0
Condividi su:

Malta, cosa non perdere

icona-articoloFormata da tre isole nel confine meridionale dell’Europa, Malta è una delle protagoniste assolute della storia rinascimentale d’Europa.
Malta gode anche di un patrimonio culturale non di certo comune, derivazione delle varie influenze dei popoli che nel tempo l’hanno dominata.
Questo aiuta sicuramente a comprendere le tante ragioni per cui una vacanza a Malta è assolutamente da pianificare, specie se non l’avete ancora visitata.

La Valletta, la sua capitale, insieme alle “Tre Città”, ovvero Vittoriosa, Senglea e Cospicuasono, rappresentano solo alcune delle ragioni che propongono Malta come una delle destinazioni europee più appetibile. Qui troviamo palazzi di rara eleganza, chiese pittoresche e diverse fortificazioni.

Slime e San Giuliano sono invece le città perfette per una vacanza di divertimento, complice naturalmente le varie spiagge qua affacciate.
Sono anche le cittadine della movida notturna estiva, quelle che da maggio a ottobre richiamano numerosi turisti, grazie anche alla presenza di numerosi locali, pronti a offrire la propria tradizione gastronomica o qualche drink.

Da non dimenticare la più piccola Isola di Gozo, situata a nord-ovest dalla principale, un’isola carina e rurale dove il ritmo della vita è molto più lento e tranquillo. È il luogo perfetto per rilassarsi con la spettacolare costa incontaminata.

La Valletta

La Valletta

La capitale di Malta, nominata Capitale europea della cultura nel 2018, è una delle città più vivaci e sorprendenti di tutta il continente meridionale.
Le sue modeste dimensioni, 1 km di lunghezza per 600 metri di larghezza, sono tuttavia la sua peculiarità. Qua ogni strada conduce al mare e percorrendola non avrete difficoltà a comprendere il perchè sia definita ‘città murata’.
I tanti edifici storici, risalenti in particolar modo al 16° e al 17° secolo, sono caratterizzati da balconi sfarzosamente decorati.

La Valletta è anche una delle mete particolarmente in crescita turistica negli ultimi anni.
La sua vita notturna si è decisamente trasformata, grazie a nuovi ristoranti o alla ristrutturazione di numerosi edifici, anche se è decisamente meno affollata rispetto ad altrove.
Qui la movida è principalmente indirizzata a un pubblico adulto, numerosi locali che propongono musica piuttosto rilassante e in cui bere un sofisticato drink.
Strait Street, in passato il quartiere a luci rosse, oggi ha modificato il suo aspetto proprio rivolgendosi a un tipo di pubblico più elegante, maturo e sofisticato.
Anche Waterfront, il lungomare di Valletta, è perfetta per trascorrere la serata, grazie anche a numerosi ristoranti che l’hanno portata ad essere una delle zone più cool della capitale.

Il fascino maltese di La Valletta è anche percepibile nel momento in cui si attraverserà la suggestiva City Gate, progettata da Renzo Piano, imperdibili qua anche l’edificio moderno del parlamento e il Teatro dell’Opera appena oltre.

OneMag-logo
Malta, i luoghi imperdibili

Dwejra

Dwejra, Malta

L’emozionante costa di Dwejra, a Gozo, presenta diverse formazioni rocciose scolpite dal vento e dal mare, la loro bellezza è stato tanta apprezzata da essere stata una delle principali location della serie tv “Il Trono di Spade”.

Da non perdere la piscina naturale qua situata, un luogo meraviglioso in cui nuotare pacificamente e fare snorkeling quando il tempo è calmo.

Possiamo quindi definire Dwejra il miglior luogo in cui godersi il piacevole mare ma è una meta imperdibile anche in inverno, rilassandosi davanti un panorama unico ed estremamente coinvolgente.

Blue Lagoon

Blue Lagoon, Comino, Malta

La bellissima isola di Comino ha una storia eclettica.
Il suo passato ha origine 1800 anni fa circa, quando Tolomeo andò a viverci.
In tempi più recenti è stato il rifugio di un eremita, una zona di quarantena per arginare il colera e infine un campo di prigionia.

Però la caratteristica più amata dell’Isola di Comino è indubbiamente la pittoresca e surreale Blue Lagoon. A dispetto del nome, la Blue Lagoon di Comino non è una laguna ma un ‘canale’, che divide le isole di Comino e Cominotto.
La sua notorietà deriva dalle magnifiche acque, una piscina naturale colorata di blu intenso, quasi uno scenario caraibico inserito in quella che probabilmente è la costa di Malta più bella da vedere.

La Blue Lagoon e l’isola di Comino è raggiungibile via ferry, in partenza ovunque ma in particolar modo da San Giuliano, ed attrae numerosi turisti durante le principali settimane estive.
Rimane tuttavia una meta imperdibile durante una vacanza a Malta.

OneMag-logo
Cosa vedere a Gozo, Malta

Ipogeo di Hal Saflieni

Ipogeo di Hal Saflieni

Visitare queste antiche camere sepolcrali sotterranee è un’esperienza unica, misteriosa e terrificante. Incredibilmente ben conservati, gli spazi sacri scavati nella roccia sono datati a circa il 2° millennio a.C.

Tra le tante caratteristiche che rendono questa attrazione unica troviamo anche gli antichissimi motivi color ocra che dai tempi antichi odorano le pareti e il soffitto del sito archeologico.

È una delle più importanti testimonianze antiche che ha permesso di studiare l’enigmatica popolazione che in quel periodo colonizzò l’isola. L’unico difetto? Bisogna prenotare la visita con diverse settimane di anticipo.

Concattedrale di San Giovanni

Cattedrale di San Giovanni

Tra le principali cose da vedere alla Valletta, la Concattedrale è tra i principali edifici religiosi del mondo e tra i migliori esempi della sfarzosita barocca europea.
Anche la Concattedrale è annoverata, come tutto il centro storico, tra i Patrimoni dell’UNESCO.

Costruita nel 1577, la struttura religiosa divenne la più importante dopo aver sostituito la già esistente chiesa di San Lorenzo a Birgu. Nei primi anni il suo interno era piuttosto sobrio e privo di decorazioni fino al XVII secolo quando, per volere del Gran Maestro Cotoner, gli interni vennero rivisitati e trasformati in stile barocco.
Oggi visitare la Concattedrale di San Giovanni significa accedere in uno degli edifici più sfarzosi di tutta Europa, intere colonne decorate in oro, pavimenti in marmo di Carrara e affreschi rinascimentali di primissimo livello.

L’effetto visivo ottenuto all’interno della chiesa è a dir poco eccezionale, una delle migliori testimonianze dello splendore maltese durante i secoli scorsi ed uno dei migliori esempi della ricca cultura di questa località.

Ora più che mai è corretto definire l’isola di Malta un gioiello sconosciuto, ammirato unicamente per le sue spiagge, che nonostante siano altrettanto magnifiche e totalmente incontaminate, non posso tenere il confronto con il fascino dei siti antichi e dell’architettura.

Condividi su:

Like it? Share with your friends!

0