodo bizantino era invece conosciuta come Paraitónion e in epoca romana come Paraetonium. La sua storia la ricorda come un villaggio di pescatori e durante l'occupazione romana Marsa Matruh si trasformò in una città portuale per il commercio tra il nord dell'Africa e Roma. In epoca più recente, la città ha saputo convertirsi abilmente in una località turistica, naturalmente basata sul turismo balneare.

 

Cosa vedere a Marsa Matruh

Cosa vedere a Marsa Matruh, il panorama sulla città

Meta piuttosto economica, Marsa Matruh viene quasi esclusivamente visitata per il suo mare e le spiagge, fattori che determinano la perfetta riuscita di una vacanza balneare.

Tuttavia questo non esclude assolutamente la possibilità di riuscire a visitare qualcosa in una giornata dedicata alle escursioni. La storia della città ricorda che il Governatorato dove oggi sorge il territorio di Marsa Matruh fu parte importante della storia d'amore tra Cleopatra e Marco Antonio. Qui la regina egiziana fece costruire un palazzo e oggi le sue rovine sono state ritrovate a una quindicina di km dall'attuale nucleo urbano, in quella nota proprio come Spiaggia di Cleopatra. Siamo in una meravigliosa piscina naturale, quella che secondo leggenda offriva l'intimità alla regina e Marco Antonio, purtroppo non balneabile a causa delle tante onde che scagliano contro le rocce della costa. L'area viene invece apprezzata per coloro che amano gli sport acquatici.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Hurghada, guida turistica della località balnerare del Mar Rosso

Il mercato libico

Una delle attività da preferire quando si visita l'Egitto è quella di visitare i tanti suq che ogni città ospita.

La vicinanza di Marsa Matrouh con la frontiera libica è facilmente verificabile dal suo mercato libico, la più grande area commerciale della città, posta in una strada chiamata Al Galaa. Sono quasi 400 le attività commerciali qua presenti e il suo nome ricorda come le principali merci provengono proprio dalla vicina Libia, dando un ulteriore tocco esotico al suq. Ricco di turisti ma anche di abitanti, il mercato è perfetto se siete alla ricerca di vestiti o borse ma anche per altre tipologie di merci che qua hanno costi sensibilmente più bassi che in altre aree geografiche. Sono consigliati i prodotti realizzati dai beduini, l'olio di oliva puro e i datteri.

Alexandria Street

Rimaniamo sempre nel nucleo urbano per raggiungere la prossima tra le cose da vedere a Marsa Matruh. Siamo nella via principale della città, Alexandria Street, quella che collega fra loro le diverse aree della città. Il suo nome è un tributo ai tanti visitatori di Alessandria che qua si recano in vacanza ma anche per ricordare che le principali merci qua vendute nei tanti negozi provengono proprio da Alessandria.

Alexandria Street è di fatto il centro cittadino, inteso come luogo di ritrovo di turisti e abitanti. Merita visitare il mercato, un suq meno importante di quello libico ma ricco di negozi di abbigliamento, di spezie ed erboristerie. Il mercato di Alexandria Street è comunque tra i più grandi della cittadina e nei suoi dintorni troverete anche numerosi ristoranti da provare, specie quelli di pesce, qua cucinato in varie modalità. Sempre qua in estate apre le sue porte il Circo Nazionale, attrazione che richiama non solo i turisti ma anche gli stessi abitanti.

Il Museo di Rommel

La storia ci porta ora durante la Seconda Guerra Mondiale quando il generale Rommel, tedesco, stabilì a Marsa Matruh il proprio quartiere generale.

Quello che in passato fu uno dei luoghi strategici, oggi è diventato un museo. La grotta che oggi lo ospita fu scavata in epoca romana per conservare i cereali che poi, grazie al porto, venivano inviati a Roma. All'interno è possibile ammirare diversi oggetti di proprietà del comandante tedesco, tra cui il cappotto del feldmaresciallo e vari accessori, mappe, bauli e fotografie. Alla sua realizzazione ha contribuito il figlio che ha donato numerosi oggetti appartenenti al generale, tra cui anche video privati.

Museo Archeologico

Di recente apertura, il Museo Archeologico è il primo del genere aperto a Marsa Matruh e si trova all'interno della Biblioteca Nazionale.

Al suo interno troviamo un migliaio di reperti di origine faraonica, romana e islamica. Distribuito su due piani, lo scopo del Museo è ricordare il ruolo che la città ha avuto nella storia dell'Egitto, particolarmente attiva nei commerci. Il primo piano si sviluppa con una mostra a cielo aperto dove poter ammirare due statue della Sfinge mentre il piano superiore raccoglie statue di diversa misura oltre a icone, manoscritti, attrezzi sfruttati per la caccia, monete e altro ancora.

 

La Moschea

Cosa vedere a Marsa Matruh, Moschea

Concludiamo la nostra visita tra le cose da vedere a Marsa Matrouh dalla bella moschea di Sidi el-Awwam.

Di recente costruzione, si trova vicino alla spiaggia di Ageeba, facilmente riconoscibile per la sua spettacolare architettura, interamente di pietra bianca, un vero colpo d'occhio che saprà sicuramente stupirvi. Come quasi tutte le moschee, purtroppo l'accesso è consentito unicamente ai fedeli musulmani.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Egitto in inverno, in viaggio sul Mar Rosso

Le spiagge di Marsa Matruh

Cosa vedere a Marsa Matruh, spiaggiaMarsa Matruh è la principale stazione balneare d'Egitto sul Mar Mediterraneo.

Il litorale sabbioso di Marsa Matruh si estende per circa 6 chilometri e mezzo, offrendo ai visitatori spiagge dalla candida sabbia bianca. La più nota è naturalmente la già citata Spiaggia di Cleopatra ma non è certo l'unica a meritare d'essere visitata.

La Spiaggia di Albusite si caratterizza per le acque cristalline e calme, con un fondale che digrada dolcemente. Trovandosi nel centro città, è la soluzione perfetta per godersi un rapido bagno in famiglia.

Se si ha disposizione più tempo, interessante è la Spiaggia di El Fayrouz, distante circa 3 chilometri dal centro di Marsa Matruh. Anche questa spiaggia è nota per le acque calme ed è perfetta per il divertimento in famiglia, dato che ospita strutture con diversi giochi d'acqua.

Consigliate per le coppie alla ricerca di intimità sono le spiagge di Rommel e di Al Awam. La spiaggia di Rommel, nel dettaglio, è situata a 2.5 chilometri dal centro città, nella stessa area storica che comprende l'omonimo museo.

Necessario organizzare un'abbondante mezza giornata di escursione per raggiungere l'idilliaca Ageeba (o Agiba) Beach. Il nome, tradotto dall'arabo, significa "miracolo", toponimo che rispecchia perfettamente questa piccola baia situata a 24 chilometri verso ovest dal centro di Marsa Matruh. La Spiaggia di Ageeba è famosa per la sua acqua dalle tonalità turchesi, che nonostante la sua distanza è capace di attrarre grandi folle di turisti durante l'intero arco della stagione turistica.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Le 10 migliori città da visitare in Egitto

Cosa fare nei dintorni di Marsa Matruh ed escursioni

Il territorio circostante a Marsa Matruh ospita numerosi luoghi dal grande interesse turistico. Tra le migliori escursioni da fare da Marsa Matruh c'è il villaggio di El Alamein. È un piccolo villaggio situato fuori città, a noi noto poiché è un luogo in cui nel 1942, durante la Seconda Guerra Mondiale, persero la vita molti soldati italiani. Il villaggio è stato teatro di scontri tra le armate dell'Asse e quelle Alleate, da cui successivamente si costruirono tre differenti sacrari: uno tedesco, uno inglese e uno italiano.

A commemorare i caduti e le battaglia c'è il Museo Militare, in cui si trova una ricca esposizione con cimeli bellici, come armi, divise, cimeli e lettere scritte dai soldati. Recandosi nel cortile, invece, sono esposti cannoni e grandi mezzi di trasporto, oltre a veicoli da combattimento, come carri armati e aerei da caccia. Poco distante si trova il Cimitero del Commonwealth di El Alamein, con le lapidi e i sepolcri delle truppe cadute dell'armata britannica e delle colonie, tra cui quelle dell'Australia, Nuova Zelanda e India. Completa il sito commemorativo il Monumento ai Caduti, che ricorda l'immenso numero delle vittime, 25 mila tra morti, feriti e dispersi solo tra gli italiani e i tedeschi.

Rimanendo nei pressi di Marsa Matruh, a 24 chilometri dal centro città si trova il grande Tempio di Ramses II, situato nel sito di Om El Rehem. Scoperto nel 1942 dall'archeologo egiziano Labib Habash, nel sito si trovano anche le rovine della Cittadella del Faraone. Qua si può osservare ciò che rimane dell'antica cinta muraria di pietra, eretta per proteggersi dalle incursioni libiche durante la XXVI dinastia.

 

L'Oasi di Siwa

Cosa vedere a Marsa Matruh e nei dintorni, l'Oasi di SiwaNota in tutto il mondo è l'Oasi di Siwa, distante tre ore e mezza di strada di Marsa Matruh. Se la lunghezza della vacanza lo permette, quella a Siwa è un'escursione assolutamente imperdibile. Si tratta di una comunità berbera dal folclore autentico, rimasta pressoché immune al progresso tecnologico. L'oasi si caratterizza per il suo affascinante terreno fertile, favorevole per la coltivazione di olivi e palme, presidiata da Slow Food per la tutela e promozione dei suoi famosi datteri.

Ultima imperdibile escursione da Marsa Matruh è quella al Monte Dakrour. Si trova all'interno dell'Oasi di Siwa ed è uno dei più famosi siti faraonici della zona. Nella montagna si trovano due grandi grotte scolpite tra il tardo periodo faraonico e il primo periodo tolemaico.

 

» Ti potrebbe interessare... «

 

 

Advertisement
Condividi su: