Condividi su:

Cosa vedere a Lonato del Garda | La città del Benaco da riscoprire

Leggi tutti gli articoli della provincia di Brescia
Mappa di Lonato del Garda
Mappa di Lonato del Garda

Icona articolo onemagAlle spalle di Desenzano, giusto di fianco l’A4 Milano – Venezia, si trova la località di Lonato, dal 2007 insignita come Lonato del Garda, una città-borgo davvero sorprendente. La località, sebbene abbia ben 16 mila abitanti, presenta un aspetto più verosimile a quello di un borgo, che di una città. Questo è dovuto al suo piccolo e grazioso centro storico, dentro cui sono racchiuse le principali attrazioni cittadine, in primis la Rocca di Lonato.

Lonato è spesso eclissata da altre vicine località di notorietà ben più ampia, quali per esempio Sirmione o Manerba, Salò o Padenghe, oltre che la stessa Desenzano, che ricordiamo essere la più popolosa città di quelle affacciate sul Lago di Garda. Basti solo vedere la mappa per scorgere come Lonato non sia direttamente affacciata sulla costa del lago. Il titolo del Garda gli è stato guadagnato con l’acquisto, dal comune di Padenghe sul Garda, di un brevissimo tratto costiero, lungo un centinaio di metri e scarsamente popolato, con l’obiettivo di inserire Lonato nel prestigioso circuito turistico del Benaco.

La cittadina può essere facilmente visitata anche in un pomeriggio, poiché le principali attrazioni sono racchiuse a breve distanza tra loro. Da non sottovalutare è anche l’immediata vicinanza con l’autostrada, che la rende molto semplice da raggiungere.
Scopriamo quindi cosa vedere a Lonato del Garda, in provincia di Brescia.

Cenni storici

Visuale sul centro storico di Lonato del Garda
Visuale sul centro storico di Lonato del Garda

La storia di Lonato del Garda ci riporta indietro nel tempo fino alla preistoria. È infatti abbastanza certo che le origini di Lonato, come sito abitato, si possano datare all’Età del Bronzo, tra il 1800 e il 1500 a.C. Le coste del Lago di Garda furono popolate attraverso palafitte elevate ai bordi di stagni e laghetti. Successivamente subentrarono dapprima i Celti, poi i Romani, che iniziarono a delineare il sito con una vera e propria città.

Nel medioevo la città fu dominata da chi reggeva il controllo su questa porzione di territorio. Dapprima Lonato fu sfruttata come estensione del Municipium di Verona, trasformandosi tempo dopo in un borgo fortificato indipendente, conoscendo la dominazione degli Estensi, dei Gonzaga e dei Visconti, tra gli altri.

Fu nei secoli sotto la Repubblica di Venezia a rappresentare però il periodo più stabile e prospero per Lonato del Garda, perdurato fino al 1797, quando cadde sotto il governo francese, in pieno splendore per le opere militari di Napoleone. Gli ultimi ad amministrare Lonato del Garda e le città di questo territorio furono gli Austriaci, finché non fu istituito il Regno d’Italia. Dal 1850, con la creazione del primo ufficio postale, Lonato venne riconosciuta come città vera e propria, ulteriormente valorizzata dal 1854 quando meta transitoria nella linea ferroviaria Brescia – Verona. Nel 1911, invece, le tranvie extraurbane Castiglione – Lonato – Desenzano aiutarono a migliorare l’economia locale, che nel secondo dopoguerra si focalizzò quasi interamente sulle nuove tecnologie agricole.

OneMag-logo
Link-uscita icona Cosa vedere a Limone sul Garda

Cosa vedere a Lonato del Garda

Cosa vedere a Lonato del Garda
Cosa vedere a Lonato del Garda

Arrivati finalmente a Lonato del Garda non ci resta che scoprire quali siano le cose da vedere assolutamente. L’itinerario è abbastanza veloce, motivo per cui, per chi sta pianificando un viaggio di lunga durata, è bene rendere Lonato una delle prime tappe da visitare, per poi spostarsi su altre mete direttamente affacciate sul Lago di Garda.

Sebbene il paesaggio non sia così esotico come nei borghi affacciati direttamente sul lago, Lonato vanta un centro storico davvero piacevole da visitare a piedi, tra sentieri, parchi ed edifici storici. La più iconica struttura storica della cittadina è senza dubbio la Rocca di Lonato, che domina la città dall’alto da ben 900 anni.

OneMag-logo
Link-uscita icona Salò, la tranquilla cittadina affacciata sul Garda

La Rocca di Lonato

Cosa vedere a Lonato del GardaLe sue origini si possono collocare al XII secolo, quando fu eretta con lo scopo di difendere la città dalle invasioni nemiche. Oggigiorno la struttura si presenta in buono stato di conservazione, oltre che piacevole da visitare. È anche utilizzata per organizzare ricevimenti e matrimoni.

Nel parco della Rocca si consiglia di passeggiare sul cammino di ronda, da cui si può scorgere un’eccellente panorama sul Lago di Garda, mentre nella Casa del Capitano è situato un piccolo Museo Ornitologico.

OneMag-logo
Link-uscita icona Manerba del Garda, dalla Rocca alle spiagge

La Casa del Podestà

La Casa del Podestà di Lonato è la seconda attrazione che meriterebbe essere visitata in città. L’edificio fu acquistato da Ugo da Como agli inizi del XX secolo ed è stato adibito, in epoca moderna, come sede museale.
Il rinomato avvocato e deputato Ugo da Como finanziò il restauro dell’edificio, già presente dall’epoca della Serenissima, riarredandolo completamente secondo i canoni in voga ai primi del Novecento.
Si può accedere al museo mediante una visita guidata, durante la quale vengono illustrate alcune delle principali sezioni dell’edificio, tra cui la biblioteca, contenente oltre 50 mila volumi, e la galleria, dove sono custoditi affreschi e quadri di inestimabile valore.

L’aspetto del centro storico di Lonato del Garda è notevolmente modellato dalla presenta della Rocca. Tuttavia, anche la Basilica di San Giovanni Battista, con la sua caratteristica cupola, ha permesso di rendere quasi iconico il panorama sul centro abitato di Lonato. E tra le vie del centro si possono trovare parchi e cortili, spesso nascosti e difficili da individuare, in cui trovare l’assoluta pace.

OneMag-logo
Link-uscita icona Cosa vedere a Desenzano del Garda

Le piazze di Lonato del Garda

La Piazza Martiri della Libertà è la principale di Lonato, spesso detta anche Piazza del Comune, poiché qua vi si affaccia il Palazzo Municipale. Al piano terra si trova l’Ufficio del Turismo, aperto in estate tutti i giorni dalle 10.00 alle 16.00, dove si può ritirare una mappa della città. Poco distante sorge la Torre Civica, dentro cui sono ancora funzionanti le campane che segnano il trapassare dell’ora successiva e che rappresenta una vera iconica dello skyline di Lonato del Garda.

OneMag-logo
Link-uscita icona Vittoriale di Gardone Riviera

Chiese di Lonato

Chiese di Lonato del Garda
Basilica di San Giovanni Battista

Tra gli edifici storici di tipo religioso merita assolutamente visitare la Basilica di San Giovanni Battista, facilmente riconoscibile anche a distanza per la sua grande cupola, che corona una delle principali opere barocche del Lago di Garda.

La Chiesa di Sant’Antonio Abate, invece, è un’altra struttura restaurata per volontà di Ugo da Como, le cui origini si possono collocare al XV secolo.

Ultima, ma non per importanza, è la Chiesa di Santa Maria del Carlo, tra i più antichi edifici cittadini, con origini fissate al XIV secolo. Dentro la Chiesa di Santa Maria del Carlo ospita una curiosa scala interna, presente per via dello spostamento, avvenuto in tempi più recenti, dell’ingresso nell’edificio sul lato opposto rispetto a quello del progetto originale.


 

Condividi su: