L’isola di Ko Chang, viaggio in Thailandia

L'isola di Ko Chang, viaggio in Thailandia per scoprire la seconda isola per dimensioni caratterizzata da un parco naturale e da spiagge da scoprire. Ecco Ko Chang

L’isola thailandese di Ko Chang 

Ko Chang è la seconda isola più grande della  Thailandia, situata nel golfo del Siam. È l’isola maggiore dell’arcipelago del Parco Nazionale Mu Ko Chang, che comprende un totale di 52 isole.

Nel 2002 il governo thailandese ha deciso di trasformare la località in una esclusiva meta balneare. Da quell’anno, grazie ai consistenti finanziamenti, sono stati aperti numerosi hotel di lusso, asfaltate le strade ed estese verso sud. Completa il tutto la realizzazione dell’aeroporto.

L’isola ha una superficie totale di 492 chilometri quadrati, l’85% della quale è territorio protetto. Nonostante l’aggressiva urbanizzazione del primo decennio del nuovo millennio il fascino naturale del luogo non è andato perso.

Lunghissimi litorali di sabbia pulitissima sono spalleggiati ed ombreggiati da palme di cocco, l’immagine più rappresentativa presente nelle cartoline della Thailandia.

Il territorio ed il Parco Naturale

Ko Chang, Marine National Park in Thailandia

Ko Chang, tradotto Isola dell’Elefante, e le numerose vicine isole, compongono il Ko Chang Marine National Park, uno dei parchi naturali marittimi più apprezzati dai turisti del pianeta.

Nel territorio protetto sull’isola, la foresta pluviale ha un ruolo da protagonista, caratterizzata internamente da numerose cascate e torrenti che attraversano il paese, dividendolo in due.

Vicino al litorale proliferano le mangrovie, che alternandosi alle magnifiche spiagge bianche, creano un paesaggio tra i più caratteristi del sud-est asiatico.

I nuovi resort sulla spiaggia sono collegati direttamente alla strada asfaltata, che dall’aeroporto percorre internamente l’isola. È possibile raggiungere la località anche tramite i traghetti, che partono dal molo di Laem Ngop, nella terraferma thailandese.

La gran parte dei turisti sbarcano ad Ao Sapparot, situato nell’estrema punta settentrionale dell’isola, la destinazione più comoda per il viaggio in barca, a circa 45 minuti da Laem NgopNonostante la non indifferente distanza dalla capitale  Bangkok, l’isola riesce a soddisfare i visitatori e a ripagare lo sforzo del viaggio.

Cosa vedere a BangkokCosa fare e vedere a Bangkok, la capitale della Thailandia
Cosa vedere e fare a Bangkok. Storia, cultura, religione e fascino sono le parole chiave per visitare la capitale della Thailandia. 

Continua a leggere

Le spiagge e le escursioni

Ko Chang, spiagge ed escursioni

La spiaggia più famosa, nonché la più lunga, è quella di Hat Sai Khao, che si sviluppa dall’estremità nord-occidentale di Ko Chang per un terzo dell’isola.

Hat Sai Khao è anche l’area con la maggiore densità di alloggi ed i migliori ristoranti. Hat Khlong Phrao, appena a sud, oltrepassata una collinetta, è una spiaggia dorata più tranquilla e rilassante rispetto alla più grande.
A sud di Phrao Hat, più piccole ma non meno affascinanti, sono situate le spiagge di Hat Bae e Hat Kruat. Nella prima, le acque calme sono l’ideale per i nuotatori meno esperti. La maggioranza dei turisti si accontenta di rilassarsi sulla sabbia, ma ci sono molte altre attrazioni naturali che meritano un’escursione.
Ko Chang, le cascate
È possibile organizzare un’escursione dalla spiaggia di Khlong Phrao, attraverso la foresta pluviale, in direzione delle cascate Khlong Phlu. Per i più allenati, un percorso più lungo attraverso la catena montuosa dell’isola è la scelta più emozionante, ma è richiesta per legge una guida, che può essere assunta presso il proprio resort.
Anche la costa orientale dell’isola è ricca di attrazioni. Per iniziare è presente un centro visitatori con ospitato all’interno un modello tridimensionale dell’isola. Tra quelle naturali, la cascata Tham Mayom sviluppata su sei livello con una piccola piscina naturale alla base, e la più modesta Don Keo Waterfall nell’angolo nord-orientale dell’isola, poco lontano dalla città principale di Don Mai.

 

Scopri di più:

 

Condividi su: