Madagascar, guida alle escursioni da Nosy Be

Madagascar, guida alle escursioni da Nosy Be per visitare le tante piccole isole che distano da pochi km a qualche decina per visitare alcuni paesaggi davvero incredibili.

Le isole vicino a Nosy Be

Icona articolo

Il Madagascar è una isola posta sulla costa meridionale dell’Africa, uno splendido territorio dove troviamo una variegata fauna, grazie alle diverse migliaia di specie animali che qui hanno il loro habitat naturale.
Tra le tante isole che compongono l’enorme Madagascar troviamo Nosy Be, l’area balnerare più nota e frequentata di questa meraviglia naturale.

Ma, oltre a Nosy Be, sono davvero tante le altre piccole isole che compongono il panorama dell’area, regalando sia emozioni sportive che relax.
Qui puoi, per esempio, nuotare con le tartarughe marine oppure immergerti e ammirare un fondale davvero incredibile.
Grazie ad acque sempre calde, mai al di sotto dei 25°C, le isole attorno a Nosy Be sono tra le preferite in assoluto sia per i subacquei che per gli amanti dei tanti sport acquatici.
Ecco alcune delle isole da non perdere nei dintorni di Nosy Be.

Nosy Komba

Le escursioni da Nosy Be, Madagascar

Posta tra Nosy Be e la terraferma del Madagascar, Nosy Komba è una foresta tropicale ricca di animali selvatici, alcuni dei quali introvabili altrove. E’ una delle escursioni principali praticate proprio dall’isola di Nosy Be, una gita che permetterà di entrare a contatto con lemuri, camaleonti e tanti altri animali.
Qui ogni essere vivente è trattato con il massimo rispetto, gli operatori e le guide nutrono infatti gli animali per farseli amici e consentirvi di ammirarli con calma e anche per permettere una serie di foto.
I lemuri sono la specie protetta in assoluto ed è vietato, per qualsiasi turista, avvicinarsi troppo o dare loro del cibo, per evitare qualsiasi tipo di eventuale problema.
L’accesso al parco naturale è a pagamento ma è generalmente compreso tra la quota dell’escursione.

Nosy Vorona, Nosy Fanihy e Nosy Faly

Le escursioni da Nosy Be, Madagascar
Nosy Fanihy

Due isole completamente differenti fra loro. La prima è un’isola che viene completamente affittata per gruppi di turisti e consacrata interamente al turismo. Qua è possibile dormire in una struttura lussosa con tanto di spiaggia privata e attracco per le barche. A Nosy Vorona è possibile praticare lo snorkeling, pescare e anche fare una serie di altre escursioni in altre isolotti vicini.

Nosy Fanihy è, all’opposto, un’isola sacra e come tale preservata. Qui pare siano sepolti alcuni re di Sakalava e come tale piuttosto incontaminata. Nessun abitante infatti qua risiedere e nessuna struttura turistica è mai stata realizzata.
Anche qua è possibile praticare snorkeling e l’assenza di popolazione rende possibile l’avvistamento dell’Aquila pescatrice, sostanzialmente solitaria e con l’abitudine di stanziarsi su alti rami.
Una delle particolarità assolute è che su quest’isola è possibile sposarsi, anche se è naturalmente privo di ogni fondamento legale o religioso. E’ però una pratica molto romantica e preludio di un eventuale matrimonio ufficiale.

Altra isola sacra è Nosy Faly, qui invece sono sepolti i primi abitanti della tribù Sakalava. Anche qui l’ecosistema è preservato ma, a differenza di Nosy Fanihy, l’isola risulta abitata, anche se tutti quanti offrono il massimo rispetto al territorio circondante.
Oltre a praticare i consueti sport acquatici è possibile scoprire l’isola in bicicletta grazie ad una serie di sentieri ideali e anche andare a pesca con gli abitanti.
Prima di lasciare l’isola salite sul faro, oramai in disuso, per godere di una vista davvero unica di tutte le isole attorno.

Nosy Sakatia e Nosy Tsarabanjina

Le escursioni da Nosy Be, Madagascar
Nosy Sakatia

Nosy Sakatia è piuttosto vicino a Nosy Be e facilmente raggiungibile in pochi minuti di barca, essendo a meno di 1 km di distanza. Una volta raggiunta è da ammirare la splendida barriera corallina ma anche fare snorkeling ed ammirare le meravigliose tartarughe verdi, qua presenti in discreta quantità.
Nota anche come isola delle orchidee, Nosy Sakatia è Riserva Naturale e la sua formazione, di origine vulcanica, ha un discreto numero di abitanti.
Da non perdere qua le calette della sabbia che si alternano ad uniche formazioni rocciose.

Nosy Tsarabanjina è di fatto un isola-resort posta a 40 miglie nautiche da Nosy Be. E’ una isola lussuossa dove l’unico hotel, il Constance Lodge Tsarabanjina, offre un luogo davvero esclusivo per rilassarsi e godere la meravigliosa natura.
Anche qua troviamo una barriera corallina e tanti pesci tra cui, tra marzo e novembre, le balen che transitano poco distanti dalla costa.
Per raggiungerla occorre un tempo di navigazione di circa 2 ore da Nosy Be oppure, scelta spesso utilizzata da coloro che intendono poi rimanerci in vacanza, noleggiare un charter privato.

Nosy Tanikely

Le escursioni da Nosy Be, Madagascar
Nosy Tanikely

Siamo a 10 km da Nosy Be e qua troviamo Nosy Tanikely, un piccolo atollo disabitato e che è accessibile esclusivamente durante il giorno. E’ una delle escursioni preferite dall’isola principale in quanto questa piccola isola è di fatto un parco marino, una sorta di ‘acquario naturale‘ che consente di poter ammirare i tanti pesci che qua hanno il loro habitat prediletto.

Una volta arrivati sull’isola troverete una piccola recption, dove acquistare il biglietto di ingresso, e poco altro. Nella zona ad est è possibile fare il bagno e le immersioni ma non dovrete superare le boe delimitanti, in quanto si entrerebbe nell’area protetta.

Generalmente i tour organizzati includono anche Nosy Komba, che di fatto spesso viene proposta come combinazione. A Tanikely avrete però la possibilità anche di godere di un pranzo preparato con il barbecue, posto esattamente nell’area picnic dell’isolotto.
L’accesso è possibile ogni giorno della settimana dalle 7 del mattino alle ore 16.

Scopri di più:

Madagascar, guida turistica di viaggio
Le isole più grandi del mondo
Le isole Comore, la nuova meta nell’Oceano Indiano
Africa: le spiagge e le isole più spettacolari

 

Condividi su: