Cosa vedere a Madesimo, la località sciistica lombarda

Madesimo, Sondrio | Cosa vedere a Madesimo, la località sciistica lombarda


Condividi su:

Cosa vedere a Madesimo, Sondrio
Dove sciare vicino a Milano

Tutti gli articoli della Lombardia

icona-articolo

Uno dei comuni montani più frequentato da Milano, da cui dista 138 km, è indubbiamente Madesimo, ridente località nella Valle Spluga, appartenente alla Ski Area della Valchiavenna. Frequentatissimo in inverno, grazie alle sue piste sciistiche che da novembre fino alla tarda primavera regala emozioni uniche agli appassionati di sci, in estate è la meta perfetta per gli escursionisti.

Siamo a una altitudine di 1550 metri, dove ha sede il borgo abitato, a due passi dalla Svizzera e vicino al Passo Spluga che la rende meta raggiungibile da tutta Europa.
Pronti a scoprire cosa vedere a Madesimo?

Cenni storici

Madesimo, mappaFino al XIX secolo Madesimo era poco più di un alpeggio inserito nel comune di Isolato in Vallespluga. Furono le fonti termali a porlo alla notoretà, acque benefiche ricche di magnesio che venivano raggiunte in carrozza da coloro che provenivano dalle terre di pianure. La località si impose piuttosto rapidamente come centro termale, frequentando anche da Carducci che qua veniva spesso per una pausa salutare.

Da località di montagna, Madesimo seppe unire il concetto di benessere a tutto tondo, una cittadina in grado di ritemprare l’organismo grazie alla sua aria e che completava il percorso con la sua acqua. Le estati di inizio Novecento la vedevano sempre più riempirsi, dando modo anche ai primi alberghi di aprire. L’inverno, con le sua abbondanti nevicate, presentava un grosso ostacolo, anche se in diversi cercavano di raggiungere la meta con gli sci.
Nel 1910 vennero organizzate le prime gare di sci a Madesimo, aggiungendo la parte mancante alla località, le attività sportive invernali.

Mancava tutto, non erano presenti impianti di risalita o qualunque altra forma che potesse semplificare raggiungere la vetta per divertirsi a scenderla con gli sci agli scarponi.
Si iniziò a studiare come far salire gli appassionati in cima, iniziando con un impianto trainato a fune per poi aggiungere, nel 1948, un vero e proprio sistema. Era lo skilift che conduceva alla Colmanetta, 2.200 metri di altitudine. Era un grosso traguardo, era il più lungo d’Europa e i turisti partivano anche dall’estero per vederlo in funzione. Era arrivato il momento per Madesimo di essere una meta invernale perfetta.

Con l’inaugurazione degli skilift arrivarono anche i primi investitori, pronti a raccogliere una forma commerciale fondamentale, il turismo. Vennero costruiti i primi alberghi importanti e i primi servizi fino all’arrivo della funivia che riusciva a portare gli sportivi più esperti fino al Groppera, a quasi 3.000 metri di altitudine. Si erano aperte anche le piste per la Valle di Lei, prima inutilizzato, dove venne costruito un nuovo skilift di risalita.
Oggi Madesimo offre 60 km di piste nuovissime offrendo ai suoi visitatori strutture ricettive di primo livello e impianti moderni e in totale sicurezza.
In estate o in inverno una vacanza a Madesimo è sinonimo di relax e divertimento. Indiscutibile.

OneMag-logo
Link-uscita icona Cosa vedere a Sondrio, capoluogo della Valtellina

Cosa vedere a Madesimo

Il comune sparso di Madesimo è noto per le sue piste sciistiche ma merita anche farci una passeggiata. Nel suo centro storico avrete modo di ammirare numerosi ed eleganti palazzi, vere strutture di pregio in cui merita vedere la chiesa parrocchiale intitolata a San Pietro e Paolo. L’edificio religioso, che si rivela piuttosto semplice nella sua costruzione e riconoscibile per il suo campanile che svetta sulla valle, è di recente costruzione, eretto nel 1949.

Nella frazione di Montespluga, a 1908 metri di altitudine, troviamo questo piccolo borgo con poche case tutte o quasi costruite accanto all’ufficio doganale. Siamo infatti a 3 km dal confine svizzero e da qui si può partire per le tante escursioni che possono essere fatte in estate. Interessante anche il bacino artificiale, spesso usato per piacevoli passeggiate e per rinfrescarsi nel periodo estivo.

Lungo le tranquille strade di Madesimo e delle sue frazioni avrete modo di vedere i tanti edifici alpini, molti dei quali ospitano negozi e hotel. Se capitate durante il tradizionale mercato settimanale non perdetevi l’acquisto dei prodotti tipici locali, tra i quali meritano i biscotti di Prosto, biscottini rustici della zona di Piuro ma normalmente venduti anche a Madesimo. Da provare anche il violino di capra, un taglio di carne prodotta dagli animali qua allevati che viene messo in salamoia e poi aromatizzato con spezie e vino rosso prima di stagionare diversi mesi. Miele, formaggi e dolci sono le altre specialità che meritano di essere provate.

OneMag-logo
Link-uscita icona Aprica, trekking e free climbing

Dove sciare a Madesimo

Madesimo è particolarmente nota per la discesa del Canalone, 3 km di piste definita la “pista più bella delle alpi”, ottima per gli sciatori più esperti. Caratterizzata dal colore nero, la pista è solo una delle quattro difficili presenti, oltre a varie piste rosse anche più lunghe.
Il Canalone è a dire il vero oggi un fuoripista, chiusa in passato come pista per ragioni di sicurezza. Anche se spesso è tracciata non è una pista battuta, quindi consigliata oltre che ai veri esperti, a coloro che dispongono di tutta l’attrezzatura per il fuoripista.

Consigliamo di fare tappa presso la Dogana Vegia, situata nell’edificio della storica dogana dello storico confine tra il territorio italiano e quello svizzero, presente sin dal lontano 1600. Per godersi delle attività alternative allo scii, come un rigenerante après, troviamo lo Shamrock Pub e il Tender disco bar: durante i giorni feriali sono tranquilli, ma che nel fine settimane si ravvivano con un’enorme numero di visitatori.

Complessivamente la Ski-area si caratterizza per oltre 60 km di piste da discesa e ben 10 km per quelle di sci di fondo, distribuendosi non solo su Madesimo, ma anche a Campodolcino e ⇒ Piuro. Inoltre Lo Sky Express è la più moderna tra le funivie sotterranee in Europa, che sale per i 638 metri che separano Campodolcino e Motta. Da non sottovalutare anche la presenza di un esteso parcheggio, molto comodo per tutti i visitatori.


 

Condividi su: